La realtà aumentata al servizio della guida sicura

marzo 23, 2010 Tecnologia Nessun Commento

AR Windshield

Trovarsi a guidare sotto una fitta pioggia, o in una nebbia che si taglia col coltello, non è certo un’esperienza piacevole, e spesso usare i fari fendinebbia non migliora di molto la situazione. In casi del genere, fortunatamente, la tecnologia moderna può venirci incontro, almeno secondo le ultime sperimentazioni svolte dalla General Motors.

Il colosso di Detroit, infatti, sta sviluppando uno speciale tipo di parabrezza che, montato sulle sue auto, consentirebbe una guida più sicura ed un più facile orientamento in condizioni di scarsa visibilità, utilizzanto il principio della realtà aumentata.

In pratica, il parabrezza della vostra auto diventerebbe un unico grande display, sul quale verrebbero proiettati dati ed immagini, raccolti tramite una serie di telecamere e di sensori, che aiutano a ricostruire l’immagine che il guidatore vedrebbe in quel momento se la visibilità fosse normale. Oltre a questo, il sistema è in grado, proprio come un normale navigatore GPS, di rilevare incidenti o blocchi stradali.

I sensori sul parabrezza, inoltre, possono registrare i movimenti e le reazioni del guidatore, aiutandolo a mantenere un corretto stile di guida, ad esempio proiettando sullo schermo la linea che delimita la carreggiata, in modo da evitare uscite di strada anche se la nebbia dovesse essere così fitta da non poter vedere la linea stessa.

Il parabrezza a realtà aumentata usa apparecchiature di visione notturna a raggi infrarossi, sistemi di navigazione GPS e sensori di vario tipo, abbinati ad uno schermo al fosforo. Si potrebbe anche aggiungere al tutto un’interfaccia in grado di avvisare il guidatore su limiti di velocità ed uscite stradali, e la sicurezza sarebbe completa. In questa fase, non è previsto un lancio immediato sul mercato, ma nel prossimo futuro, le nostre auto potrebbero essere molto diverse da come le conosciamo ora.

Microregistratori spia

marzo 22, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Miniat

La cassetta degli attrezzi della perfetta spia è cambiata drasticamente nel corso degli anni, ma sempre utilizzando gli ultimo ritrovati della tecnologia miniaturizzata, che sia una penna stilografica che al suo interno nasconde una pistola come nei film di James Bond, un microtrasmettitore nascosto nella fibbia di quelal che sembra una normale cintura, o un micro registratore audio digitale che somigli, ad esempio, al portachiavi della vostra auto.

Gli agenti segreti sono sempre stati all’avanguardia nell’uso della tecnologia, perchè per poter carpire informazioni segrete, bisogna essere il più possibile discreti ed invisibili, e la tecnologia audio in miniatura è il perfetto complemento per questo tipo di lavoro.
Al giorno d’oggi, un sistema di registrazione può essere piccolo come una moneta da 2 Euro, e può contenere al suo interno una scheda di memoria dalla capacità fino a 32 Gigabyte, il che vuol dire che, grazie al suo microfono miniaturizzato, è possibile captare e registrare ore ed ore di conversazioni e suoni, senza essere minimamente notati.

Dopo tutto, chi potrebbe mai pensare che una penna, un portachiavi, una stilografica, un drive USB o un accendino, mentre funzionano perfettamente come tali, nascondano in realtà un registratore spia in miniatura, ad alta sensibilità e capace di captare suoni in un raggio di 10 metri con estrema chiarezza?

Il moderno agente segreto ha a sua disposizione una serie di apparecchiature per registrare suoni o conversazioni, per girare video o raccogliere immagini segrete, così come cavi in fibra ottica che possonoe ssere usati come telecamere nascoste, o anche cellulari che trasmettono segretamente le proprie conversazioni in tempo reale ad un ascoltatore lontano.

Tutti questi attrezzi hanno in comune una caratteristica: sono quasi invisibili, e la loro vera funzione non è immediaatamente intuibile, rendendoli perfetti per operazioni sotto copertura!

Oggi una videocamera da sorveglianza rileva anche obiettivi puntati

marzo 22, 2010 Tecnologia Nessun Commento

CS300K

Quando si organizza la difesa di obiettivi sensibili quali ad esempio ambasciate, installazioni militari o qualsiasi obiettivo che possa rivestire un valore simbolico per terroristi di qualsiasi tipo, si devono prendere in considerazione non solo le minacce immediate quali autobombe o kamikaze, ma anche quelle meno immediate, come ad esempio la presenza in zona di persone che possano fotografare o riprendere il luogo sotto protezione, per preparare eventuali piani per un attentato.

