Home » In rilievo » Recent Articles:

Usura: come scovarla con l’utilizzo delle microspie.

denaro proveniente da usura

Aprendo i giornali in questi ultimi mesi la prima cosa che salta all’occhio sono le notizie relative alla crisi economica e ai devastanti effetti che sta avendo nella società, di cui ne sta sgretolando pian piano il tessuto, spingendo chi si trova in difficoltà a compiere gesti estremi, dal delinquere all’annullamento di sé con il suicidio.

Una continua escalation di suicidi tra lavoratori che non arrivano a fine mese ed imprenditori sull’orlo del fallimento che ha spinto Confindustria ad aprire un numero verde anti-suicidio, a partire dalla Puglia, seconda in Italia per numero di vittime, a cui arrivano ogni giorno più di 40 chiamate.

Questo è quanto emerge da giornali e telegiornali, oltre ad uno speculare aumento di attività criminose ed estorsive, come furti, spaccio o, peggio ancora, usura, che rappresentano un’occasione ghiotta per i gruppi malavitosi per estendere i propri tentacoli su queste attività in diverse zone del Paese.

Risale a ieri, 7 maggio, la notizia dell’arresto, da parte della Guardia di Finanza, di cinque persone (due campane e tre toscane) legate ai casalesi, che utilizzavano i proventi di diverse sale da gioco e scommesse per atti di usura ai danni di imprenditori toscani, ricorrendo a intimidazioni tipiche del metodo mafioso.

Una volta caduti nella trappola dell’usura non è facile uscirne. Si ha paura di denunciare perché si temono le ritorsioni, le stesse che si avrebbero in caso di mancato pagamento. Chi è vittima di usura deve, però, trovare il coraggio di uscirne, per sé e per i propri cari. È importante collaborare con le forze dell’ordine e potrebbe rivelarsi molto utile, per cogliere in flagranza di reato, l’utilizzo di microspie e microregistratori. Questi strumenti, piccolissimi e facilmente occultabili, infatti, possono essere portati con sé agli incontri con il proprio strozzino senza che nessuno se ne accorga, permettendo, a chi può venire in aiuto, di ascoltare e registrare tutto ciò che accade intorno a chi li indossa, consentendo di intervenire tempestivamente, grazie alle schiaccianti prove così raccolte.

BiKN e l’iPhone diventa un potente localizzatore

iphone localizzatore

Quando parliamo di smartphone Apple, cioè di iPhone, sappiamo che a disposizione abbiamo un’enorme varietà di gadget e custodie per la protezione e la sicurezza. Sappiamo anche che esiste un software per localizzazione satellitare del proprio telefono in caso di furto o smarrimento. Ma non sapevamo ancora che dalle parti di Treehouse Lab hanno progettato un interessante sistema per non perdere mai niente: cellulare, chiavi, portafogli.

Si tratta di un sistema innovativo che sembra pensato appositamente per tutti coloro che tendono a dimenticarsi le cose in giro, vuoi perché sono sbadati, vuoi perché conducono una vita movimentata e piena di imprevisti.

Il nuovo sistema si chiama BiKN, che in inglese viene pronunciato come “beacon” (faro): proprio come una luce chiarificatrice infatti consente di ritrovare tutto ciò che si è perso (a patto che si sia apposto l’apposito talloncino).

Ma facciamo un passo indietro. Il sistema è composto di una speciale custodia per iPhone che contiene un ricevitore che interagisce con un cartellino di monitoraggio. Sul telefono, un’apposita applicazione iOS gestisce le operazioni, che consentono di localizzare fino a 8 cartellini contemporaneamente. Tutto ciò che dovrete fare è apporre le apposite ‘targhette’ sugli oggetti che tendete più a perdere.
La borsa, il portachiavi, la macchina fotografica, il portafogli o magari il vostro cane, apponendo lo speciale ‘tag’ sul collare. Ma la cosa davvero interessante riguarda la possibilità di settare una distanza massima per ogni cartellino, superata la quale si attiva un allarme sull’iPhone BiKN case. In questo modo i genitori impegnati a fare la spesa nel centro commerciale, non si dovranno preoccupare troppo quando lasciano i bambini nell’area giochi.
L’interfaccia utente è chiara ed intuitiva. La modalità “Trova” comprende un misuratore di segnale audio e video che aiuta a individuare ogni cosa che si è persa, ogni elemento fuori posto. L’opzione “Guinzaglio” attiva la funzione di controllo entro precisi limiti spaziali. La funzione “Page” emette un suono di avviso su uno o più tag attivi (o altre custodie compatibili BiKN smart) e diventa utilissima per essere utilizzata all’interno di famiglie o gruppi.

