Home » Tecnologia » Recent Articles:

Dalle password alle “passthought”

aprile 15, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Fuga di dati, informazioni riservate vendute ai concorrenti, brevetti mancati per colpa di dipendenti infedeli: questo è lo scenario attuale in molte aziende del mondo. La stringente crisi “costringe” ogni giorno milioni di impiegati a vendersi ad aziende concorrenti in cambio di ingenti somme di denaro o favori professionali.

Dall’altra parte le aziende più attente hanno adottato dei validi sistemi di sorveglianza sia per quanto riguarda il monitoraggio ambientale di ciò che avviene all’interno dell’impresa, sia per quanto concerne la sicurezza informatica. Attraverso dispositivi invisibili è possibile tenere sotto controllo il lavoro dei propri dipendenti e ostacolare tentativi di intrusione. Infatti non sono da sottovalutare anche le minacce di hacking. In maniera del tutto inosservata, attraverso dei sofisticati algoritmi, si riesce ad entrare nei terminali aziendali, sottraendo informazioni e dati rilevanti. A poco o nulla serve ormai cambiare continuamente password.

A dare una risposta alla necessità di sicurezza informatica, oltre ai validi strumenti citati in precedenza, potrebbe arrivare nei prossimi anni un computer che si comanda attraverso i gesti. E non è tutto. Sembra che non sarà più necessario digitare la password perché questa sarà letta direttamente dalla mente dell’utente; da qui il nome “passthought”.

Il progetto è in fase di sperimentazione presso la UC Berkeley School of Information ed ha preso il via da un caschetto, già testato, con funzioni di elettroencefalogramma non invasive. Il dispositivo viene connesso tramite Bluetooth ad un computer che riesce a decifrare le onde cerebrali. Durante i test è stato chiesto a diverse persone di immaginare di compiere azioni specifiche, come muovere un dito o cantare una canzone. In tutti i casi (con un livello di errore inferiore all’1%) è stato possibile usare le onde cerebrali per identificare le azioni in modo accurato. Chiara, a questo punto, la possibile applicazione al mondo delle password.

Questo tipo di ricerca rientra nel campo dell’autenticazione biometrica che offre già ampie applicazioni in vari campi. Basti pensare alle serrature ad impronte digitali. Andando ben oltre gli strumenti fisici e le classiche combinazioni alfanumeriche si potrà raggiungere un maggior livello di sicurezza, almeno per ora!

Accorgimenti per aumentare l’autonomia dello smartphone

marzo 26, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Lo smartphone vi abbandona proprio quando ne avete bisogno? Un tempo la batteria ci accompagnava anche per settimane; era il tempo in cui il cellulare serviva solamente per telefonate ed sms. Non è più così ora: con i moderni smartphone si gioca, si naviga su internet, si tiene sotto controllo la propria casa e si spia il proprio partner. Queste tra tante altre attività. Non è raro che la batteria non arrivi neppure fino a sera.

Ci sono dei piccoli accorgimenti che ci aiutano ad aumentare l’autonomia del cellulare. Non sono software miracolosi o applicazioni complesse, ma accortezze per ridurre il normale consumo della batteria.

Di solito gli smartphone includono un sensore di luminosità in grado di rilevare la luce dell’ambiente e di regolare di conseguenza la luminosità dello schermo. Più la luce è forte, più lo schermo sarà luminoso. Al contrario, in un ambiente buio, la luminosità sarà più debole. Il primo accorgimento potrebbe essere dunque quello di impostare manualmente la luce dello schermo scegliendo la configurazione migliore per voi stessi, evitando così di affaticare la fonte di alimentazione.

Bisogna anche sapere che nel momento in cui non usiamo le connessioni, non vuol dire che queste siano spente. Il Wi-Fi acceso effettua continue connessioni consumando energia. Stessa cosa vale per il Bluetooth o per il GPS. Dunque sarebbe proficuo spegnere le reti quando non sono necessarie.

Un elemento meno conosciuto può essere quello riguardante la connessione telefonica. Ogni smartphone è impostato per l’utilizzo della rete 3G, cioè la rete dati. Se non navigate su Internet, la rete 2G è perfetta per gestire telefonate e SMS e soprattutto vi permette di guadagnare utili minuti di batteria.

E’ valida la stessa cosa per l’impostazione di sincronizzazione continua dei dati. Se questa impostazione è attiva, il telefono controllerà se ci sono email o notifiche anche quando è in stand-by. Disabilitando la sincronizzazione automatica dei dati, potrete aggiornare la posta manualmente, quando lo desidererete.

