Home » Tecnologia » Recent Articles:

Molestie telefoniche? Cambiatevi la voce

ottobre 23, 2010 Tecnologia 2 Commenti

Spesso e volentieri, per una donna che abita da sola, una telefonata non è necessariamente foriera di una buona notizia o di una voce amichevole. Al contrario, come possono testimoniare i sempre più numerosi casi di stalking ovunque nel mondo, a volte dall’altro capo della linea si annida un molestatore, che spesso può essere una persona conosciuta, ad esempio un ex fidanzato un po’ troppo insistente.

In casi del genere, cambiare numero di telefono potrebbe non essere sufficiente, oltre ad essere assai scomodo (ad esempio per comunicare il proprio nuovo numero ad amici, conoscenti, parenti e contatti di lavoro). Quindi invece di fuggire dalle molestie telefoniche, la tecnologia di sicurezza offre la possibilità di difendersi in una maniera più subdola e senza doversi nascondere.

Infatti, se non potete evitare le telefonate, il modo migliore per far sì che esse smettano rapidamente è quello di usare un cambiavoce elettronico, ossia un’apparecchiatura che, collegata al vostro telefono di casa o al cellulare, modifica elettronicamente la voce mediante un algoritmo che agisce sulle frequenze della voce umana, trasformando ad esempio la voce di una donna in quella di un uomo e viceversa.

Grazie al cambiavoce, inoltre, potrete modificare la vostra voce in modo da far credere all’interlocutore che a rispondere sia un bambino, o una persona anziana, un ragazzo o una ragazza. Il tutto in maniera assolutamente naturale, in quanto l’algoritmo di modifica non rende la voce “metallica”, e la persona all’altro capo del telefono può facilmente essere portata a credere di aver sbagliato numero o che a quel numero non risponda più la persona cercata.

Grazie all’apparecchio per cambiare la voce, potrete sfuggire non solo a disturbatori telefonici, ma anche a creditori troppo pressanti, aziende di televendita che cercano di costringervi ad acquistare prodotti di cui non avete realmente bisogno, e così via. Per maggiori informazioni sul funzionamento, potete visitare il sito di Endoacustica.

Come costruire una microspia

ottobre 23, 2010 Tecnologia Nessun Commento

22

Per chi vuole cimentarsi nella sorveglianza audio e, pur non avendo le necessarie risorse per acquistare un set completo di microspie e microfoni nascosti per ascolto segreto, è fornito di una buona dose di pazienza oltre ad una certa conoscenza di base dell’elettronica, al giorno d’oggi su Internet è ormai facile trovare le istruzioni per costruire delle apparecchiature che possono svolgere lo stesso lavoro.

Ad esempio, su uno dei tanti siti specializzati, è possibile reperire le istruzioni dettagliate per fabbricare una microspia artigianale, con materiali semplicissimi che si possono facilmente ottenere riciclando una vecchia radio.

Ovviamente il risultato che si otterrà non potrà certo essere utilizzato da un professionista della sorveglianza per prestazioni ad altissimo livello, ma potrà essere più che sufficiente, ad esempio, per poter ascoltare i vostri vicini o i vostri figli mentre giocano nella loro stanza.

Il risultato delle intercettazioni può essere facilmente captato con una normale radio FM, per cui magari, se avete intenzione di giocare uno scherzo ai vostri vicini di casa, fate attenzione che non abbiano la radio accesa, altrimenti potrebbero ascoltarsi in diretta!

Le istruzioni dettagliate per costruire questo, che come ripetiamo deve essere considerato niente più che un semplice giocattolo, sono piuttosto semplici per chi ha delle nozioni di base di elettronica, e nel giro di poche ore di lavoro, anche voi potrete costruire la vostra prima microspia per giocare agli agenti segreti!

Ovviamente però, se si ha intenzione di usare un sistema di monitoraggio audio, composto non solo da microspie ambientali e telefoniche, ma anche da trasmettitori radio adatti ad un utilizzo professionale, ad esempio per risolvere un caso di infedeltà coniugale, occorre rivolgersi ad esperti del settore, che possano consigliarvi per il meglio, in base alle vostre esigenze nel campo della sorveglianza e, perché no, anche al vostro budget.

