Alla ricerca di un compromesso per Blackberry in India

agosto 27, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Dopo aver raggiunto un compromesso con il governo saudita, per RIM, produttrice dei telefoni BlackBerry, si avvicina la scadenza posta dal governo indiano, che ha richiesto accesso ai dati criptati, e più precisamente al traffico di posta elettronica, che viaggiano sulla piattaforma BlackBerry.

Tale richiesta, così come quelle provenienti non solo dall’Arabia Saudita, ma anche dagli Emirati Arabi e dall’Indonesia, si basa su non meglio specificati criteri di sicurezza nazionale, ma RIM controbatte che non è nelle sue possibilità garantire l’accesso solo ad alcuni governi, e comunque ciò non sarebbe fattibile da un punto di vista tecnico, in quanto i dati, come sappiamo, sono criptati secondo una chiave di codifica creata non dall’operatore della piattaforma (ossia RIM), ma da ogni singolo utente, e RIM non ne possiede una copia.

Allo scopo di trovare un compromesso in questa querelle, la Research In Motion ha proposto di creare e guidare un forum tra operatori del settore, in modo da trovare una soluzione condivisa, che garantisca la legittima esigenza di ogni governo al mantenimento della sicurezza nazionale, cercando di non invadere il sacrosanto diritto alla privacy di ogni singolo cittadino.

Al momento non sono stati forniti dettagli approfonditi sulla composizione, durata e sui partecipanti di questo forum, ma la casa produttrice dei BlackBerry ha espresso il suo supporto e collaborazione al governo indiano nella ricerca comune di una soluzione che non pregiudichi le esigenze governative e quelle dei cittadini, specificando che vietare il servizio creerebbe problemi non solo di comunicazione, ma anche di carattere commerciale, alle aziende indiane; inoltre, hanno specificato che il fatto che RIM possa posizionare i suoi servers in India per supportare il servizio locale non significa che il governo abbia automaticamente accesso ai dati che richiede.

Il Pentagono sotto attacco degli hackers

agosto 27, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Il viceministro della Difesa degli Stati Uniti ha recentemente ammesso la notizia, già circolata negli ambienti specializzati, secondo la quale il Pentagono è stato vittima, nel 2008, di un attacco che è già stato definito la più seria intrusione mai subita dai computers militari americani.

Apparentemente l’incidente è stato scoperto, e le sue conseguenze messe sotto controllo, soltanto 14 mesi dopo, e questo dato è forse ancora più preoccupante dell’attacco stesso. Secondo quanto dichiarato dal viceministro Lynn, l’attacco è partito da un drive USB collegato ad un computer militare da qualche parte in Medio Oriente, inserito da spie straniere.

All’interno del drive USB era contenuto un malware che è riuscito ad inserirsi nella rete del Central Command, e a diffondersi all’interno di sistemi che contenevano dati sensibili e segreti militari. Tramite questo codice, che funzionava un po’ come una sorta di testa di ponte virtuale, chi aveva preparato l’attacco è riuscito a trasferire questi dati verso i propri servers.

Fortunatamente, le conseguenze dell’attacco sono state relativamente limitate, in quanto il codice malware, chiamato “Agent BTZ”, ha bisogno di un collegamento Internet pubblico per funzionare completamente, e le reti Intranet della Difesa americana, fortunatamente, usano le proprie infrastrutture. Se fosse stato in grado di funzionare anche via Intranet, i danni sarebbero potuti essere incalcolabili.

Secondo alcuni media, tale attacco potrebbe essere stato portato da agenti russi, anche se tale indiscrezione non è stata confermata. Quello che è sicuro è che, dopo questa esperienza, il Pentagono ha espressamente vietato ai propri funzionari di usare drives esterni USB non sicuri, che non abbiano una specifica certificazione che li rende adatti all’uso da parte di funzionari militari e governativi.

Un software che prevede i comportamenti criminali

agosto 26, 2010 Tecnologia Nessun Commento

La fantasia di Philip K. Dick e del suo Minority Report, da cui fu tratto un film di successo con Tom Cruise, sembra essersi realizzata, anche se in forma diversa, a Philadelphia e Baltimora. Infatti, se nel film la polizia impiegava dei veggenti per prevedere gli omicidi ed intervenire pochi istanti prima che si realizzassero, nelle città americane la polizia ha a sua disposizione un software in grado di analizzare la probabilità secondo la quale dei criminali già conosciuti alla polizia possano cadere in tentazione e commettere nuovi crimini.

