Microspie GSM

novembre 30, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Triband

Le apparecchiature di ascolto a distanza hanno raggiunto un livello di miniaturizzazione, versatilità e di affidabilità tali da consentire a chi le utilizza di trovare il modello adatto alle proprie esigenze, siano forze dell’ordine alla ricerca di pericolosi criminali, mariti preoccupati della fedeltà delle proprie mogli o dirigenti d’azienda che intendano vigilare sui propri dipendenti.

Per essere sempre in grado di tenere sotto controllo il soggetto da sorvegliare, qualsiasi sia la distanza tra lui e il suo controllore, il mezzo migliore è sicuramente una microspia GSM, ossia un microfono nascosto, alimentato a batteria o a corrente elettrica (sia continua che alternata), collegato ad una scheda SIM come quella del nostro comune telefono cellulare.

Grazie a questo ingegnoso sistema, è possibile seguire il proprio soggetto ovunque egli vada, senza rischiare di compromettere l’operazione di sorveglianza dando troppo nell’occhio, in quanto sarà possibile restare in contatto attraverso una semplice telefonata verso il numero collegato alla microspia stessa.

Inoltre, per essere sicuri dell’efficienza dell’operazione, la maggior parte delle microspie GSM sono dotate di un sensore automatico di attivazione, che consente di rilevare un movimento, una voce o, se installate all’interno di un’autoveicolo, l’accensione dell’auto. Una volta rilevato un evento, sarà la microspia stessa a chiamare automaticamente verso un numero predefinito per avvertirvi che la persona controllata si sta muovendo o altro.

Le microspie GSM sono controllabili e configurabili a distanza; infatti, tramite l’invio di un semplice SMS, potrete impostare il numero che controlla la microspia, nonché i parametri di sensibilità del sensore di attivazione vocale, o anche resettare l’apparecchiatura, allo scopo di ottimizzare al massimo la vostra operazione di sorveglianza e dormire sonni tranquilli!

Per maggiori informazioni su microspie ambientali e GSM, e per una serie di apparecchiature per la sorveglianza e per la vostra sicurezza, potete visitare il sito di Endoacustica.

Una semplice cura può fermare la sclerosi multipla

novembre 27, 2009 Biotecnologia 1 Commento

Sclerosis

Un chirurgo dell’Università di Ferrara, il Dottor Paolo Zamboni, potrebbe aver trovato una cura sorprendentemente semplice per la sclerosi multipla, grazie ad una semplice operazione che sblocca il flusso sanguigno in uscita dal cervello.

Grazie a questa operazione, il 73% dei 65 pazienti operati dal Dr. Zamboni non presenta più sintomi di sclerosi multipla a due anni dall’operazione. Questi risultati poterbbero cambiare radicalmente le attuali conoscenze della sclerosi multipla, una malattia che affligge circa due milioni e mezzo di persone nel mondo, prevalentemente donne, e che fino ad ora si riteneva non avesse una cura ma soltanto dei trattamenti che potessero in qualche modo limitare la sofferenza dei pazienti.

L’idea del Dr. Zamboni è che molti tipi di sclerosi fossero causati da un blocco nel percorso di uscita del ferro in eccesso dal cervello. Ripulendo due vene principali in uscita dal cervello stesso, è stato possibile riaprire tale flusso sanguigno, ed eliminare la causa principale della malattia.

La ricerca del Dr. Zamboni è iniziata per un motivo personale: la scoperta che sua moglie era affetta dalla malattia. Nella sua frenetica ricerca di documentazione, ha trovato alcune vecchie fonti che ritenevano che l’eccesso di ferro nel cervello fosse una possibile causa di sclerosi.

Recuperando alcune sue ricerche in cui dimostrava come l’eccesso di ferro potesse danneggiare i circuiti venosi nelle gambe, ha pensato di applicare questo stesso principio al cervello, scoprendo che il 90% delle persone affette da sclerosi multipla ha una piccola malformazione nelle vene che scaricano il sangue dal cervello, da lui ribattezzata Insufficienza Cronica Venosa Cerebro-Spinale.

In breve, sbloccando le vene, i sintomi sono lentamente regrediti fino a sparire del tutto in molti casi. Ovviamente il tutto necessita di ulteriori verifiche e ricerche, ma chissà, potremmo avere finalmente trovato una cura per una malattia finora ritenuta letale?