Per difendersi da questo tipo di minacce non immediate, è stata pensata la telecamera per sorveglianza video a lunga distanza CS300K, prodotta dalla JET Protect.

Il funzionamento di questa telecamera si basa sullo stesso effetto “anti occhi rossi” usato dai flash delle normali fotocamere domestiche, proiettandolo a distanze anche di centinaia di metri, per rilevare binocoli, foto e video camere, o addirittura il visore di un fucile ad alta precisione; se tarata al massimo della potenza, può anche rilevare gli occhi umani!

Grazie ad essa sarà possibile integrare la protezione armata, con un sistema di “early warning” che permette di rilevare allarmi prima che sia troppo tardi, grazie all’azione combinata dei raggi laser e del suo software incorporato. In questo modo sarà possibile passare all’azione, sia offensiva che difensiva, salvando vite umane o sventando un eventuale attacco.
Pertanto, questo sistema segna il passaggio dalla videosorveglianza puramente passiva ad una attiva.

I produttori prevedono di trovare mercato per la telecamera CS300K non soltanto presso esercito od enti militari, ma anche presso agenzie di sicurezza che proteggono persone a rischio quali diplomatici o negoziatori, sempre a rischio di attacchi terroristici a causa della delicatezza del loro lavoro.

Sensori video ancora più potenti, per vedere anche al buio

marzo 22, 2010 Tecnologia Nessun Commento

QuantumFilm

Nei giorni scorsi, l’azienda californiana InVisage Technologies ha presentato il suo ultimo prodotto chiamato Quantum Film, ossia il primo sensore video basato sul principio della meccanica quantistica.

Grazie a questa tecnologia, il sensore è in grado di fornire prestazioni 4 volte migliori rispetto ai normali sensori utilizzati per le telecamere dei telefoni cellulari. I semiconduttori quantistici usati sono in grado di catturare fino al 95% della luce presente intorno a sé, in confronto ad un risultato medio del 25% ottenuto dai sensori al silicio usati per tutte le fotocamere digitali presenti sul mercato.

In questo modo sarà possibile ottenere una migliore qualità di immagine specialmente in condizioni di scarsa illuminazione, permettendo anche alle microcamere di dimensioni più ridotte di ottenere prestazioni di livello professionale mantenendo un ingombro limitato.

Il sensore QuantumFilm, sviluppato nell’arco di tre anni nei laboratori della InVisage, cattura l’immagine che viene poi trasmessa al normale sensore CMOS al silicio, che la legge, la elabora ed infine la invia alla memoria della fotocamera dove viene immagazzinata. QuantumFilm dovrebbe vedere la luce sul mercato nell’ultimo trimestre dell’anno in corso, e se ne prevede l’uso su telefoni cellulari di tipo smartphone di fascia alta, almeno in una fase iniziale.

In una fase successiva, è previsto l’utilizzo anche su videocamere e macchine fotografiche; aspettiamo fiduciosi nuovi sviluppi di quello che potrebbe rivelarsi come un ulteriore passo avanti nel campo della videosorveglianza, specialmente per la raccolta di immagini in condizioni di scarsa illuminazione.

Dirigibile ad energia solare, per voli non-stop

marzo 22, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Blimp

Il Ministero della Difesa degli USA sta sviluppando un programma per la creazione di un dirigibile, che può essere usato per missioni ad alta quota in zone di guerra, per la raccolta e la trasmissione in tempo reale di immagini e dati radar da e verso le truppe impegnate in operazioni di terra.

Ovviamente, visti i passi da gigante compiuti dalla tecnologia negli ultimi 100 anni, le uniche cose che questo dirigibile ha in comune con quelli pionieristici del secolo scorso sono essenzialmente la forma e l’elio al suo interno. Tutto il resto cambia drasticamente, a cominciare dalla modalità di alimentazione, che avviene tramite pannelli solari posizionati sul corpo.

Grazie a questi pannelli, il pallone, chiamato ISIS (Integrated Sensor Is the Structure) è in grado di volare a circa 10mila metri di altezza, ad una velocità di crociera di circa 60 nodi con punte di 100 in caso di minaccia imminente. L’alimentazione ad energia solare gli consente di volare ininterrottamente per 10 giorni, raggiungendo qualsiasi destinazione sul nostro pianeta, il tutto in maniera automatica grazie al suo sistema di posizionamento GPS.