Spiare il prossimo, con una penna registratore

ottobre 21, 2010 Tecnologia Nessun Commento

A volte, per i più svariati motivi, si può aver bisogno di raccogliere informazioni in maniera discreta, senza che le persone attorno a sé siano in grado di rendersene conto.

Uno dei modi migliori è certamente quello di registrare le conversazioni, ma tale operazione va compiuta senza dare nell’occhio. Pertanto, è necessario che la registrazione nascosta avvenga utilizzando degli strumenti che non siano immediatamente identificabili come registratori, che potrebbero mettere sul chi vive le persone registrate.

A questo scopo, la tecnologia di sorveglianza audio ci mette a disposizione una serie di microregistratori dalle dimensioni talmente piccole da poter essere nascosti all’interno di oggetti di uso comune, senza perdere assolutamente nulla in termini di efficienza, affidabilità e semplicità d’uso.

Un classico esempio in tal senso è la penna registratore. In anni ed anni di film di spionaggio abbiamo visto penne usate per sparare, per scoccare frecce avvelenate o per lanciare gas soporiferi; ora, grazie alla miniaturizzazione delle tecnologie di registrazione e dei supporti di salvataggio, una penna può facilmente contenere un microregistratore digitale, unito ad una altrettanto piccola scheda di memoria, su cui salvare ore ed ore di conversazione.

Inoltre, la registrazione può essere avviata facilmente; infatti, proprio per evitare sospetti, una penna registratore è in grado di funzionare normalmente, con l’unica differenza che, premendo il pulsante in cima, non solo si può scrivere, ma si può anche avviare la registrazione, senza che nessuno se ne accorga.
Con queste caratteristiche, le possibilità d’uso sono illimitate: riunioni riservate in ufficio, lezioni scolastiche ed universitarie, raccolta di prove in casi di spionaggio industriale e così via.

Per maggiori informazioni sul funzionamento dei micro registratori di questo genere, Endoacustica vi invita a visitare il proprio sito, dove potrete scoprire anche offerte speciali su questo tipo di articoli!

Foto e video segreti sul vostro iPhone

ottobre 21, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Esistono ormai sul mercato talmente tante applicazioni per iPhone, che sembra che il cellulare prodotto dalla Apple sia in grado di fare praticamente tutto tranne… il caffè! Una possibilità a cui, stranamente, nessuno aveva ancora pensato, era quella di usare il melafonino per scattare foto e registrare filmati in maniera segreta.

Tale lacuna è stata appena colmata: infatti, su iTunes, la casa di Cupertino mette a disposizione Camera Camouflage, un’applicazione che trasforma il vostro iPhone in una macchina fotografica nascosta.

L’applicazione può far squillare il vostro cellulare a comando (ad esempio ad un orario prestabilito), come se fosse in arrivo una normale chiamata. Nel momento in cui rispondete a questa chiamata, la videocamera entrerà in funzione, e mentre tutti pensano che voi stiate parlando al telefono, in realtà li starete riprendendo!

Per scattare fotografie, invece, lo scatto verrà attivato dalla voce della persona al telefono. Quindi, parlando con frasi brevi, potrete scattare immagini in sequenza, sempre in maniera del tutto invisibile per chi vi sta intorno. Inoltre, il suono che gli iPhone emettono quando scattano una fotografia verrà riprodotto non più sull’altoparlante (che potrebbe insospettire chi vi sta intorno) ma direttamente nelle vostre orecchie.

Ovviamente, per funzionare in modalità nascosta, l’applicazione disabilita il flash, pertanto non può essere usata in ambienti bui, a meno di non farsi scoprire. Sicuramente si tratta di una interessante aggiunta per i telefoni cellulari di chi svolge investigazioni o attività di sorveglianza in maniera professionale, ma può essere usata anche, in maniera molto più innocente, per scattare fotografie e video dei vostri amici in momenti divertenti o compromettenti.

In ogni caso, visto che il costo dell’applicazione è inferiore ad un dollaro, comunque, vale certamente la pena di metterla alla prova!