Fallisce il volo intercontinentale dell’uomo jet

novembre 27, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Jetman

Un paio di giorni fa, l’avventuriero svizzero Yves Rossy ha tentato la prima traversata intercontinentale a bordo di un Jetpack, altrimenti detto zaino jet, ossia un sistema di propulsione a getto che permette il volo umano.

Il tentativo consisteva nel saltare da un aereo in volo sopra Tangeri, in Marocco, e puntare verso nord verso la località di Tarifa sulle coste spagnole, dove Rossy prevedeva di arrivare dopo 23 chilometri di traversata, un viaggio apparentemente breve, ma che ne avrebbe fatto il primo uomo a compiere una traversata intercontinentale tramite un mezzo di trasporto di questo genere.

Nello specifico, il mezzo usato da Rossy, ed ideato da lui stesso, si chiama Wingpack, e consiste di un’ala rigida in fibra di carbonio, dall’apertura alare di circa 2.40 metri, collegata ad uno zaino. Il pilota-passeggero indossa una tuta simile a quella dei pompieri per proteggersi dal calore dello scarico.

Sfortunatamente però, il tentativo non è andato a buon fine a causa della intensa nuvolosità presente nella zona al momento del volo. Rossy ha incontrato una forte turbolenza, e poiché per rimanere leggero volava senza strumentazione, ha tentato di salire oltre le nuvole, senza successo a causa della velocità troppo bassa (circa 300 chilometri orari ad un’altitudine di soli 850 metri).
A questo punto ha dovuto abbandonare il tentativo (ed anche il suo mezzo di trasporto) paracadutandosi in mare dove è stato prontamente recuperato senza danni.

Nonostante il fallimento di questo tentativo, Rossy ha immediatamente dichiarato che ci riproverà ad inizio anno, non prima di avere collaudato un sistema con un’ala più grande, con il quale volerà sopra il Grand Canyon. Un uomo sicuramente ostinato e determinato, non per niente il suo soprannome è Jetman…

Un Jammer GPS, per essere liberi dal satellite!

novembre 25, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Jammer

Le automobili di ultima generazione sono ormai quasi tutte munite di sistema di navigazione satellitare GPS, al punto che spesso e volentieri gli automobilisti, una volta scesi dall’auto, non sanno neppure più il nome della strada (se non addirittura della città!) dove si trovano.

Questo vuol dire che non siamo soltanto noi a sapere in ogni momento dove ci troviamo e in quale direzione dobbiamo muoverci per raggiungere la nostra destinazione, ma anche che il sistema satellitare, in ogni momento, conosce la nostra posizione, e la stessa può essere resa nota ad osservatori indiscreti, che potrebbero usare tale informazione contro di noi.

Pertanto, può essere utile rendersi irreperibili, ad esempio per chi vuole sbrigare degli affari privati (ah, l’infedeltà coniugale…), o per chi lavora come rappresentante di commercio per più aziende e non vuole far sapere ad una delle due l’indirizzo dei clienti dell’altra, oppure più semplicemente per camionisti che vogliono schiacciare un pisolino fuori orario dopo lunghe ore di guida.

Per tutti questi motivi, può essere utile dotarsi di un jammer GPS, ossia di un piccolo dispositivo che, semplicemente collegandolo all’accendino della vostra automobile, emette dei segnali codificati che interferiscono con il sistema di ricezione GPS, rendendolo temporaneamente non in grado di comunicare la sua posizione al satelite.

Tali onde di interferenza, oltre naturalmente a non essere dannose per la salute umana, non danneggiano il sistema di navigazione in alcun modo, ma semplicemente ne bloccano il dialogo col satellite.

Grazie a questo sistema, sarà possibile fare in modo di non essere reperibili in ogni momento, e si potrà gustare un po’ di pace, lontani dalla moderna esigenza di dover essere sempre collegati, sempre visibili e mai veramente liberi!

Il cordone ombelicale, una banca di cellule staminali

novembre 25, 2009 Biotecnologia 2 Commenti

Baby

La ricerca scientifica ha svariati sistemi per trarre vantaggio dalle conoscenze, sempre più profonde, in materia di cellule staminali. Tra le più recenti scoperte c’è quella della possibilità di conservare il sangue raccolto dal cordone ombelicale del neonato.