Al suo interno, ISIS può trasportare un sistema radar, in grado di monitorare i movimenti di bersagli in movimento in cielo ed in terra, e di raccogliere immagini radar ad alta risoluzione delle zone di battaglia, sia di giorno che di notte, nel raggio di circa 250 chilometri a terra e quasi 600 in aria.

I suoi pannelli solari gli consentono di raccogliere energia durante il giorno, trasformando l’acqua contenuta nei suoi serbatoi in idrogeno ed ossigeno; tali particelle vengono, durante la notte, ricombinate in una pila a combustibile per generare l’energia elettrica necessaria all’alimentazione del motore.

La sua entrata in servizio è prevista per il 2014, un anno che potrebbe vedere il pensionamento di aerei da sorveglianza quali gli AWACS, in favore di un sistema ecologico e di lunga durata.

Nel 21esimo secolo, le microspie sono senza fili

marzo 18, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Lives

Da bravo appassionato di cinema, il vostro blogger qualche giorno fa stava guardando Le Vite Degli Altri, un film tedesco che racconta la storia di un agente della Stasi nella Repubblica Democratica Tedesca degli anni 80.
Arrivato alla scena in cui il protagonista del film scopre che la sua casa era infestata da microspie, e che era stato segretamente ascoltato per anni, non ho potuto fare a meno di sorridere.

In questa scena, il personaggio scopre le centinaia di metri di cavi che erano stati piazzati all’interno dei muri della sua casa, e che collegavano una serie di trasmettitori audio nascosti, i quali consentivano l’ascolto segreto ad un operatore nascosto in una stanza nel palazzo di fronte.

Sorridevo in maniera quasi nostalgica, pensando ai risultati che la Stasi è stata in grado di ottenere con I mezzi quasi primitivi a sua disposizione, specialmente se confrontiamo quelle cimici con le moderne microspie ambientali.

Prima di tutto, i trasmettitori nascosti di tipo moderno non hanno bisogno di cavi per funzionare e per trasmettere, poiché possono essere alimentati a batteria, o ricevere energia direttamente dai cavi della linea telefonica. In questo modo, la durata dell’operazione di sorveglianza può essere pressoché illimitata.

Ma la caratteristica più importante è la possibilità di trasmettere le informazioni raccolte non via radio a pochi metri di distanza, ma ovunque, anche dall’altra parte del mondo, grazie ad una semplice telefonata. Infatti, una microspia GSM può alloggiare una scheda SIM proprio come quella dei nostri cellulari, ed usarla per effettuare una chiamata in segreto, verso un numero preimpostato.

Chi riceve la chiamata deve soltanto alzare il ricevitore, ovunque si trovi e qualsiasi cosa stia facendo, per ascoltare comodamente, senza lunghi e noiosi appostamenti passati ad aspettare un suono od una voce.

Mica male come miglioramento, eh?

Non serve un pilota per portare carichi pesanti

marzo 18, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Hummingbird

La Boeing ha appena completato una serie di voli di prova, per testare le potenzialità della nuova versione del proprio elicottero senza pilota Hummingbird.

Questa versione, denominata A160T, è in grado di trasportare poco meno di 600 chilogrammi di materiale, appeso mediante un cavo alla parte inferiore del veicolo, ad una distanza di circa 150 miglia nautiche, compreso il viaggio di ritorno verso la base. Si tratta di un sistema di tipo UAV (Unmanned Aerial Vehicle) che non necessita pertanto di un intervento umano diretto, se si esclude ovviamente la fase di preparazione del carico e la programmazione dell’itinerario.

Durante i test svolti, l’elicottero Hummingbird è stato messo alla prova portandolo all’altezza di circa 3650 metri (12000 piedi) a pieno carico, mantenendo la posizione per circa 2 minuti. Inoltre, sono state simulate operazioni notturne ed in condizioni atmosferiche difficili, ed i test sono stati superati a pieni voti e con estrema precisione.

L’elicottero Hummingbird è uno dei cavalli da battaglia della Boeing nel settore degli UAV, operativo ormai da anni e detentore del record di durata massima di volo senza rifornimento.
Grazie alla sua flessibilità e precisione, questo specifico modello di Hummingbird può essere usato per operazioni di carico e scarico a breve raggio, in maniera continuativa sia durante il giorno che di notte, permettendo di organizzare al meglio gli approvvigionamenti di materiale per le truppe impegnate in zone di guerra di difficile accessibilità per i mezzi da carico tradizionali.

Inoltre, se adeguatamente equipaggiato con apparecchiature video e fotografiche, può essere un valido strumento per missioni di ricognizione, individuazione bersagli e video sorveglianza aerea.