Attuare questi consigli potrebbe risultare noioso, ma attraverso scorciatoie sullo schermo o menù di configurazione facilitati può essere più facile di quanto crediate e soprattutto utile se si tratta di situazioni di emergenza in cui non è possibile ricaricare il cellulare.

Smartphone in freezer per scoprire tutti i segreti degli Android

marzo 13, 2013 Tecnologia Nessun Commento

I ricercatori dell’Università Friedrich-Alexander di Erlangen, in Germania hanno trovato un modo estremamente semplice per hackerare il sistema di crittografia adottato dalla quarta versione di Android. Algoritmi e sofisticati software riescono ogni giorno ad accedere a milioni e milioni di informazioni contenute in smartphone e dispositivi elettronici di ogni genere. Dietro c’è sempre il lavoro di squadre di esperti, hacker o meno, che studiano le caratteristiche dei sistemi per poi violarli.

Non è andata esattamente in questa maniera per i ricercatori tedeschi che hanno scoperto un’insolita falla nel sistema “Ice Cream Sandwich”, cioè nella protezione dati dei dispositivi Android più evoluti. Sarebbe proprio il freddo ad allentare la cifratura che impedisce sostanzialmente di accedere ai contenuti sullo smartphone senza aver prima sbloccato lo schermo.

Il test è stato effettuato non tanto per testare la validità del software, ma per risolvere un problema che preoccupa gli investigatori e le forze dell’ordine: riuscire a risalire alle informazioni contenute in uno smartphone per motivi giudiziari. Il più delle volte vengono utilizzati software spia che sono installati in pochi istanti sui cellulari di chi si vuole controllare e si ha così la possibilità di ascoltare chiamate, visualizzare sms in entrata e in uscita, ascoltare ciò che avviene attorno al dispositivo e controllare la posizione GPS.

Di fatto i ricercatori hanno messo un Galaxy Nexus in freezer per un’ora, portandolo a una temperatura di -10 gradi, poi hanno tolto e rimesso la batteria e sono riusciti a recuperare i contatti, le foto, i file e la cronologia del browser. L’hacking è avvenuto tramite un software, attivato al posto del sistema operativo, in grado di inviare i dati raccolti ad un’altra macchina.

Quello che è avvenuto: quando i chip sono molto freddi conservano più a lungo i dati e facilitano la decifrazione della protezione. Il congelamento è una tecnica già utilizzata in ambito forense sui pc e i laptop, ma mai nessuno l’aveva applicata agli smartphone. Il metodo è stato battezzato Frost, nome che oltre a ricordare il gelo, sta per Forensic Recovery of Scrambled telephone.

Atooma, l’app migliore al mondo

febbraio 28, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Atooma è l’applicazione “migliore al mondo”. Lo hanno deciso al Barcellona Word Congress dopo una selezione effettuata tra oltre 1400 concorrenti. Atooma è un’applicazione Android sviluppata da quattro ragazzi italiani di 27 anni e consente di personalizzare le funzioni del proprio cellulare.

Insomma il programma dà la possibilità di creare tante mini-app senza dover conoscere intricati codici di programmazione. Ad oggi Atooma è utilizzato da oltre 70mila persone, grazie alla sua grande versatilità: può ad esempio abbassare la suoneria quando si è in ufficio, inviare un sms appena si rincasa, attivare il vivavoce in auto, ma anche connettersi ai social network o ai nostri sistemi di sorveglianza. A questo riguardo è bene sottolineare che l’app made in Italy può essere utilizzata per personificare ancor di più quelli che possono essere i servizi di connessione tra lo smartphone e validi strumenti di controllo e monitoraggio dei propri ambienti consentendo di elevare il proprio livello di sicurezza.

Atooma nasce come un esperimento per rivoluzionare il sistema operativo per cellulari, lavoro alla base della tesi di laurea di una delle componenti. Il lavoro è stato subito notato e premiato in diversi contest.
Al momento l’applicazione è disponibile solo per gli smartphone con il sistema operativo Android, è in via di sperimentazione una versione per iOS che appare al momento più ostica.
Nonostante il progetto dei giovani italiani stia andando a gonfie vele, non sono stati raccolti fondi a sufficienza per far crescere ulteriormente l’attività.

La smart TV in una chiavetta

febbraio 25, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Nuovi dispositivi che rendono “smart”qualsiasi televisore. Si tratta di sistemi basati perlopiù su Android che trasformano qualsiasi schermo della casa in un tablet. All’apparenza sembrano delle chiavette usb un po’ più grandi, ma al posto del connettore per il computer c’è una porta video HDMI che ci permette di collegarli direttamente al televisore. Se ne trovano di tutti i tipi: senza marca e a poco prezzo o marcati e con una serie di accessori a corredo che ne facilitano l’uso.