Tale sangue è quello che alimenta il bambino nel periodo prenatale, e pertanto, oltre ad essere quello più compatibile, è anche quello con caratteristiche più adatte a curare eventuali malattie che il bambino può contrarre durante la sua crescita.
Infatti è ricchissimo di cellule staminali, ossia cellule umane allo stato primitivo, che in seguito possono trasformarsi in specifici tessuti o aiutare la ricostruzione di organi, e pertanto possono essere usate per curare una serie di malattie in età più adulta.

Nel caso specifico, le cellule staminali ombelicali possono curare alcune forme di leucemia, o malattie rare quali la porfiria di Gunther o il nanismo di Hurler. Attualmente, in Italia non è possibile prelevare tali cellule, e chi vuole prevenire malattie di questo genere deve recarsi fino a Cipro, ove esiste una banca del sangue ombelicale. Grazie ad essa, i genitori che hanno una storia familiare con malattie ereditarie che possano essere curate con cellule staminali, possono conservare il sangue dei loro neonati ed usarlo in seguito come una riserva di cellule che possono aiutare la cura.

Il sangue viene prelevato dal cordone ombelicale, dopo la nascita, in maniera assolutamente sicura (il prelievo può essere effettuato da qualsiasi ginecologo), e viene poi inviato alla banca che provvede ad effettuare i necessari controlli sul sangue, ed in seguito a estrarre le cellule staminali e a conservarle per un periodo di 20 anni.

Tale conservazione ha un costo totale di 1600 euro, un costo che anche in tempi di crisi ci sentiamo di definire contenuto, specialmente se si tratta di difendere la salute dei nostri figli. Purtroppo, nonostante tale procedura sia perfettamente legale in molti paesi dell’Unione Europea, in Italia i dettami della Chiesa all’attuale governo non consentono l’utilizzo di cellule staminali, a tutto vantaggio della ricerca scientifica di altri paesi.

Come alimentare il vostro cellulare con il movimento della vostra auto

novembre 23, 2009 Tecnologia Nessun Commento

A380

Tempo fa abbiamo visto, su questo blog, come sia possibile, piazzando dei particolari pannelli in corrispondenza delle uscite autostradali, raccogliere ed immagazzinare l’energia cinetica delle auto.
Il prossimo passo sarà quello di raccogliere l’energia cinetica direttamente dagli stessi veicoli in movimento, ed usare l’energia immagazzinata per alimentare dei piccoli apparecchi elettronici all’interno dei veicoli stessi.

Tale operazione di raccolta energia cinetica sarà possibile tramite l’applicazione di cristalli piezoelettrici, studiati dal City College di New York. I cristalli, delle dimensioni di circa 1.2×2.5 cm, possono essere montati sul tetto di un veicolo in movimento, da un’automobile fino ad un aereo, e le loro vibrazioni generano un flusso d’aria che verrebbe raccolto in maniera da produrre un voltaggio.

Al momento, i ricercatori stanno lavorando sull’ottimizzazione di questo sistema a seconda del veicolo su cui esso viene montato: come si può immaginare, le turbolenze e vibrazioni a cui sono esposti sono enormemente diverse a seconda che tale sistema sia montato su un’automobile, su un camion o su un aereo.

Ovviamente l’energia generata non è certo sufficiente a fornire la spinta necessaria per far correre un’automobile o far volare un aereo, ma potrebbe essere utilizzata per far funzionare dei piccoli apparecchi elettronici all’interno del veicolo stesso. Ad esempio, se montata su un aeromobile, potrebbe essere utilizzata per fornire elettricità a computer portatili, telefoni cellulari o lettori MP3 dei passeggeri.

All’interno di un’automobile in movimento, invece, l’utilizzo di un tale sistema potrebbe fornire energia per alimentare il vostro cellulare; nel campo della sorveglianza, invece, si potrebbe fornire energia ad apparecchiature di ascolto nascosto quali ad esempio microspie GSM. In quel caso, resta da vedere come sarà possibile installare tali sensori… chi vivrà vedrà!

