Home » Tecnologia » Recent Articles:

Australia: il faccia a faccia con uno squalo gigante ripreso da una videocamera waterproof

giugno 16, 2014 Tecnologia Nessun Commento

E’ estate, tempo di avventure fuori porta. Il desiderio più grande di chi si appresta a grandi imprese sportive o alla scoperta di nuovi posti è sicuramente immortalare quei momenti in modo da poterli rivivere e perché no, mostrarli ad amici e parenti.

E’ sicuramente questo il caso di un ragazzo che ha voluto riprendere il suo tuffo da una scogliera australiana. Ha indossato il casco con la videocamera waterproof e si è tuffato in acqua. Appena è riemerso, i suoi amici sulla scogliera gli hanno urlato la presenza di uno squalo e lui, non convinto, è tornato sott’acqua per vedere il grande predatore. Ed era proprio accanto a lui. A quel punto sono visibili attimi di paura mentre nuota verso riva, con lo squalo gigante intorno, fino a che riesce ad uscire dall’acqua incolume, ma molto spaventato.

In rete c’è chi ha dubbi sull’autenticità del filmato, ma le immagini parlano chiaro. Il ragazzo dunque non ha immortalato il suo tuffo azzardato, ma molto di più. Tutto questo grazie alla potente telecamera posta sul casco che ha ripreso immagini nitide e definite anche in estremo movimento. Questi sono eventi che capitano una volta nella vita, meglio non lasciarseli sfuggire.

A cosa serve un cambia voce?

aprile 2, 2014 Tecnologia Nessun Commento

Si è soliti pensare che un cambia voce sia un giocattolo per fare scherzi telefonici e divertirsi tra amici. In realtà lo strumento ha potenzialità di certo molto superiori e in molti casi è stato d’aiuto per uscire da situazioni di difficoltà.

Pensiamo ad esempio alla storia raccontata da Elena, un’arzilla signora di 81 anni che vive da sola in casa. Per circa due mesi è stata perseguitata da telefonate di malintenzionati intenti ad introdursi nel suo appartamento dopo aver verificato che la signora fosse sempre sola. Ma i figli di Elena non si sono fatti intimorire dalla minaccia e hanno collegato un cambia voce al telefono fisso. In questo modo la voce della signora che rispondeva al telefono appariva dall’altra parte della cornetta nettamente maschile. Risultato? Le chiamate si sono estinte nel giro di una settimana. Ma Elena non rinuncia più al suo cambia voce.

Ancora più allarmante è la storia di Rosaria, 33enne napoletana, vittima di stalking da parte del suo ex marito. Per allentare il peso delle continue chiamate ha dovuto fingersi un uomo, un nuovo partner, installando un cambia voce sul suo telefono cellulare e avviando finte interferenze nel corso della telefonata, sempre attraverso lo stesso strumento.

E ci sarebbero numerosi altri casi raccontati dai clienti Endoacustica Europe dopo l’introduzione di potenti trasformatori vocali forniti dall’azienda. Carlo che si è liberato di sua suocera con finti pianti del bambino, Lucia che ha parlato da vero uomo al suo datore di lavoro troppo confidenziale e Giulio fintosi la sensuale amante di sé stesso per riconquistare Miriam. E ci è riuscito!

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni low cost per prodotti che spesso si rivelano usa e getta. La chiave di volta non sta nello spendere un capitale, ma solamente nel saper valutare un’offerta. Capirete da soli che è davvero difficile avere una microspia GSM ricaricabile, a distanza illimitata a 19,90€. Ma la stessa sarà acquistabile da attività in grado di garantirla a vita spendendo un paio di centinaia di euro. E l’investimento è fatto.

A voler esagerare, a 499 euro è possibile comprare un software in grado di intercettare e trasferire ogni conversazione telefonica e perfino gli sms. E non c’è bisogno di essere amici di agenti Cia: basta un giro sul sito www.endoacustica.com, azienda leader nel settore che vende anche on line ogni tipo di gadget per investigatori più o meno professionali, dal marito geloso all’agente più esperto. E anche l’alimentazione non è più un problema, basti pensare alle cimici che trovano il loro habitat naturale all’interno delle prese elettriche.