Un orologio o una radio trasmittente?

ottobre 21, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Chi ha passato i 35-40 anni, da ragazzo, sognava un paio di radioline ricetrasmittenti, o walkie-talkie, per giocare alla guerra o alle spie con i propri amici, o per tenersi in contatto a distanza con loro senza doversi telefonare.
Più avanti con gli anni, le radio trasmittenti si sono introdotte nella nostra vita di tutti i giorni, ad esempio nelle case di chi ha bambini piccoli, offrendo alle mamme l’opportunità di ascoltare cosa succede nella stanza dei bambini mentre loro sono impegnate con le faccende domestiche.

Nell’era dei cellulari, si tende a pensare che tutte le comunicazioni debbano avvenire per via telefonica; al contrario, però, per mantenersi in contatto a breve distanza, la trasmissione via radio può sicuramente rendersi utile.

Pensate ad esempio ad una battuta di caccia, in una zona non coperta dalla rete telefonica; ad un’operazione di polizia durante la quale si ha bisogno di un contatto continuo e discreto; o più semplicemente, per lasciare i propri figli liberi di scorrazzare in un centro commerciale mentre i genitori sono impegnati negli acquisti per le feste.

In tutti questi casi, un valido aiuto può venire dall’uso di un R-Watch, ossia di un orologio radio. All’interno di quello che sembra un normalissimo orologio da polso con display digitale, infatti, si nasconde una potente ricetrasmittente radio, in grado di funzionare con un raggio d’azione massimo di 3 chilometri.
R-Watch è in grado anche di interagire con altri apparecchi radio che usino le stesse frequenze. Pertanto, può comunicare a distanza con chiunque sia dotato di un walkie-talkie.

Per avere maggiori informazioni e dettagli sul funzionamento dell’orologio radio, potete visitare il sito di Endoacustica, azienda leader nella produzione e distribuzione di articoli per la vostra sicurezza e per la sorveglianza audio e video.

Un nuovo scanner contro gli esplosivi nelle scarpe

ottobre 21, 2010 Tecnologia Nessun Commento

La parte più noiosa del prendere un volo è spesso la fila al controllo di sicurezza, nonché il fatto di doversi togliere giacche e cinture, svuotare le tasche ed anche sfilarsi le scarpe; quest’ultima misura di sicurezza, poi, oltre ad essere scomoda è spesso causa di perdite di tempo non indifferenti.

Per risparmiare tempo nel controllo di sicurezza, garantendo al contempo una maggiore efficienza nella rilevazione di eventuali sostanze esplosive nascoste, la University of Illinois ha sviluppato un nuovo scanner, in grado di individuare più rapidamente eventuali tracce di esplosivi usati per la costruzione di bombe improvvisate, quali ad esempio il TATP (Perossido di Acetone), la sostanza più usata per questo genere di attacchi.

Per rilevare il TATP, questo nuovo body scanner usa una procedura diversa da quella degli altri scanners attualmente presenti negli aeroporti, apparecchiature ingombranti ed estremamente costose che, proprio per questi motivi, non sono ancora molto diffuse.

Il progetto degli scienziati americani, infatti, prevede che la ricerca di TATP avvenga a livello molecolare, cercando le particelle attraverso un processo cromatico. I sensori, infatti, sono dotati di una pellicola di plastica sulla quale sono stati stampati 16 piccolissimi punti, ognuno con un diverso colore.
Il pigmento usato per colorare questi punti cambia colore a seconda della eventuale concentrazione di TATP nell’aria attorno a sé, e lo scanner riproduce un’immagine digitale dell’oggetto contenente l’esplosivo.

Il tutto avviene a costi estremamente limitati. Infatti, tale immagine può essere riprodotta su una normale fotocamera digitale; lo scanner, poi, è semplicissimo da usare ed impiega pochissimi secondi per rilevare eventuali tracce di esplosivo.
Al contrario di altri scanner attualmente in uso, che possono essere ingannati dalla presenza di detergenti chimici, questo nuovo sistema è assolutamente infallibile.

Non resta che attendere qualche tempo, per vedere se il progetto diverrà di uso comune e la fila in aeroporto sarà più veloce!

Lettonia, la polizia assedia i cittadini

ottobre 20, 2010 Tecnologia 1 Commento

Dopo essere stata invidiata in tutto il mondo per una crescita economica stellare seguita all’indipendenza dall’URSS, la Lettonia è stato il paese europeo che più ha risentito della crisi finanziaria mondiale, e sta iniziando un lento processo di risanamento.