Tale software attualmente viene usato per valutare l’opportunità di una sorveglianza più o meno stretta sui detenuti rilasciati su cauzione, per tentare, per quanto possibile, di prevenire eventuali rischi che tali detenuti commettano degli omicidi. In futuro, la polizia di Washington spera di usare una versione aggiornata di questo software anticrimine, sviluppato da un professore della University of Pennsylvania, anche per prevenire crimini di entità minore.

Se il software dovesse dimostrarsi efficiente, potrebbe essere utilizzato non soltanto per valutare il livello di sorveglianza necessario, ma anche in tribunale, per valutare l’entità della cauzione. Finora sono stati gli ufficiali di sorveglianza ad essere responsabili nel valutare i progressi dei detenuti durante la loro libertà, ed in base al loro giudizio personale, unito al “curriculum” del detenuto, viene impostato il livello di sorveglianza da applicare.

Grazie a questo programma, invece, sarà il mezzo elettronico a prendere tale decisione, sulla base di un algoritmo sviluppato dal gruppo di ricerca del professor Berk, che esamina una serie di variabili, dalla storia criminale fino al luogo di residenza, in base alle quali la persona in questione è più esposta al rischio di diventare un assassino.

Un navigatore GPS nel vostro supermercato preferito

agosto 26, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Tutti coloro che usano un navigatore GPS portatile, sia sul proprio cellulare o uno di quelli tascabili, sanno bene che, quando ci si trova all’interno di un palazzo o di una costruzione quale ad esempio un centro commerciale, il sistema di navigazione va in tilt e perde in precisione, perché ovviamente, esso è progettato soltanto per guidarci in strada e non dentro casa o nel supermercato.

Oggi però, grazie ad un sistema sviluppato dall’americana Point Inside, è possibile usare la navigazione GPS anche in interni, almeno se si è clienti dei supermercati Meijer, una catena presente nel Midwest americano.
Infatti, da una cooperazione tra i due è nata un’applicazione iPhone che permetterà ai clienti del supermercato di navigare con precisione all’interno del supermercato, per trovare più facilmente i prodotti che stanno cercando ed evitare di perdere tempo vagando tra gli scaffali.

Questa applicazione GPS, chiamata Find-It, comprende un database di circa 100 mila articoli, ed è in grado di guidare chi la usa verso il prodotto che sta cercando, usando una combinazione tra il segnale satellitare GPS, quello della rete cellulare e quello della rete WiFi presente all’interno dei negozi. Attualmente, Find-it è presente soltanto in 4 supermercati della catena Meijer, dove viene usata come test per sviluppi futuri.

In futuro, un’applicazione del genere potrebbe uscire dai centri commerciali, per sbarcare in una serie di altri luoghi dove un’assistenza all’orientamento sarebbe benvenuta, ad esempio negli aeroporti, specialmente i grandi scali internazionali dove il viaggiatore meno esperto può facilmente perdersi. Grazie ad un sistema di questo tipo sarebbe molto più facile trovare la giusta porta d’imbarco ed evitare di perdersi… e di perdere il proprio volo!

GSM Interceptor, per ascoltare tutti i cellulari intorno a voi

agosto 26, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Per le forze dell’ordine, la possibilità di intercettare le conversazioni che si svolgono tramite telefoni cellulari è spesso vitale nel corso di un’indagine, perché consente di raccogliere informazioni e prove che possono portare alla cattura di pericolosi criminali, e, soprattutto, possono essere usate contro di loro in sede di giudizio.

Ovviamente il modo migliore per captare le conversazioni è quello di riuscire ad individuare il telefono della persona sotto controllo, cosa che non sempre è possibile per evidenti ed ovvie ragioni di sicurezza, poiché esporsi direttamente per cercare di dotare il nostro obiettivo di un cellulare spia potrebbe essere troppo rischioso e compromettere l’operazione.

In situazioni del genere, il modus operandi migliore è quello di cercare di localizzare la zona dove la persona sotto sorveglianza si muove, e passare all’azione con un sistema di intercettazione telefonica passiva.

Ad esempio, il GSM Interceptor è un sistema di intercettazione cellulari che può ascoltare qualunque conversazione che si svolga su un telefono cellulare nel raggio di 500 metri, senza che la sua presenza sia rilevabile in alcun modo da parte dell’operatore di rete. Grazie ad esso è possibile monitorare fino a 200 diversi numeri, ottenendo una registrazione delle telefonate, nonché tutti i dati relativi al numero dell’interlocutore chiamato, l’ora e la durata della telefonata stessa.

Il GSM Interceptor funziona tramite la scansione automatica dei canali, ed una volta che localizza un canale su cui è in corso una telefonata, si mette automaticamente all’ascolto, rilevando i vari numeri identificativi degli apparecchi collegati.