Analizziamo ad esempio la microspia trovata all’interno della sala del consiglio regionale della Regione Lazio. A prima vista, quella scatoletta quadrata grande più o meno come quella dei fiammiferi è apparsa un aggeggio rudimentale, ma a ben vedere non è assolutamente così. Il sistema è sicuramente costruito in un esperto laboratorio: il nastro (perfettamente intatto) è di ultima generazione e la portata, calcolata all’incirca sui 200 metri, può essere facilmente amplificata da un ponte radio.
Il lavoro di occultamento all’interno del bracciolo, dove era piazzato il microfono, è stato fatto seguendo accurate istruzioni e con molta facilità. Lo stesso tipo di microspie sono impiegate dalle forze dell’ordine o dai “servizi segreti” perché estremamente adattabili a diversi tipi di operazioni.

La verità è che, come hanno commentato in molti, non esiste un posto non adatto a piazzare una microspia. E soprattutto in ogni angolo del pianeta è possibile captare informazioni utili. Una sala riunioni, lo studio o la casa di un burocrate o di un politico in odore di mazzette, ma anche un’azienda sospetta. Le modalità operative sono davvero infinite.
Come riporta Repubblica.it: “Un caso eclatante fu quello del 21 gennaio 1996 quando il capo dei gip Romani, Renato Squillante, si sedette a un tavolo del bar Tombini, poco distante dal tribunale, con un gip e un pm senza sapere che nel portacenere a stelo piazzato a poca distanza c’era un orecchio elettronico indiscreto. A scoprirlo fu una cameriera che svuotando il posacenere, vide quello strano oggetto di metallo”.

Anche allora, almeno all’inizio, si parlò di un microfono costruito ad hoc, degno di una spy story di Le Carrè. La verità si scoprì 50 giorni dopo: la cimice era stata piazzata dallo Sco (Servizio Centrale Operativo della polizia) che indagava su Squillante. La realtà, spesso, è molto più semplice di come appare. Basta utilizzare i giusti strumenti.

Tecnologia applicata agli animali alla fiera di Las Vegas

gennaio 13, 2014 Tecnologia Nessun Commento

Per alcuni sono come dei figli, per altri sono addirittura più importanti. E la tecnologia cavalca l’onda. Parliamo di animali. Domestici, di compagnia e sempre fedeli. Da anni sono sul mercato validi localizzatori che evitano lo smarrimento dei preziosi compagni. Questi permettono di conoscere la posizione dell’animale e soprattutto di essere avvisati qualora lo stesso si allontani da un perimetro prestabilito. Questi strumenti sono utilizzati da allevatori di bestiame così come da semplici padroni di cani e gatti.

Ma non è tutto. Al Consumer Electronic Show, la fiera dell’elettronica di Las Vegas, in molti hanno pensato agli amici a quattro zampe. Sembrerebbe che presto anche il nostro cane potrà vantarsi di essere tecnologicamente avanzato, esattamente come il padrone con tanto di smartphone e bracciali intelligenti.
Una delle tecnologie che più ha colpito i visitatori della fiera è FitBark. Si tratta di un sistema per tracciare l’attività fisica del cane. Funziona grazie ad un piccolo guscio di plastica a forma di osso, applicabile al collare, che all’interno racchiude sensori per registrare ogni movimento. Trasmette tramite Bluetooth attraverso un’applicazione per smartphone.

ll software, realizzato in collaborazione con veterinari, racchiude degli schemi di riferimento divisi per razza per capire se l’animale compie la giusta attività fisica quotidiana, monitorata tramite sfide da completare e punteggi da raggiungere. L’applicazione è compatibile con alcuni bracciali fitness per uomo e permette di creare sfide uomo-animale. Inoltre si possono pubblicare foto e messaggi, gestire un diario da condividere anche su Facebook o Twitter. Tramite un’unità Wifi a forma di cuccia, venduta a parte, potrete controllare l’attività del vostro cane anche da remoto. Se si è fuori ad esempio sarà possibile sorvegliare l’animale o capire se il vostro dog-sitter sta lavorando bene.

A questo proposito, sono già in uso strumenti di monitoraggio come micro camere o telecamere di sorveglianza che controllano 24h su 24h animali, persone ed ambienti. E Petzila, altra startup americana, non ha fatto altro che portare una normale telecamera in fiera dichiarando di averla studiata apposta per gli animali proprio come “controllare i bambini”. In più è possibile parlare al cucciolo tramite il microfono ed anche dargli un biscotto tramite il dispenser incorporato, premendo un tasto sul vostro smartphone.