Gli appositi clip BiKN sono progettati per essere facilmente agganciati a qualsiasi oggetto: un cintura, un portachiavi, una tasca di un giubbotto. Ogni tag è dotato di un tappo che si apre e rivela una porta micro-USB, che consente agli utenti di settare e sincronizzare attraverso l’iPhone BiKN case ogni singola clip. in un centro commerciale.

Una volta acquistata la custodia, i tag USB aggiuntivi sono a pagamento e devono essere caricati attraverso un computer. Tutta la strumentazione, utilissima e davvero pratica, composta dal BiKN case per Apple iPhone 4 e 4S, sarà disponibile nel 2012. Ancora nessuna indicazione sul prezzo.

Le intercettazioni sono già vietate, su Google

aprile 1, 2011 In rilievo Nessun Commento

Mentre su giornali, forum e blog si fa un gran parlare della legge sulle intercettazioni che il governo sta tentando di far passare accanto ad altre leggi chiaramente ad personam per difendere gli interessi del premier, nella Rete c’è chi questa legge già la applica, in maniera silenziosa e strisciante, senza però vietare le intercettazioni ambientali o telefoniche in maniera esplicita.

Parliamo di Google, che negli ultimi giorni ha aggiornato la lista delle categorie di articoli che non si possono pubblicizzare tramite il proprio servizio di pubblicità AdWords oltre ai consueti divieti di promuovere materiale pornografico, di incitamento all’odio razziale o alla violenza, o comunque illegale.

Negli ultimi giorni, la sezione italiana del gigante di Mountain View ha inviato un messaggio ad alcuni tra i propri inserzionisti, più precisamente a quelli che producono o vendono microspie, microregistratori, microfoni nascosti, telecamere in miniatura e tutte le attrezzature utilizzate dalle forze dell’ordine o dalle agenzie investigative per le loro indagini contro il crimine, le frodi, lo spionaggio industriale o per i casi di infedeltà coniugale.

Google informa i propri inserzionisti di avere modificato le proprie norme pubblicitarie, non accettando più annunci che promuovano articoli per lo spionaggio o disposizioni per le intercettazioni telefoniche.
Abbiamo già visto come, nel caso della Cina, i programmatori di Big G abbiano fatto buon viso a cattivo gioco lasciando in piedi i filtri imposti dal governo di Pechino, barattando la libertà di accesso alla libera informazione degli internauti cinesi con la propria libertà di accesso al più grande mercato del mondo.

In questo caso, non abbiamo riscontri univoci in tal senso, ma poiché come diceva il Divo Giulio, in Italia “a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca”, non sarebbe inverosimile che la “longa manus” del governo italiano avesse raggiunto Google e quella che è la principale fonte di reddito del motore di ricerca.

Se consideriamo che l’azienda televisiva del Presidente del Consiglio ha fatto causa a YouTube (di proprietà, per l’appunto, di Google) richiedendo i danni per la diffusione di filmati provenienti dalle reti Mediaset, potrebbe non essere fantascienza l’idea di uno “scambio” tra tale causa e il blocco della pubblicità, una misura piccola ed invisibile ma che contribuisce a rendere più difficile la vita non soltanto per chi usa le intercettazioni telefoniche per combattere il crimine, ma anche per chi lavora onestamente in questo campo, producendo le microspie che vengono usate per intercettare.

Insomma, se il Parlamento non approva la legge, c’è sempre un modo per aggirare i fastidiosi lacci e lacciuoli della legalità e ottenere il risultato che tale legge si prefissa: bloccare le intercettazioni.

Cimici spia: chi deve averne paura?

marzo 8, 2011 In rilievo Nessun Commento

Nelle ultime settimane, il costante martellamento televisivo da parte delle reti di proprietà del Presidente del Consiglio cerca di far subdolamente passare il messaggio secondo il quale siamo tutti intercettati, ed un misterioso Grande Fratello non fa altro che ascoltare le nostre conversazioni alla ricerca dei nostri più inconfessabili segreti.

Ovviamente la verità sulle intercettazioni è ben lontana dalla propaganda berlusconiana. Le intercettazioni telefoniche ed ambientali non sono un mezzo per tenere al sicuro il comune cittadino: chi non compie alcun atto illecito, infatti, sa di non aver nulla da temere a prescindere.
Al contrario, l’utilizzo delle cimici spia è sicuramente il mezzo più efficiente per la lotta al crimine organizzato, in quanto permette di ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo e, soprattutto, con il minimo rischio.