Essi sono il numero IMEI, ossia quello che identifica il singolo apparecchio cellulare, l’IMSI, ovvero il numero assegnato alla SIM card montata all’interno del telefono stesso, ed il numero TMSI, che è un numero che viene assegnato dalla “cella” al telefono quando esso si trova nella sua zona di copertura.
Grazie ai primi due numeri, sarà quindi possibile identificare il telefono della persona da seguire, e in un secondo tempo monitorarne le telefonate ovunque essa si trovi.

Il sistema di monitoraggio passivo GSM Interceptor è contenuto all’interno di una pratica valigetta, pertanto può essere portato pressoché ovunque per monitorare le telefonate nella zona circostante, senza dare nell’occhio; l’alimentazione avviene tramite corrente a 12V, quindi può essere anche collegato all’accendino dell’automobile per operazioni in esterni. Esso funziona con reti GSM sia criptate che non criptate, su bande da 900 e 1800 MHz.

Per ovvi motivi, data la natura particolare di questa apparecchiatura, soltanto le forze dell’ordine o uffici governativi possono acquistare ed usare il GSM Interceptor. Per maggiori informazioni su come funziona questo sistema di intercettazione telefonica, vi consigliamo di visitare il sito Endoacustica e di contattare i nostri esperti per informazioni dettagliate.

Tre record del mondo per lo Zephyr

agosto 26, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Lo Zephyr, ossia l’aereo senza pilota, alimentato ad energia solare, che qualche tempo fa era stato lanciato dalla QinetiQ per una prova di durata, dopo avere concluso la sua avventura è ora il detentore ufficiale di tre record mondiali nel suo settore, e tali record sono appena stati ratificati dalla FAI (Fédération Aeronautique Internationale).

Si tratta, nello specifico, del record assoluto di durata per un veicolo di tipo UAV (Unmanned Aerial Vehicle), il record di durata nella categoria tra 50 e 500 chilogrammi ed il record assoluto di altitudine, con una quota raggiunta di oltre 70mila piedi, equivalenti a circa 21500 metri.

Lo Zephyr è un aereo senza pilota di tipo HALE (High Altitude Long Endurance), progettato per rimanere ad alte quote per settimane o mesi, in modo da monitorare una specifica zona in maniera continua. Il record di durata appena stabilito, durante una prova che si è svolta sul deserto dell’Arizona, lo ha visto rimanere in aria per oltre 14 giorni, ma nelle intenzioni dei suoi progettisti tale record dovrebbe essere facilmente battuto in futuro.

Questo è reso possibile dall’alimentazione ad energia solare, mediante pannelli solari sulle ali dello Zephyr, e grazie ad un motore in grado di consumare meno elettricità di quanta i pannelli ne accumulino effettivamente, in modo da avere una riserva di energia da usare durante le ore notturne per mantenere il velivolo in aria ed alimentare i sistemi di bordo.

Grazie ad esso, sarà possibile svolgere operazioni di monitoraggio molto più flessibili di quelle attualmente compiute tramite i satelliti, ed oltretutto, ad un costo ampiamente inferiore, sia per quanto concerne il lancio e l’operatività, che dal punto di vista della manutenzione.
Oltretutto, grazie all’uso di una fonte di alimentazione rinnovabile, lo Zephyr è perfettamente compatibile con l’attuale tendenza orientata verso una nuova generazione di veicoli aerei senza pilota e a zero emissioni inquinanti, in modo da salvaguardare l’incolumità del personale di terra per missioni militari, con un occhio all’ambiente.

Oltre alle missioni di ricognizione militare in senso stretto, Zephyr può trovare utilizzo anche per le telecomunicazioni, fungendo come una sorta di “antenna volante” per raggiungere zone ove non è presente un collegamento radio o telefonico, come ad esempio le zone montagnose dell’Afghanistan, da cui le truppe di terra possono avere difficoltà a comunicare con la base a causa della particolare conformazione del territorio.

Ovviamente poi, le sue caratteristiche di lunga durata si prestano anche ad un utilizzo scientifico per ricognizioni e fotografie dall’alto di zone di particolare interesse, o per un utilizzo civile sempre nel campo delle telecomunicazioni, ad esempio per ripristinare i collegamenti telefonici verso zone colpite da una calamità naturale, in modo da guidare i soccorsi verso le aree di maggiore necessità.

Trasportate materiale sensibile? Usate una valigia sicura

agosto 24, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Chi ha visto vecchi film di spionaggio ricorda certamente situazioni in cui il protagonista o chi per lui doveva trasportare una valigetta contenente denaro o documenti segreti, e per mantenerla al sicuro usava un paio di manette per assicurarsela addosso.