Insomma i geni della tecnologia di Las Vegas hanno colto la palla al balzo dedicando la tecnologia già esistente ed ampiamente sperimentata agli animali domestici. Mentre le “innovazioni” cercano spazio nel mercato, c’è chi si affida alle tecnologie nell’ambito della sicurezza e della sorveglianza che non avranno la forma di un osso, ma sono di certo molto affidabili.

La parrucca con fotocamera e sensore GPS

dicembre 20, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Un’idea nel campo della tecnologia indossabile nata da due inventori giapponesi,  Hiroaki Tobita e Takuya Kuzi, dei Sony Computer Science Laboratories. Si tratta di una parrucca intelligente, SmartWig. I due ingegneri hanno sviluppato un particolare copricapo con una duplice funzionalità. Se da una parte è in grado di nascondere eventuali calvizie, è anche, e soprattutto, dotato di fotocamera, di un sistema di navigazione e di sensori in grado di monitorare i valori fisiologici.

La parrucca riesce a comunicare in modalità wireless con un dispositivo mobile ed è dotata di fotocamera, puntatore laser e un sensore Gps, un vero e proprio sistema di sorveglianza da mettere in testa.  Già da molto tempo i big della tecnologia sono alla ricerca di dispositivi quanto più indossabili; basti pensare agli occhiali spia, a collane e orologi dotati di microcamera e ai bracciali con sensori GPS.

Il primo modello di SmartWig funge da sistema di navigazione grazie a un sensore Gps. Il gadget indica il percorso attraverso delle micro-vibrazioni nella parte del cranio interessata: una piccola scossa sul lato destro indica la direzione a destra, per intenderci. In questo senso lo strumento potrebbe essere utile anche ai non vedenti che riceverebbero così le indicazioni mentre camminano. Il secondo modello, invece, è dotato di un puntatore laser e può far scorrere ad esempio le slide di PowerPoint semplicemente orientando la testa da un punto all’altro del riquadro. Infine, il terzo prototipo della smart-parrucca: sostituisce i termometri e i misuratori di pressione e, con un semplice clic, monitora le onde cerebrali, archivia suoni e immagini che, all’occorrenza, l’indossatore può recuperare. Grande applicazione potrebbe avere nel campo della sorveglianza e della sicurezza. Nessuno si accorgerebbe di un sistema nascosto sotto i capelli.

Non si sa se la parrucca verrà mai lanciata sul mercato. La SmartWig potrebbe rappresentare una vera e propria rivoluzione per il settore della tecnologia indossabile.

La tecnologia applicata allo sport: Sky sogna microcamere sui giocatori

novembre 27, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Spidercam, flycam, microfoni ipersensibili e potenti microcamere. L’evoluzione tecnica di ripresa applicate al calcio e allo sport in generale sembra non avere confini e acquisisce continuamente neologismi e idee per migliorare la produzione.

Le applicazioni si rinnovano di anno in anno senza fine. Non c’è limite all’immaginazione e qualche prodotto prende spunto proprio dalla fantasia dei superpoteri. Ad oggi è possibile ascoltare anche ciò che gli atleti sussurrano o osservare i minimi particolari di un goal attraverso delle micro telecamere poste sulle porte da calcio.

Si tratta di un’evoluzione delle ripresa sportiva. «Sono tutte applicazioni che derivano dall’uso e dai soldi della ricerca bellica» ricorda Angelo Carosi, regista di punta di Sky, considerato il Guru della regia sportiva; per l’emittente segue da anni il campionato dalla sua cabina davanti a venti monitor.
Negli ultimi anni, le partite sembrano diventate quasi marginali, la differenza la fanno sempre più i dettagli. «Ormai una partita è diventata un film» disse anni fa il regista Sky.

Non sono state trovate ancora valide soluzioni per l’utilizzo professionale dei droni. Oltre alle particolari autorizzazioni necessarie per far sorvolare lo strumento sulle teste degli spettatori, i tempi sembrano ancora molto limitati (solo 7-8 minuti di autonomia) così come il raggio di azione in volo che raggiunge un massimo di 40 metri, fermo restando la dipendenza da agenti atmosferici. Al momento la tecnologia più «evoluta» sembra proprio essere audio e HD. Intanto Sky, stimolata anche dal suo talent Vialli che sogna microcamere sui calciatori. «Sui giocatori è complicato – conclude il regista -, ma sugli arbitri è più fattibile. Il problema qui è la collaborazione dei diretti interessati, che al momento non c’è».