Infatti, provate a pensare per un attimo a quanto diventerebbe rischiosa la vita di un investigatore o di un poliziotto se, per le sue indagini, non potesse avvalersi delle microspie. Per tentare di ascoltare frammenti delle conversazioni di un sospetto criminale, o per seguirne gli spostamenti, dovrebbe pedinare il sospetto. Questo vorrebbe dire rischiare di metterlo in guardia e vanificare l’operazione di sorveglianza, o peggio ancora di mettere in pericolo la propria incolumità.

Impiegare uno o più poliziotti invece di una microspia vuol dire distrarre risorse umane dal compito di analizzare le eventuali intercettazioni, e soprattutto, di farlo ad un costo infinitamente superiore. Aggiungiamo poi che una microspia ambientale nascosta ad esempio all’interno di una macchina è in grado di raccogliere informazioni ed intercettare conversazioni che nessun agente sarebbe mai in grado di ascoltare; oltretutto, usando una microspia ad attivazione automatica o un cellulare spia, che si attivano soltanto in presenza di suoni o al momento dell’accensione dell’auto, si evitano inutili appostamenti di ore ed ore per cogliere soltanto frammenti di conversazioni.

Lo strumento investigativo delle microspie o dei microfoni nascosti ha permesso di risolvere centinaia di casi, dalle frodi agli omicidi, spesso permettendo di trovare collegamenti tra atti criminosi altrimenti impensabili.

Limitarne l’uso con la scusa della difesa della privacy del comune cittadino, non serve certo a difendere il cittadino stesso, se esso ha la coscienza pulita.
Al contrario, i benefici sarebbero tutti di chi potrebbe liberamente continuare a commettere danni illeciti a danno della collettività; inoltre, vietare la pubblicazione delle intercettazioni terrebbe il pubblico all’oscuro di tutto.

Insomma, come molte leggi studiate dall’attuale Governo, non sembra proprio una legge fatta nell’interesse dei cittadini.

Controllo minori, l’occhio tecnologico del genitore moderno

Ai nostri giorni, i bambini sono soggetti ad una serie di stimoli esterni che possono rendere difficile il lavoro di un genitore quando si tratta di proteggerli da pericoli visibili ed invisibili. Ad esempio, quando arriva l’estate e si portano i propri figli in spiaggia, non sempre è possibile tenerli costantemente d’occhio.

In situazioni del genere, la tecnologia ci viene in soccorso, con un sistema di sorveglianza bambini, che consiste in un semplice braccialetto, dotato di allarme anti annegamento o anti smarrimento.

Il braccialetto, con disegni allegri che lo rendono adatto ad essere indossato dai nostri piccoli, è collegato ad una unità di base, e se chi lo indossa si tuffa in acqua o si allontana oltre un limite prestabilito, esso invia immediatamente un allarme all’unità centrale, e contestualmente una sirena ad alto volume inizia a suonare, mettendo sul chi vive tutti coloro che dovessero trovarsi nei paraggi.

In questo modo, i bambini possono giocare liberamente, mentre i genitori possono dedicarsi ad altre attività e godersi pienamente una giornata al mare senza stress. Il braccialetto elettronico, infatti, una volta inserito può essere rimosso soltanto tramite una chiave, così che chi lo indossa sia sempre sotto controllo.

Questa caratteristica lo rende adatto per essere usato non soltanto come allarme anti smarrimento per i vostri figli, ma anche ad esempio per tenere sotto controllo i propri animali domestici, evitando che la naturale curiosità dei nostri piccoli amici a quattro zampe finisca invece per cacciarli in qualche situazione pericolosa.

Per maggiori dettagli sulle varie possibilità offerte dalla tecnologia nel campo del controllo minori, potete rivolgervi ad Endoacustica, azienda leader nel campo della sorveglianza audio e video, ed i nostri esperti sapranno sicuramente consigliarvi nella maniera migliore per le vostre esigenze.

Siamo tutti intercettabili? Non con un telefono Stealth

Durante l’ultimo anno, uno dei temi caldi della politica italiana è stato quello delle intercettazioni e della loro regolamentazione per uso investigativo.

Se da un lato si può certamente discutere se ci sia un effettivo bisogno di tale regolamentazione o se non sia una ennesima legge a favore del capo del Governo, dall’altro lato è innegabile che, almeno potenzialmente, tutte le nostre conversazioni sul telefono cellulare sono quanto meno rintracciabili, e potrebbero essere ascoltate od intercettate da orecchie indiscrete.

Per difendersi da tale minaccia, c’è chi pensa che sia sufficiente cambiare scheda al proprio cellulare, senza rendersi conto che ad essere intercettato è l’apparecchio stesso, tramite il numero IMEI che lo identifica, e non il numero di telefono della scheda SIM in uso su di esso.