Un elicottero a razzo semplice da usare

marzo 18, 2010 Tecnologia Nessun Commento

DF1

Il mini elicottero Dragonfly DF1 è un elicottero monoposto, prodotto dalla Swisscopter, azienda che nonostante il nome ha sede in Arizona. La sua particolarità risiede nel fatto che il movimento viene dato non da un normale motore compreso nel corpo del veicolo, ma da razzi applicati sulla punta delle sue pale.

I razzi sono alimentati da perossido di idrogeno, contenuto in due serbatoi posizionati accanto al sellino del pilota. Grazie a questo sistema di alimentazione, il microelicottero può portare il suo occupante a circa 4000 metri di altezza, ad una velocità massima di 185 chilometri orari.

L’elicottero a razzo è semplicissimo da manovrare, e i razzi piazzati sulle pale garantiscono maggiore stabilità e minori vibrazioni.
In passato, si era tentato di costruire prototipi di elicotteri a razzo, senza successo a causa di vari problemi tecnici, che sembrano essere superati dal Dragonfly, il quale aggiunge anche una estrema maneggevolezza e controlli semplificati.

Il suo peso a vuoto è di soli 106 kg, ed a pieno carico di carburante ha una autonomia di circa 100 minuti di volo.
Le possibili applicazioni sono svariate: dal trasporto di materiale bellico leggero in zone di guerra di difficile accessibilità, alle riprese televisive o cinematografiche dall’alto.

La casa produttrice Swisscopter ha già completato la prima fase di test, e prevede di lanciarlo sul mercato entro la fine del 2010; a tale scopo, oltre ad una versione con abitacolo coperto da un involucro in fibra di carbonio, si sta studiando la possibilità di creare anche un modello a due posti, particolarmente utile per applicazioni che richiedono massima concentrazione, come ad esempio le riprese video.

Il prezzo del micro elicottero Dragonfly non è stato ancora reso pubblico.

Sistemi di registrazione spia

marzo 17, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Microrec

Non soltanto per agenti segreti, forze di polizia o cacciatori di segreti, l’uso di apparecchiature elettroniche in miniatura per registrare in segreto conversazioni e telefonate si è ormai ampliato ad una serie di altri campi, grazie alla costante diffusione e ai prezzi in discesa, che rendono un registratore spia ormai alla portata di quasi tutte le tasche.

Questo vuol dire che questo genere di apparecchiature, che inizialmente erano nate come un utile accessorio per spie ed agenti segreti, sono ora di uso comune anche per utilizzi di svago o per lavoro, ad esempio per registrare un concerto dal vivo, un discorso o una conferenza, o per prendere appunti durante una conferenza, fino a chi le usa per prendere note al volo mentre si trova in viaggio o nel traffico.

I micro registratori digitali si possono trovare in formati dall’ingombro minimo, come si evince dal nome stesso. Ma oltre a questo, si possoo trovare anche in una varietà di forme ed aspetti che non verrebbero immediatamente riconosciuti come un sistema di registrazione.

Ad esempio, chi potrà mai pensare che quello che a una prima occhiata sembra un normalissimo telecomando della vostra auto, o la relativa chiave, oppure un orologio, una penna, un rossetto o anche un drive USB, nasconda in realtà un registratore in miniatura?

Inoltre sono dotati di diverse caratteristiche, come ad esempio un sistema di attivazione vocale, che permette di assicurarsi che la registrazione venga attivata soltanto quando è effettivamente necessario, ad esempio in presenza di un rumore o di una voce captati dal sensore stesso. In questo modo, lo spazio nella memoria del microregistratore viene usato al meglio, senza pause e, soprattutto, senza correre il rischio di lasciarsi sfuggire informazioni importanti.

La capacità e le caratteristiche possono variare secondo il tipo di utilizzo per il quale avete bisogno di un registratore digitale, ma grazie alla loro estrema versatilità, chiunque può averne bisogno, da uno studente ad un agente segreto!

Newsletter

Seguici su Google Plus

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

Calendario

marzo: 2010
L M M G V S D
« feb   apr »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Attenzione! La mosca che ti ronza intorno potrebbe spiarti!

18 giu 2012

insetto robot per sorveglianza

Scarafaggi, api, moschoni, falene… quanti di voi odiano questi minuscoli e fastidiosi esseri? Entomofobici di tutto il mondo restate calmi! Da oggi gli insetti si fanno anche cyborg, permettendo di poter arrivare in luoghi dove le tradizionali telecamere non possono, per scopi di videosorveglianza e salvataggio. I membri del DARPA (Agenzia per i progetti di ricerca avanzata per la difesa) stanno, infatti, investendo molto tempo e denaro nella ricerca e …

Un nuovo sistema di sorveglianza per le merci pone interrogativi sulla privacy.