In arrivo la fotocamera infrarossi per smartphone

settembre 6, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Si sa, dallo smartphone pretendiamo sempre di più. Fotocamere sempre più potenti, ad altissima risoluzione per immagini perfette a portata di mano. Ma non è ancora abbastanza. La nuova frontiera della fotografia smartphone è il sensore a infrarossi.
Si chiama Quark, la prima termocamera a infrarossi per dispositivi mobili, presentata dall’azienda americana Flir, durante la fiera annuale dell’Association for Unmanned Vehicle Systems International (AUVSI) , dedicata a droni e robot.

La telecamera è simile ai modelli montati sui droni, caschi e visori militari ma di dimensioni ancora più piccole. Il primo prototipo è formato da una cover per l’iPhone che segue il profilo del telefono sporgendo di pochi centimetri sulla parte superiore, dove si trova l’obiettivo. Il dispositivo infatti non trasforma la fotocamera dell’iPhone ma ha un obiettivo tutto suo largo circa due centimetri. Al momento la qualità è abbastanza bassa, 0,3 megapixel, il prototipo punta a valutare lo spazio che potrebbe avere sul mercato.

In campo professionale e militare, la fotografia a infrarossi è già ampiamente usata e ambita. Esistono diversi sistemi che permettono l’osservazione IR attraverso dei piccoli oggetti di uso quotidiano facilmente occultabili. Ma anche altri settori ne stanno sfruttando le qualità. In edilizia viene usata per rilevare dispersioni, infiltrazioni di acqua o perdite da tubi, nel campo medico per la diagnosi del tumore alla mammella e in elettronica per identificare guasti all’interno di un circuito elettrico.
Al momento il progetto sperimentale potrà trovare spazio solo se la domanda sarà alta permettendo l’abbattimento dei costi, ora troppo elevati. Inoltre la qualità molto bassa non consente di scattare foto da mettere in bella mostra. Gli infrarossi comunque hanno mosso i primi passi.

La tecnologia applicata alla sorveglianza piomba a scuola

maggio 15, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Prima o poi sarebbe accaduto, di questo ne eravamo certi. Con il crescere dell’utilizzo da parte dei giovanissimi di smartphone, tablet e dispositivi elettronici con connessione ad internet di ogni genere, si è reso necessario adottare delle contromisure al fine di garantire il regolare svolgimento di test, compiti, esami e concorsi. Puntuale come ogni anno è giunta nei giorni scorsi la nota del Ministero che ricorda ai candidati all’esame di maturità il “divieto assoluto di utilizzo di qualsivoglia ausilio tecnologico durante le prove scritte”. Ovviamente il testo di scoraggiamento non è abbastanza per inibire l’uso di questi strumenti.

E così i presidi riuniti sotto il nome dell’ANP, Associazione Nazionale Presidi, ha richiesto al Ministro dell’Istruzione di “valutare la possibilità di disporre l’utilizzo nelle sedi d’esame di apparecchiature elettroniche atte a rilevare la presenza di cellulari accesi, anche in stand-by”, rilevatori per intenderci.

Vediamo come funzionano. Si tratta di sistemi che lavorano con un raggio d’azione fino a 30 metri. Una volta rilevato un cellulare in base alla modalità su cui sono impostati possono avvertire tramite segnale luminoso, allarme sonoro o inviare un messaggio all’utente invitandolo a spegnere il proprio apparecchio.

Nel caso di Cell Detector di Endoacustica, l’apparecchio non rileva solamente i cellulari in uso (ossia quelli impegnati in una conversazione o nell’invio di dati), ma anche quelli attivi in modalità stand-by. L’utilizzo è molto semplice, adatto anche ai prof meno esperti. Bastano pochi minuti per impostare i vari parametri di funzionamento e metterlo subito al lavoro, configurando a proprio piacimento il livello di sensibilità e volume dell’avviso da inviare all’utente del cellulare. Una volta in azione, le sue batterie gli permettono un’autonomia d’uso di oltre un anno, il tutto in maniera discreta, semplice e soprattutto, assolutamente legale.

Insomma, i maturandi che avevano intenzione di copiare grazie ai propri cellulari dovrebbero cominciare a studiare sul serio. Infatti dobbiamo contraddire gli studenti che hanno giudicato poco affidabile questo tipo di strumenti e che credono che ci vogliono mesi per la consegna degli stessi. I prodotti Endoacustica sono strumenti professionali di altissimo livello usati da importanti agenzie investigative e gli stessi possono essere reperiti sul sito internet www.endoacustica.com, ordinati e consegnati in un paio di giorni.