Pertanto se non si vuole essere intercettati, una soluzione teorica potrebbe essere quella di cambiare telefono ogni giorno, ma ovviamente non si tratta di un rimedio molto comodo, o almeno non pratico come quello di usare un telefono non intercettabile, che è in grado, grazie ad un software installato al suo interno, di cambiare in maniera dinamica il suo numero identificativo IMEI, mantenendo lo stesso numero di telefono e senza bisogno di dover cambiare apparecchio o scheda per salvaguardare la propria privacy telefonica.

Al termine di ogni telefonata, o ad ogni accensione e spegnimento, lo Stealth Phone cambierà il proprio numero IMEI, e pertanto, agli occhi del gestore di rete (e di eventuali orecchie indiscrete all’ascolto), sarà come avere un nuovo apparecchio ogni volta. Questo rende impossibile il lavoro di chi voglia ascoltare le vostre telefonate.

Nel caso quasi impossibile di un tentativo di intercettazione in corso, lo Stealth Phone vi avvisa in maniera discreta, dandovi quindi la possibilità di spegnere il cellulare, riaccenderlo e riprendere la vostra conversazione dal punto in cui l’avevate interrotta… con un nuovo telefono!

Spiare un PC a distanza

Come dice il detto, “quando il gatto non c’è, i topi ballano”, e questo è particolarmente vero in ufficio, quando durante l’assenza di dirigenti e proprietari, insomma del “capo”, i dipendenti spesso si dedicano a tutt’altro tipo di azioni, che poco hanno a che fare con l’attività lavorativa o che addirittura possono configurarsi come conflitto d’interessi.

Se la semplice navigazione su Internet, ad esempio su Facebook per tenersi in contatto con gli amici, non provoca un grosso danno all’azienda, lo svolgere altre attività professionali dal posto di lavoro può arrecare danni ben maggiori. Spesso poi, l’impiegato infedele provvede a cancellare dal computer le tracce che potrebbero incastrarlo.

In casi del genere, l’azienda ha a disposizione validi strumenti per controllare cosa succede sui computers dell’ufficio, anche trovandosi a distanza. Per esempio, esistono delle apparecchiature chiamate keyloggers, che registrano tutti i caratteri digitati sulla tastiera, senza che l’utente se ne renda conto.

Basta collegare questo piccolo apparecchio tra il cavo USB della tastiera e la presa del computer, per fare sì che esso inizi a registrare tutti i segnali che la tastiera invia al computer. Una volta rientrati in ufficio (magari di sera quando i dipendenti sono usciti) basta staccarlo e collegarlo al proprio computer (o accedere via Internet) per scaricare il tutto e verificare che i propri dipendenti (o i figli, o il coniuge) non usino il computer in maniera impropria.

Esistono svariati tipi di registratori per tastiera disponibili sul mercato, che possono avere forme diverse a seconda del tipo di presa utilizzata (USB o PS2), possono essere nascosti all’interno della tastiera stessa, o collegati ad una qualsiasi porta USB sul vostro computer.

Per scoprire i vari modelli di keylogger e trovare quello più adatto alle vostre esigenze a casa o in ufficio, potete visitare il sito di Endoacustica.

Come dice il detto, “quando il gatto non c’è, i topi ballano”, e questo è particolarmente vero in ufficio, quando durante l’assenza di dirigenti e proprietari, insomma del “capo”, i dipendenti spesso si dedicano a tutt’altro tipo di azioni, che poco hanno a che fare con l’attività lavorativa o che addirittura possono configurarsi come conflitto d’interessi.

Se la semplice navigazione su Internet, ad esempio su Facebook per tenersi in contatto con gli amici, non provoca un grosso danno all’azienda, lo svolgere altre attività professionali dal posto di lavoro può arrecare danni ben maggiori. Spesso poi, l’impiegato infedele provvede a cancellare dal computer le tracce che potrebbero incastrarlo.

IN casi del genere, l’azienda ha a disposizione validi strumenti per controllare cosa succede sui computers dell’ufficio, anche trovandosi a distanza. Per esempio, esistono delle apparecchiature chiamate keyloggers, che registrano tutti i caratteri digitati sulla tastiera, senza che l’utente se ne renda conto.

Basta collegare questo piccolo apparecchio tra il cavo USB della tastiera e la presa del computer, per fare sì che esso inizi a registrare tutti i segnali che la tastiera invia al computer. Una volta rientrati in ufficio (magari di sera quando i dipendenti sono usciti) basta staccarlo e collegarlo al proprio computer per scaricare il tutto e verificare che i propri dipendenti (o i figli, o il coniuge) non usino il computer in maniera impropria.