15 giu 2012

nuovo sistema di sorveglianza

È un po’ come avere installato sui beni che si cedono in affitto una sorta di localizzatore GPS. In realtà questa nuova tecnologia si chiama RFID, che sta per Radio Frequency Identification, ossia identificazione tramite frequenza radio. In sostanza stiamo parlando di microchips lavabili che si possono inserire in capi d’abbigliamento ed oggetti di ogni genere, per monitorarne i ritorni, nel caso in cui questi vengano dati in affitto. Sono …

Stalker, un’applicazione per iPhone il cui nome dice tutto.

12 giu 2012

stalker app

Supponete che un’amica vi chieda di spiare per lei il suo compagno che la tradisce. Oltre a pedinarlo e vedere con i vostri occhi per fare da testimone, avete anche bisogno di supportare le vostre affermazioni con delle prove, magari di scattare delle foto senza che lui se ne accorga. Supponete, inoltre, di avere con voi solo il vostro iPhone. Cosa potete fare?. Da oggi c’è una nuova applicazione che …

Dagli Stati Uniti, uno scanner per effettuare perquisizioni senza contatto fisico.

11 giu 2012

body scanner

Tra le nuove tecnologie utili per la difesa personale e civile e per lo spionaggio, avevamo già sentito parlare di strumenti come la penna scanner, in grado di scannerizzare documenti ed inviarli tramite Bluetooth o per email, o strumenti per vedere attraverso i muri, utili per scovare persone sequestrate o sopravvissuti in calamità naturali, come i terremoti. Un nuovo strumento si è affacciato sul mercato e sta mostrando la sua …

Il telefono che immobilizza l’aggressore, nuova frontiera della difesa personale?

7 giu 2012

cellulare immobilizzatore antiaggressione

A chi non è mai capitato di passeggiare da soli in un luogo buio o in un parco con l’ansia che qualcuno potesse farvi del male? Chi non hai mai pensato di utilizzare oggetti contundenti presenti nella propria borsa per un eventuale scopo di difesa personale? Starete pensando sicuramente alle chiavi, che un po’ tutti portiamo dietro. Ma mai avreste pensato ad un telefono cellulare o, meglio, a qualcosa che …

Un nuovo robot per la sorveglianza in movimento.

6 giu 2012

robot per sorveglianza video

I veicoli a controllo remoto e senza pilota umano (UGV- Unmanned Ground Vehicles) si sono dimostrati davvero utili per usi militari ma diversi studi di settore dimostrano come essi possano essere applicati anche alla sicurezza civile. Un valido esempio di questi strumenti è il GroundBot, prodotto da un’azienda svedese. Capace di rotolare nel fango, nella sabbia, nella neve e persino di galleggiare sull’acqua, questo particolare robot ha una forma sferica …

L’abbigliamento anti-proiettili si fa intimo.

5 giu 2012

intimo anti-proiettili

I soldati che pattugliano le strade dell’ Afghanistan a piedi sono costretti a fronteggiare una serie di pericoli che sicuramente in un carro armato non troverebbero. Uno di questi rischi è rappresentato dai dispositivi esplosivi improvvisati (o IED), che molto spesso causano la perdita di arti o danni alle “parti basse”. A tal proposito è stato sviluppato un sistema di protezione pelvico che comprende due livelli: uno interno, chiamato “PUG” …

Agente segreto con “licenza di polsino”.

1 giu 2012

gemelli da polso wi fi

Lo 007 dei tempi moderni, oltre ad essere coraggioso, scaltro e furbo, deve essere anche high-tech, se vuole essere al passo con i tempi e non rimanere confinato in un film degli anni Sessanta. Avevamo sentito parlare di gemelli da polso che sono in realtà chiavette usb, ma non avremmo mai potuto immaginare di poter avere questi gemelli in una nuova versione, per condividere una rete wi-fi. Se un gemello, …

Microspia video 3G, un grande passo in avanti nella videosorveglianza.

28 mag 2012

sorvegliare a distanza

Fino a qualche anno fa pensare ad una microspia che fornisse accesso immediato ad un luogo dall’altra parte del globo, permettendo di vedere e ascoltare ciò che stesse succedendo, era pura fantascienza. La tecnologia, però, ha raggiunto ormai livelli prima impensabili, permettendo di controllare a distanza ed in tempo reale qualsiasi luogo, che sia esso interno o esterno. La microspia video 3G è un piccolo gioiello tecnologico che permette il …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.