Cellulari invisibili

novembre 22, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Stealth Phone

Come abbiamo visto in svariati articoli precedenti su questo blog, le nostre conversazioni sul telefono cellulare sono tutt’altro che sicure, tutt’altro che private, tutt’altro che a prova di intercettazione. Al contrario, il cellulare è il mezzo di comunicazione che più ci espone al rischio che le nostre conversazioni vengano ascoltate da orecchie indiscrete, che potrebbero essere interessate a carpire informazioni da usare contro di noi, sia nel campo degli affetti che in quello lavorativo, specialmente se ci sono in ballo interessi a molte cifre.

L’errore che si compie più di frequente è quello di pensare che, ai fini di una eventuale intercettazione telefonica, sia soltanto il numero di telefono ad essere messo sotto controllo. Così facendo, si pensa di essere al sicuro semplicemente cambiando la scheda SIM del nostro cellulare, specialmente se andiamo all’estero.

Una volta cambiata la scheda, nell’errata convinzione di essere al sicuro da orecchie indiscrete, cominciamo a parlare liberamente dei nostri affari più riservati. Questo è un gravissimo errore, perché la maggior parte delle intercettazioni di cellulari avviene non soltanto sulla base del numero telefonico, ma anche rispetto al numero IMEI (international mobile Equipment Identity), ossia il numero che identifica ogni telefono cellulare presente sul mercato.

Ogni telefono ha il suo numero IMEI che lo identifica in maniera unica, e le moderne apparecchiature di ascolto nascosto sono in grado di intercettare le conversazioni di un cellulare a partire da questo numero. Se si riesce ad intercettare l’apparecchio, cambiare scheda non serve a nulla.

La soluzione teorica sarebbe quella di usare un diverso telefono ogni volta che si cambia scheda SIM, ma oltre ad essere poco pratico, questo sistema non ci difende dalle intercettazioni in maniera tanto sicura quanto può fare un cellulare invisibile, altrimenti detto Stealth Phone, che invece di cambiare scheda, cambia il suo numero IMEI a piacimento, quante volte vogliamo e senza cambiare apparecchio.

I cellulari invisibili sono dei normali telefoni modello Siemens S65, su cui è stato installato un particolare software che, su richiesta o in maniera automatica, può interagire con il firmware dell’apparecchio, cambiando il numero IMEI in maniera dinamica. In questo modo, è come se si usasse un apparecchio diverso ogni volta, senza cambiare telefono.

Inoltre, il telefono non intercettabile Stealth è dotato di una sorta di firewall incorporato, che avvisa immediatamente il suo utilizzatore nell’improbabile eventualità di un tentativo di intercettazione. Una volta ricevuto questo tipo di notifica, basta interrompere la chiamata, modificare il numero IMEI, e potremo riprendere la conversazione dal punto in cui l’avevamo lasciata.

Lo Stealth Phone, pertanto, è un metodo di sicura efficienza per proteggere la privacy delle nostre conversazioni telefoniche. Utilizzando un cellulare sicuro Stealth, saremo protetti da ascolti indiscreti, e potremo tranquillamente continuare a condurre i nostri affari, e a parlare con i nostri cari, senza timore che le nostre conversazioni possano essere ascoltate ed usate contro di noi. Inoltre, per essere sicuri che anche il nostro interlocutore sia protetto, e che le nostre conversazioni siano assolutamente impossibili da intercettare, è consigliabile che entrambe le parti di una conversazione utilizzino lo Stealth.

Per maggiori informazioni sul funzionamento dello Stealth Phone, nonché per visionare una vasta gamma di apparecchiature per la difesa da intercettazioni, potete visitare il sito di Endoacustica.

Nuove telecamere per sorveglianza con visione notturna da JVC

novembre 20, 2009 Tecnologia Nessun Commento

LoLux

La JVC ha appena annunciato la messa in commercio di quattro diversi modelli di telecamere analogiche per sistemi di sorveglianza a circuito chiuso, che possono funzionare anche in condizioni di illuminazione estremamente bassa (0.05 lux per immagini a colori, 0.006 per riprese in bianco e nero), e con un consumo di elettricità del 40% in meno.