Una categoria di lavoratori che sembra non aver risentito della crisi, apparentemente, è quella dei poliziotti, specialmente quelli deputati al controllo del traffico. Per loro, crisi o meno, non cambia nulla, perché continuano ad arrotondare il magro stipendio in una maniera che, purtroppo, è molto diffusa nei paesi dell’Est Europa: vessando i cittadini.

Se in Occidente la presenza di una pattuglia stradale ispira sicurezza, in Lettonia essa incute timore. Infatti, gli ineffabili vigili urbani, invece di piazzarsi, ad esempio, prima di una curva pericolosa per indurre gli automobilisti a rallentare, si posizionano dopo la stessa, così da poter cogliere sul fatto chi dovesse superare i limiti di velocità.

Circolare con una targa straniera, poi, vuol dire attirare l’attenzione dei simpaticissimi vigili, che ad esempio, su una strada trafficata, fermeranno il malcapitato turista per aver superato i limiti, salvo poi rispondere, alle giuste rimostranze dell’automobilista che ne chiede prova, che la pistola laser non funziona.

Ovviamente però, tutto è risolvibile con un po’ di flessibilità: basta una piccola mancetta al poliziotto di turno (di solito all’incirca il 20% della normale multa), e magicamente l’infrazione sparisce… E per i guidatori stranieri, che nella mentalità locale sono considerati ricchi e stupidi, l’importo di tale mancia viene moltiplicato.

Le regole del traffico sono inesistenti, e pertanto possono essere interpretate in vari modi, ma mai a favore di chi è al volante. Una svolta a sinistra normalmente consentita, diventa improvvisamente vietata quando un’auto di pattuglia si apposta dietro l’angolo.

E se pensate che prendere l’autobus possa salvarvi da queste vessazioni, vi sbagliate di grosso! Per le strade di Riga, quando il controllore sale per verificare (giustamente) che tutti abbiano pagato il biglietto, non lo fa mentre l’autobus continua la corsa verso la sua destinazione.

L’autobus viene fermato sul ciglio della strada, e assieme a un paio di donne che verificano i biglietti dei vari passeggeri, salgono altrettanti poliziotti, mentre altri due armati sono appostati per fermare chi dovesse tentare la fuga. All’Ovest, questa si chiama interruzione di pubblico servizio, ma in Lettonia, la gente scrolla le spalle e tira dritto.

D’altra parte, in un paese dove lo stipendio medio non tocca i 500 euro e tutti hanno un secondo lavoro, bisogna cercare di arrotondare in qualche modo. Per i poliziotti lettoni, arrotondare vuol dire vessare… Chissà, forse a Riga e dintorni, è proprio vero che “si stava meglio quando si stava peggio”.

E’ possibile scoprire se il proprio telefono cellulare è intercettato?

ottobre 19, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Le leggende metropolitane riguardo alle intercettazioni telefoniche nell’era dei cellulari sono svariate e, come si può facilmente immaginare, assolutamente infondate.
Per esempio, alcuni credono che per scoprire se il proprio cellulare è sotto controllo, basti digitare una certa sequenza di cifre per entrare direttamente in comunicazione con la polizia (certo, se la sequenza è 113…), oppure che quando il telefonino emette un ronzio in prossimità di televisori o radio e’ perche qualcuno lo sta intercettando, e non più semplicemente perché sta entrando in comunicazione con la cella che ne garantisce il funzionamento.

La verità è che intercettare un cellulare è un’attività che può essere svolta se si è in possesso della tecnologia adatta, che costa svariate centinaia di migliaia di euro e che, per ovvi motivi, è a disposizione soltanto delle forze dell’ordine.
Con apparecchiature di questo tipo, solitamente grandi come una valigetta, è possibile aggirare le protezioni di qualsiasi rete cellulare ed ascoltare tutte le conversazioni che si svolgono nel raggio di alcune centinaia di metri.

Ovviamente, chi subisce un’intercettazione di questo tipo non sarà assolutamente in grado di accorgersene, altro che leggende metropolitane… Pertanto, chi ha bisogno di garantirsi telefonate sicure, per motivi professionali o personali che rendano necessaria la massima riservatezza, ha bisogno di passare all’azione per proteggersi.