I tempi fortunatamente sono cambiati, e anche senza tener conto del fatto che una simile protezione darebbe nell’occhio, sicuramente sarebbe scomoda e non così sicura come si crede. Oggi, per effettuare trasporti del genere, si può usare una valigia di sicurezza. L’aspetto di una valigia di sicurezza non differisce minimamente da una normale valigetta 24 ore o portadocumenti, ma il segreto sta non soltanto nelle serrature a doppio codice, ma anche e soprattutto nella protezione tramite allarme.

Infatti, se qualcuno dovesse asportare la valigia sicura, le sue varie funzioni vi permetterebbero di sventare il furto; ad esempio, se si allontana oltre una certa distanza da chi la trasporta, inizia ad emettere un forte allarme sonoro, che può durare fino a 48 ore consecutive rendendo inutile qualsiasi tentativo di naascondersi.

Con la funzione antirapina, è possibile, anche trovandosi a 50 metri dalla valigia, attivare la modalità di autodifesa. A questo punto, viene inviato un impulso a 30000 Volt sul corpo della valigia, in modo che chi impugna la maniglia venga investito da un’onda ad alto voltaggio e molli immediatamente la presa fuggendo senza la valigetta e senza il suo contenuto.

Per il trasporto di documenti riservati di carattere militare, diplomatico o commerciale, o per movimentare grossi importi in contanti, la valigia sicura è sicuramente una difesa discreta ma efficace. Per maggiori informazioni, vi consigliamo di visitare il sito di Endoacustica.

Un tessuto che funge anche da batteria

agosto 24, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology ha creato un tipo speciale di batterie che possono essere cucite all’interno del tessuto che compone i nostri abiti, in modo da usare il tessuto stesso come fonte di alimentazione per apparecchi portatili queli un cellulare, un lettore MP3 o, nel campo militare, per fornire energia alle strumentazioni che fanno ormai parte della dotazione standard del soldato moderno.

Oltre a poter essere incorporate all’interno del tessuto, queste batterie possono essere inserite all’interno di contenitori di qualsiasi forma o misura, usandone l’involucro come fonte di energia. Nelle intenzioni dei loro progettisti, il tessuto

batteria potrebbe essere particolarmente utile ai soldati, che come detto trasportano spesso una serie di apparecchiature elettroniche, il cui ingombro e peso sono aumentati considerevolmente dalle batterie usate per alimentarli.

Il lavoro dei ricercatori del MIT si basa su un virus batteriofago, innocuo per gli uomini, il cui nucleo è ricoperto da uno strato di proteine, che è stato usato come riferimento per creare dei catodi di un materiale fluoro-ferroso. Combinando questi catodi con i relativi anodi ed elettroliti del tessuto, si crea una batteria in grado di perdere pochissima energia, e di venire ricaricata come una normale batteria, fornendo prestazioni dello stesso ordine di grandezza.

Inoltre, il virus è stato prodotto a temperatura ambiente, riducendo pertanto l’impatto ambientale del processo di produzione della batteria stessa. I materiali usati, inoltre, sono meno pericolosi rispetto a quelli usati nella produzione delle comuni batterie Li-ion, in quanto la loro minore produzione di calore riduce di conseguenza anche il rischio di infiammabilità. I soldati impegnati in missioni in zone dove le temperature possono salire anche oltre i 50 gradi sicuramente saranno contenti di ridurre il loro carico e di correre meno rischi.

Una videocamera piccola come una carta di credito

agosto 23, 2010 Tecnologia Nessun Commento

La Kodak ultimamente ha lanciato svariati nuovi prodotti, e sembra andare nella direzione di videocamere sempre più piccole e sottili, come testimoniano il modello Playtouch, dotato di touchscreen, e l’Easyshare, la fotocamera con zoom ottico più sottile. Tra questi prodotti, indubbiamente sembra molto interessante anche la nuova videocamera in miniatura, chiamata semplicemente Kodak Mini.

Se dal punto di vista dell’innovazione tecnologica non offre novità di rilievo, le caratteristiche principali sono essenzialmente due. La prima è che si tratta di una videocamera impermeabile all’acqua, che può essere portata con sé in piscina, per riprendere immagini subacquee in maniera rapida e semplice.

La seconda caratteristica sta nelle dimensioni. Infatti, la nuova Kodak Mini è lunga soltanto 89 millimetri, il che consente ai produttori, con una punta di giustificato orgoglio, di potersi fregiare del titolo di prima videocamera di tipo commerciale grande come una carta di credito.