Nonostante l’industria della sicurezza si muova a grandi passi verso l’utilizzo di sistemi digitali, allo stato attuale i sistemi CCTV di tipo analogico coprono ancora circa il 90% delle installazioni di questo tipo.
Le telecamere per sorveglianza Super LoLux prodotte da JVC, oltre all’alta sensibilità, forniscono anche un’alta risoluzione (580 linee) e sono dotate di un processore di segnale di tipo digitale. Inoltre, sono dotate di un otturatore automatico elettronico, di controlli automatici del guadagno e di uno zoom digitale fino a 2.0x.

Il tipo a cupola è dotato di protezione contro atti di vandalismo e tentativi di rimozione, quindi adatto per l’uso in esterni, o all’interno di centri commerciali o banche; la sua scocca in alluminio montata con viti speciali consente una protezione totale contro i tentativi di asportazione, mentre la cupola in policarbonato trasparente resiste agli impatti più violenti. Il modello a scatola è dotato di un sistema chiamato ExDR Plus, che migliora la resa in condizioni di alta luminosità, consentendo una migliore visualizzazione degli oggetti o delle persone più vicine anche se lo sfondo è molto illuminato.

Insomma, nonostante lo sviluppo tecnologico vada rapidamente verso l’adozione di sistemi digitali con trasmissione IP, i cari vecchi sistemi analogici sono ancora in grado di fare la loro parte in maniera affidabile, anche di notte!

Spoof card, occhio ai furti d’identità telefonica

novembre 20, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Spoof

L’ultimo pericolo per la difesa contro i furti d’identità nasce in maniera piuttosto innocente, per fare scherzi telefonici agli amici, ma rischia di poter creare ben altro tipo di problemi a chi ne è vittima, nonché a chi lo usa.

Stiamo parlando della Spoof Card, un servizio per cellulari che consente di effettuare chiamate dal proprio cellulare, ma visualizzando un altro numero. Non soltanto, utilizzando il servizio SpoofCard, è anche possibile modificare la propria voce, trasformandola da maschile a femminile, da bambino ad anziano e così via.

Inizialmente veniva usata essenzialmente per fare innocenti scherzi agli amici, quali chiamare sul cellulare di un amico in vacanza visualizzando il suo numero di casa, facendogli così credere di avere ladri in casa e facendogli prendere un bello spavento.

Sfortunatamente però, come gli ideatori avrebbero dovuto prevedere, l’utilizzo di un sistema del genere rischia di sconfinare nello stalking, con ex fastidiosi che possono intrufolarsi nella vita privata delle loro ex fidanzate, o persone che chiamano chi non vuole rispondere, visualizzando il numero del coniuge o del capoufficio per costringerle a rispondere.
Inoltre, il basso costo del servizio (circa 10 dollari) non serve certo a scoraggiare tali usi illeciti.

Insomma, nonostante il sistema sia definito perfettamente legale dai suoi ideatori, l’utilizzo che se ne fa rischia di non esserlo. Per essere sicuri al 100% che la propria identità telefonica sia protetta, è quindi utile dotarsi di strumenti di protezione, quali ad esempio un telefono invisibile, che ci protegge da tentativi di intercettazione e di ascolto indesiderati.

Per maggiori informazioni sulla difesa della privacy, su come proteggersi dai furti d’identità e da intrusioni nella vostra vita privata, potete visitare il sito di Endoacustica.

Newsletter

Seguici su Google Plus

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

Calendario

novembre: 2009
L M M G V S D
« ott   dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Attenzione! La mosca che ti ronza intorno potrebbe spiarti!

18 giu 2012

insetto robot per sorveglianza

Scarafaggi, api, moschoni, falene… quanti di voi odiano questi minuscoli e fastidiosi esseri? Entomofobici di tutto il mondo restate calmi! Da oggi gli insetti si fanno anche cyborg, permettendo di poter arrivare in luoghi dove le tradizionali telecamere non possono, per scopi di videosorveglianza e salvataggio. I membri del DARPA (Agenzia per i progetti di ricerca avanzata per la difesa) stanno, infatti, investendo molto tempo e denaro nella ricerca e …

Un nuovo sistema di sorveglianza per le merci pone interrogativi sulla privacy.