La maniera migliore è sicuramente quella di munirsi di un cellulare criptato, ossia di un normale telefono che utilizza una chiave segreta per codificare le proprie conversazioni. In maniera simile ad un email criptato, sia sul cellulare del chiamante che su quello del ricevente viene installata questa chiave di codifica a 256 bit, altamente sicura e protetta da accessi esterni.

Quando i due cellulari sono impegnati in una conversazione criptata, un eventuale ascoltatore esterno che tentasse di intercettare la chiamata potrebbe udire soltanto un rumore continuo, impossibile da decodificare se non si è in possesso della chiave. Quindi, una conversazione tra due cellulari criptati è completamente al riparo da ascolti esterni.

Se pensate che le vostre conversazioni telefoniche possano essere ascoltate da orecchie indiscrete, prima di munirsi di un sistema di difesa è sempre consigliabile rivolgersi ad un esperto di sorveglianza. Nel campo della privacy telefonica, l’esperienza pluriennale che Endoacustica garantisce ai propri clienti è a vostra disposizione per tutti i vostri dubbi e domande a proposito di sorveglianza.

Microspia GSM, sorveglianza a distanza in 4 centimetri

ottobre 19, 2010 Tecnologia Nessun Commento

In molti campi si usa dire che le misure non contano, e questo è particolarmente vero nella tecnologia di sorveglianza audio, quando spesso e volentieri i migliori risultati si ottengono utilizzando apparecchiature delle dimensioni di pochi millimetri, che nonostante l’ingombro ridottissimo sono in grado di fornire prestazioni superlative.

Ad esempio è il caso delle microspie GSM, che possono raggiungere anche dimensioni inferiori ai 4 centimetri, ma che grazie ad un sensibilissimo microfono, e soprattutto alla scheda SIM incorporata, sono in grado non solo di ascoltare conversazioni che si svolgano all’interno del loro raggio d’azione, ma soprattutto di trasmetterle in tempo reale ad un ascoltatore distante, anche dal’altra parte del mondo!

Infatti, grazie al suo sensore di attivazione vocale, non appena la microspia GSM rileva un suono superiore a 60 decibel intorno a sé, immediatamente la scheda SIM farà partire una telefonata in automatico, verso un numero telefonico preimpostato (ossia il vostro numero di cellulare, ad esempio), e potrete ascoltare in diretta ed in maniera assolutamente discreta, tutte le conversazioni captate dal suo microfono.

La microspia GSM Bug, grazie alle sue dimensioni ridottissime, è adatta per essere occultata pressochè ovunque, grazie alla batteria che la alimenta e che fornisce alimentazione per lunghi periodi di tempo. Nascondendola ad esempio all’interno di un autoveicolo, potrete entrare in ascolto non appena lo stesso viene acceso. Inoltre, i parametri di funzionamento della microspia, così come le impostazioni di sensibilità, possono essere modificati a distanza, semplicemente inviando un SMS al numero della scheda SIM.

Per scoprire nel dettaglio il funzionamento di GSM Bug e di una vasta gamma di microspie ambientali, potete visitare il sito di Endoacustica e rivolgervi ai nostri esperti in sorveglianza per una consulenza personalizzata.

Newsletter

Seguici su Google Plus

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

Calendario

giugno: 2012
L M M G V S D
« mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Attenzione! La mosca che ti ronza intorno potrebbe spiarti!

18 giu 2012

insetto robot per sorveglianza

Scarafaggi, api, moschoni, falene… quanti di voi odiano questi minuscoli e fastidiosi esseri? Entomofobici di tutto il mondo restate calmi! Da oggi gli insetti si fanno anche cyborg, permettendo di poter arrivare in luoghi dove le tradizionali telecamere non possono, per scopi di videosorveglianza e salvataggio. I membri del DARPA (Agenzia per i progetti di ricerca avanzata per la difesa) stanno, infatti, investendo molto tempo e denaro nella ricerca e …

Un nuovo sistema di sorveglianza per le merci pone interrogativi sulla privacy.