Ovviamente rispetto ad una carta di credito è ancora più spessa (ma nemmeno troppo, soli 13 millimetri), ma sicuramente le sue dimensioni ridottissime la rendono un oggetto interessante per un uso a fini di svago. Grazie alla presa USB a scomparsa incorporata (derivata dal popolare modello Flip), basta premere un pulsante per essere in grado di collegare la Kodak Mini ad un computer, e scaricare rapidamente le immagini ed i video registrati.

L’unico difetto che le si può imputare è la memoria incorporata veramente ridotta, soli 128 Mb, anche se di serie viene anche fornita una scheda di memoria Micro SD da 2 Gb. Il tutto con una risoluzione di 640x 480 pixel, e ad un costo limitato di soli 100 dollari.

Un altro pesce robot in arrivo dal Giappone

agosto 23, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Di micro robot dall’aspetto di piccoli pesci in miniatura, capaci di nuotare liberamente nell’acqua (o almeno, all’interno di un acquario) ne abbiamo visti svariati negli ultimi mesi, progettati da istituti di ricerca con gli scopi più svariati, dal monitoraggio della salute delle acque fino allo studio del comportamento dei suoi simili in carne, pinne ed ossa.

Questo ultimo esemplare di pesce robot, prodotto in Giappone dalla Sedensha, è in grado di imitare i movimenti di un pesciolino in maniera abbastanza fedele, grazie al corpo in silicone, che al suo interno contiene un altrettanto piccolo chip.

Questo chip è in grado di determinare la direzione del pesciolino, semplicemente inviando dei piccolissimi impulsi elettrostatici al corpo flessibile, che pertanto in risposta a tali stimoli si dirigerà verso l’alto o verso il basso, a destra o a sinistra, muovendo la pinna di coda in maniera sinuosa.

Per rendere tale movimento più realistico e fluido, ed evitare il classico movimento “a scatti” di molti suoi simili robotizzati, il corpo di questo simpatico pesciolino è stato riempito di olio di silicone. In questo modo si riescono ad ammortizzare gli “scatti” della coda e dargli un movimento il più realistico possibile.

Per ora non è ancora nota la sua destinazione d’uso, visto che si tratta soltanto di un prototipo, anche dall’aspetto gradevole grazie ai piccoli occhi (ovviamente non veri!) nella parte anteriore, che gli conferiscono un aspetto simpatico, almeno agli occhi di noi umani. Certo, se fossimo altri pesci in un acquario con lui, ci chiederemmo chi possa essere questo strano pesciolino dal corpo trasparente… ma a quanto pare, nessuno ha ancora chiesto l’opinione dei suoi simili!

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

CALCOLATRICE SPIA GSM


Calendario

agosto: 2010
L M M G V S D
« Lug   Set »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 Gen 2014

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 Apr 2013

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 Gen 2013

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 Gen 2013

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 Dic 2012

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 Nov 2012

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

Febbre da brevetti: ecco i più bizzarri

6 Nov 2012

Impazza la febbre da brevetti che vede protagoniste tutte le maggiori case produttrici di strumenti tecnologici esistenti al mondo. Queste idee sono custodite nella banca dati dell’Autorità americana “Uspto” e probabilmente un giorno troveranno reale applicazione.Vediamo alcuni tra i brevetti più bizzarri. Per evitare la tragica caduta al suolo dello smartphone, Amazon nel 2011 ha registrato un brevetto simpatico che vedrebbe l’apertura di alcuni airbag prima che il cellulare tocchi …

Gli scanner biometrici arrivano a scuola

12 Ott 2012

I sistemi di controllo degli accessi che utilizzano la biometria si stanno facendo sempre più largo nell’ambito di istituzioni ed aziende dato che permettono un elevato grado di sicurezza e lo snellimento delle procedure di controllo fisico. Da qualche giorno niente badge o cartellino anche per i docenti ed il personale Ata del liceo scientifico “Plinio Seniore” di Roma che ha imposto ai dipendenti l’utilizzo di scanner biometrici per segnalare …

Una pistola che lancia anelli di fumo per allontanare gli aggressori… e non solo!

23 Lug 2012

pistola vortex

Prendendo spunto dalle pistole giocattolo per bambini in grado di lanciare anelli di fumo, Battelle, azienda statunitense di Columbus, Ohio, per realizzare una vera e propria arma in grado di lanciare anelli di diverse sostanze gassose o di cariche elettriche. Secondo i ricercatori, questa pistola sarebbe in grado di lanciare questi anelli ad una distanza di quasi 46 metri e ad una velocità di circa 145 chilometri orari. Gli anelli …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.