15 giu 2012

nuovo sistema di sorveglianza

È un po’ come avere installato sui beni che si cedono in affitto una sorta di localizzatore GPS. In realtà questa nuova tecnologia si chiama RFID, che sta per Radio Frequency Identification, ossia identificazione tramite frequenza radio. In sostanza stiamo parlando di microchips lavabili che si possono inserire in capi d’abbigliamento ed oggetti di ogni genere, per monitorarne i ritorni, nel caso in cui questi vengano dati in affitto. Sono …

Stalker, un’applicazione per iPhone il cui nome dice tutto.

12 giu 2012

stalker app

Supponete che un’amica vi chieda di spiare per lei il suo compagno che la tradisce. Oltre a pedinarlo e vedere con i vostri occhi per fare da testimone, avete anche bisogno di supportare le vostre affermazioni con delle prove, magari di scattare delle foto senza che lui se ne accorga. Supponete, inoltre, di avere con voi solo il vostro iPhone. Cosa potete fare?. Da oggi c’è una nuova applicazione che …

Dagli Stati Uniti, uno scanner per effettuare perquisizioni senza contatto fisico.

11 giu 2012

body scanner

Tra le nuove tecnologie utili per la difesa personale e civile e per lo spionaggio, avevamo già sentito parlare di strumenti come la penna scanner, in grado di scannerizzare documenti ed inviarli tramite Bluetooth o per email, o strumenti per vedere attraverso i muri, utili per scovare persone sequestrate o sopravvissuti in calamità naturali, come i terremoti. Un nuovo strumento si è affacciato sul mercato e sta mostrando la sua …

Il telefono che immobilizza l’aggressore, nuova frontiera della difesa personale?

7 giu 2012

cellulare immobilizzatore antiaggressione

A chi non è mai capitato di passeggiare da soli in un luogo buio o in un parco con l’ansia che qualcuno potesse farvi del male? Chi non hai mai pensato di utilizzare oggetti contundenti presenti nella propria borsa per un eventuale scopo di difesa personale? Starete pensando sicuramente alle chiavi, che un po’ tutti portiamo dietro. Ma mai avreste pensato ad un telefono cellulare o, meglio, a qualcosa che …

Un nuovo robot per la sorveglianza in movimento.

6 giu 2012

robot per sorveglianza video

I veicoli a controllo remoto e senza pilota umano (UGV- Unmanned Ground Vehicles) si sono dimostrati davvero utili per usi militari ma diversi studi di settore dimostrano come essi possano essere applicati anche alla sicurezza civile. Un valido esempio di questi strumenti è il GroundBot, prodotto da un’azienda svedese. Capace di rotolare nel fango, nella sabbia, nella neve e persino di galleggiare sull’acqua, questo particolare robot ha una forma sferica …

L’abbigliamento anti-proiettili si fa intimo.

5 giu 2012

intimo anti-proiettili

I soldati che pattugliano le strade dell’ Afghanistan a piedi sono costretti a fronteggiare una serie di pericoli che sicuramente in un carro armato non troverebbero. Uno di questi rischi è rappresentato dai dispositivi esplosivi improvvisati (o IED), che molto spesso causano la perdita di arti o danni alle “parti basse”. A tal proposito è stato sviluppato un sistema di protezione pelvico che comprende due livelli: uno interno, chiamato “PUG” …

Agente segreto con “licenza di polsino”.

1 giu 2012

gemelli da polso wi fi

Lo 007 dei tempi moderni, oltre ad essere coraggioso, scaltro e furbo, deve essere anche high-tech, se vuole essere al passo con i tempi e non rimanere confinato in un film degli anni Sessanta. Avevamo sentito parlare di gemelli da polso che sono in realtà chiavette usb, ma non avremmo mai potuto immaginare di poter avere questi gemelli in una nuova versione, per condividere una rete wi-fi. Se un gemello, …

Microspia video 3G, un grande passo in avanti nella videosorveglianza.

28 mag 2012

sorvegliare a distanza

Fino a qualche anno fa pensare ad una microspia che fornisse accesso immediato ad un luogo dall’altra parte del globo, permettendo di vedere e ascoltare ciò che stesse succedendo, era pura fantascienza. La tecnologia, però, ha raggiunto ormai livelli prima impensabili, permettendo di controllare a distanza ed in tempo reale qualsiasi luogo, che sia esso interno o esterno. La microspia video 3G è un piccolo gioiello tecnologico che permette il …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.