Esistono svariati tipi di <a href=”http://www.endoacustica.com/key_record.htm”>registratori per tastiera</a> disponibili sul mercato, che possono avere forme diverse a seconda del tipo di presa utilizzata (USB o PS2), possono essere nascosti all’interno della tastiera stessa, o collegati ad una qualsiasi porta USB sul vostro computer.

Per scoprire i vari modelli di <a href=”http://www.endoacustica.com/key_record.htm”>keylogger</a> e trovare quello più adatto alle vostre esigenze a casa o in ufficio, potete visitare il sito di Endoacustica.

Un microregistratore da 600 ore in soli 4 millimetri

Le occasioni in cui si può presentare la necessità di dover registrare conversazioni, suoni o anche musica, in maniera discreta e dando il meno possibile nell’occhio, sono svariate: ad un concerto, durante una lezione a scuola o in università, durante una riunione in ufficio o, per forze dell’ordine ed investigatori privati, durante una difficile indagine contro criminali o per un caso di infedeltà coniugale.

In casi del genere, è importante che la  registrazione nascosta venga effettuata usando uno strumento che non possa destare attenzione, che possa essere facilmente nascosto e che, all’occorrenza, possa funzionare per lungo tempo in maniera autonoma, magari accendendosi automaticamente soltanto quando è strettamente necessario, per evitare di sprecare tempo registrando ore ed ore di inutili rumori di fondo.

Pertanto, è bene usare un microregistratore vocale della famiglia EM, che è in grado di ottenere tutto questo, il tutto in dimensioni ridottissime. Infatti, ne esistono modelli che possono avere uno spessore di circa 4 millimetri e dimensioni paragonabili a quelle di una carta di credito, con sensore di attivazione vocale ed una capacità di salvataggio di 4 Gb, pari a circa 600 ore di registrazione.

Grazie all’attivazione automatica, sarà possibile registrare soltanto quando necessario, in modo da ottenere il massimo dalla nostra operazione di sorveglianza audio o di raccolta informazioni, ottimizzando anche il consumo della batteria, che è garantita per durare fino a 1 mese in standby, o per effettuare fino a 14 ore di registrazione continuata.

Grazie alle sue dimensioni minime, non darà nell’occhio, e potrete recuperarlo con comodo quando nessuno vi osserva. Per avere maggiori dettagli sul funzionamento del microregistratore digitale, vi raccomandiamo di visitare il sito di Endoacustica dove troverete altri modelli di registratori miniaturizzati per tutte le vostre diverse esigenze in questo campo.

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

CALCOLATRICE SPIA GSM


Calendario

aprile: 2017
L M M G V S D
« Feb    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 Gen 2014

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 Apr 2013

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 Gen 2013

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 Gen 2013

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 Dic 2012

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 Nov 2012

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

Febbre da brevetti: ecco i più bizzarri

6 Nov 2012

Impazza la febbre da brevetti che vede protagoniste tutte le maggiori case produttrici di strumenti tecnologici esistenti al mondo. Queste idee sono custodite nella banca dati dell’Autorità americana “Uspto” e probabilmente un giorno troveranno reale applicazione.Vediamo alcuni tra i brevetti più bizzarri. Per evitare la tragica caduta al suolo dello smartphone, Amazon nel 2011 ha registrato un brevetto simpatico che vedrebbe l’apertura di alcuni airbag prima che il cellulare tocchi …

Gli scanner biometrici arrivano a scuola

12 Ott 2012

I sistemi di controllo degli accessi che utilizzano la biometria si stanno facendo sempre più largo nell’ambito di istituzioni ed aziende dato che permettono un elevato grado di sicurezza e lo snellimento delle procedure di controllo fisico. Da qualche giorno niente badge o cartellino anche per i docenti ed il personale Ata del liceo scientifico “Plinio Seniore” di Roma che ha imposto ai dipendenti l’utilizzo di scanner biometrici per segnalare …

Una pistola che lancia anelli di fumo per allontanare gli aggressori… e non solo!

23 Lug 2012

pistola vortex

Prendendo spunto dalle pistole giocattolo per bambini in grado di lanciare anelli di fumo, Battelle, azienda statunitense di Columbus, Ohio, per realizzare una vera e propria arma in grado di lanciare anelli di diverse sostanze gassose o di cariche elettriche. Secondo i ricercatori, questa pistola sarebbe in grado di lanciare questi anelli ad una distanza di quasi 46 metri e ad una velocità di circa 145 chilometri orari. Gli anelli …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.