Dalle password alle “passthought”

aprile 15, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Fuga di dati, informazioni riservate vendute ai concorrenti, brevetti mancati per colpa di dipendenti infedeli: questo è lo scenario attuale in molte aziende del mondo. La stringente crisi “costringe” ogni giorno milioni di impiegati a vendersi ad aziende concorrenti in cambio di ingenti somme di denaro o favori professionali.

Dall’altra parte le aziende più attente hanno adottato dei validi sistemi di sorveglianza sia per quanto riguarda il monitoraggio ambientale di ciò che avviene all’interno dell’impresa, sia per quanto concerne la sicurezza informatica. Attraverso dispositivi invisibili è possibile tenere sotto controllo il lavoro dei propri dipendenti e ostacolare tentativi di intrusione. Infatti non sono da sottovalutare anche le minacce di hacking. In maniera del tutto inosservata, attraverso dei sofisticati algoritmi, si riesce ad entrare nei terminali aziendali, sottraendo informazioni e dati rilevanti. A poco o nulla serve ormai cambiare continuamente password.

A dare una risposta alla necessità di sicurezza informatica, oltre ai validi strumenti citati in precedenza, potrebbe arrivare nei prossimi anni un computer che si comanda attraverso i gesti. E non è tutto. Sembra che non sarà più necessario digitare la password perché questa sarà letta direttamente dalla mente dell’utente; da qui il nome “passthought”.

Il progetto è in fase di sperimentazione presso la UC Berkeley School of Information ed ha preso il via da un caschetto, già testato, con funzioni di elettroencefalogramma non invasive. Il dispositivo viene connesso tramite Bluetooth ad un computer che riesce a decifrare le onde cerebrali. Durante i test è stato chiesto a diverse persone di immaginare di compiere azioni specifiche, come muovere un dito o cantare una canzone. In tutti i casi (con un livello di errore inferiore all’1%) è stato possibile usare le onde cerebrali per identificare le azioni in modo accurato. Chiara, a questo punto, la possibile applicazione al mondo delle password.

Questo tipo di ricerca rientra nel campo dell’autenticazione biometrica che offre già ampie applicazioni in vari campi. Basti pensare alle serrature ad impronte digitali. Andando ben oltre gli strumenti fisici e le classiche combinazioni alfanumeriche si potrà raggiungere un maggior livello di sicurezza, almeno per ora!

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

Calendario

febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 Gen 2014

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 Apr 2013

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 Gen 2013

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 Gen 2013

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 Dic 2012

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 Nov 2012

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

Febbre da brevetti: ecco i più bizzarri

6 Nov 2012

Impazza la febbre da brevetti che vede protagoniste tutte le maggiori case produttrici di strumenti tecnologici esistenti al mondo. Queste idee sono custodite nella banca dati dell’Autorità americana “Uspto” e probabilmente un giorno troveranno reale applicazione.Vediamo alcuni tra i brevetti più bizzarri. Per evitare la tragica caduta al suolo dello smartphone, Amazon nel 2011 ha registrato un brevetto simpatico che vedrebbe l’apertura di alcuni airbag prima che il cellulare tocchi …

Gli scanner biometrici arrivano a scuola

12 Ott 2012

I sistemi di controllo degli accessi che utilizzano la biometria si stanno facendo sempre più largo nell’ambito di istituzioni ed aziende dato che permettono un elevato grado di sicurezza e lo snellimento delle procedure di controllo fisico. Da qualche giorno niente badge o cartellino anche per i docenti ed il personale Ata del liceo scientifico “Plinio Seniore” di Roma che ha imposto ai dipendenti l’utilizzo di scanner biometrici per segnalare …

Una pistola che lancia anelli di fumo per allontanare gli aggressori… e non solo!

23 Lug 2012

pistola vortex

Prendendo spunto dalle pistole giocattolo per bambini in grado di lanciare anelli di fumo, Battelle, azienda statunitense di Columbus, Ohio, per realizzare una vera e propria arma in grado di lanciare anelli di diverse sostanze gassose o di cariche elettriche. Secondo i ricercatori, questa pistola sarebbe in grado di lanciare questi anelli ad una distanza di quasi 46 metri e ad una velocità di circa 145 chilometri orari. Gli anelli …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.