15 giu 2012

nuovo sistema di sorveglianza

È un po’ come avere installato sui beni che si cedono in affitto una sorta di localizzatore GPS. In realtà questa nuova tecnologia si chiama RFID, che sta per Radio Frequency Identification, ossia identificazione tramite frequenza radio. In sostanza stiamo parlando di microchips lavabili che si possono inserire in capi d’abbigliamento ed oggetti di ogni genere, per monitorarne i ritorni, nel caso in cui questi vengano dati in affitto. Sono …

Stalker, un’applicazione per iPhone il cui nome dice tutto.

12 giu 2012

stalker app

Supponete che un’amica vi chieda di spiare per lei il suo compagno che la tradisce. Oltre a pedinarlo e vedere con i vostri occhi per fare da testimone, avete anche bisogno di supportare le vostre affermazioni con delle prove, magari di scattare delle foto senza che lui se ne accorga. Supponete, inoltre, di avere con voi solo il vostro iPhone. Cosa potete fare?. Da oggi c’è una nuova applicazione che …

Dagli Stati Uniti, uno scanner per effettuare perquisizioni senza contatto fisico.

11 giu 2012

body scanner

Tra le nuove tecnologie utili per la difesa personale e civile e per lo spionaggio, avevamo già sentito parlare di strumenti come la penna scanner, in grado di scannerizzare documenti ed inviarli tramite Bluetooth o per email, o strumenti per vedere attraverso i muri, utili per scovare persone sequestrate o sopravvissuti in calamità naturali, come i terremoti. Un nuovo strumento si è affacciato sul mercato e sta mostrando la sua …

Il telefono che immobilizza l’aggressore, nuova frontiera della difesa personale?

7 giu 2012

cellulare immobilizzatore antiaggressione

A chi non è mai capitato di passeggiare da soli in un luogo buio o in un parco con l’ansia che qualcuno potesse farvi del male? Chi non hai mai pensato di utilizzare oggetti contundenti presenti nella propria borsa per un eventuale scopo di difesa personale? Starete pensando sicuramente alle chiavi, che un po’ tutti portiamo dietro. Ma mai avreste pensato ad un telefono cellulare o, meglio, a qualcosa che …

Un nuovo robot per la sorveglianza in movimento.

6 giu 2012

robot per sorveglianza video

I veicoli a controllo remoto e senza pilota umano (UGV- Unmanned Ground Vehicles) si sono dimostrati davvero utili per usi militari ma diversi studi di settore dimostrano come essi possano essere applicati anche alla sicurezza civile. Un valido esempio di questi strumenti è il GroundBot, prodotto da un’azienda svedese. Capace di rotolare nel fango, nella sabbia, nella neve e persino di galleggiare sull’acqua, questo particolare robot ha una forma sferica …

L’abbigliamento anti-proiettili si fa intimo.

5 giu 2012

intimo anti-proiettili

I soldati che pattugliano le strade dell’ Afghanistan a piedi sono costretti a fronteggiare una serie di pericoli che sicuramente in un carro armato non troverebbero. Uno di questi rischi è rappresentato dai dispositivi esplosivi improvvisati (o IED), che molto spesso causano la perdita di arti o danni alle “parti basse”. A tal proposito è stato sviluppato un sistema di protezione pelvico che comprende due livelli: uno interno, chiamato “PUG” …

Agente segreto con “licenza di polsino”.

1 giu 2012

gemelli da polso wi fi

Lo 007 dei tempi moderni, oltre ad essere coraggioso, scaltro e furbo, deve essere anche high-tech, se vuole essere al passo con i tempi e non rimanere confinato in un film degli anni Sessanta. Avevamo sentito parlare di gemelli da polso che sono in realtà chiavette usb, ma non avremmo mai potuto immaginare di poter avere questi gemelli in una nuova versione, per condividere una rete wi-fi. Se un gemello, …

Microspia video 3G, un grande passo in avanti nella videosorveglianza.

28 mag 2012

sorvegliare a distanza

Fino a qualche anno fa pensare ad una microspia che fornisse accesso immediato ad un luogo dall’altra parte del globo, permettendo di vedere e ascoltare ciò che stesse succedendo, era pura fantascienza. La tecnologia, però, ha raggiunto ormai livelli prima impensabili, permettendo di controllare a distanza ed in tempo reale qualsiasi luogo, che sia esso interno o esterno. La microspia video 3G è un piccolo gioiello tecnologico che permette il …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.