Tra le più semplici troviamo la chiavetta Smartkey TV – Movie Pack di Asystel (in vendita a circa 99 euro). Essenziale esteticamente, supporta Android 4.04 e la configurazione iniziale è fatta tramite procedure guidate. L’interfaccia è interamente in italiano e ci sono già molte applicazioni installate tra le quali il servizio di noleggio di film online. Chiaramente per questo tipo di app è importante che la copertura Wi-Fi sia molto buona, in modo da permettere un’alta velocità nella trasmissione dei dati. Nella confezione della Smartkey TV c’è un cavo HDMI ed un controller dedicato.
Sono state riscontrate alcune lacune; sembra che il sistema si riferisca alla chiavetta come se fosse un telefono e sono presenti tutta una serie di applicazioni che non hanno un vero utilizzo, tipo quella per la fotocamera integrata che, ovviamente, non esiste.

Un’altro valido esempio è il Manhattanshop Android TV Dongle U1A (costa 79,80 euro). Esteticamente è molto raffinato, supporta Android 4.04 e si comporta esattamente come un tablet. L’interfaccia iniziale è spoglia e in inglese, senza nulla già installato, ma dà diretto accesso a Google Play, il market per le app di Google, che consente una personalizzazione a 360°. Anche in questo caso non tutte le app funzionano a dovere. Per controllare il “tablet”, dato che il televisore non è touch, possiamo usare qualsiasi tastiera e mouse wireless oppure acquistare separatamente un controller dedicato. La navigazione sul web risulta più lenta rispetto a quella che si ottiene sui tablet.

Chiaramente non manca l’alternativa Apple per l’approccio alla Smart TV. La Apple TV permette di noleggiare e guardare sul televisore tutti i film disponibili su iTunes. Nonostante il catalogo sia molto ampio, capita spessissimo di non trovare quello che cerchiamo. Non è possibile installare e usare app direttamente sulla Apple TV, ma possiamo sfruttarla per visualizzare lo schermo del nostro iPhone o iPad sul televisore.

Attraverso i nuovi dispositivi smart è possibile controllare anche gli impianti di sorveglianza in collegamento con tablet o smartphone. La continua necessità di monitoraggio dei propri spazi porta spesso alla scelta di sistemi di sorveglianza integrati come quelli proposti da Endoacustica.

Riot, la Google-spia

febbraio 15, 2013 Tecnologia Nessun Commento

“The Guardian” ha rivelato nei giorni scorsi l’esistenza di Riot (Rapid Information Overlay Technology, ma in inglese il termine significa “sommossa”, lasciando intendere che il prodotto può essere utilizzato come una forma di controllo sociale). Il software è stato sviluppato negli Stati Uniti da Raytheon, una delle più grandi aziende che lavora nel settore della difesa militare, in grado di ricavare dati (data mining) e fornire previsioni sui comportamenti dei cittadini U.S.A. Alla base del software ci sarebbero i social media come Facebook e Twitter. Solitamente per entrare a conoscenza di questo tipo di informazioni sono usate delle chiavette usb o dei piccoli sistemi che permettono di conoscere ogni qualsiasi dato venga inserito nel pc.
Riot è una specie di motore di ricerca in grado di localizzare gli utenti dei social, di mostrare le loro foto, dove e quando queste sono state scattate e si può trasformare in un vero e proprio strumento di controllo, una “Google-spia”. Funziona usando complessi algoritmi per “leggere” miliardi di informazioni presenti sul web.

Al momento pare che il software non sia in vendita, in quanto diversi aspetti preoccupano la privacy. Ad esempio permette di seguire le persone e le loro abitudini, e quindi prevederne i comportamenti. Inoltre gli utenti spesso non sono al corrente che i loro dati sono disponibili a tutti e quindi ci sarebbe bisogno di una campagna di informazione per un corretto utilizzo. E non è tutto. Attraverso il graphical riot object browser è possibile correlare persone, fatti e relazioni.
Per ora alcune informazioni simili possono essere ottenute attraverso il twitter scraping (estrazione selettiva dei tweet) o motori di ricerca appositamente creati per Facebook. Pare inoltre che l’FBI stia sviluppando un software di ricerca per i social media.

Le polemiche sulla privacy non mancano in questi casi. David Brin, autore di fantascienza già nel 2008 aveva sentenziato: “Siamo già troppo lontani per poter regolamentare l’utilizzo delle telecamere, conviene adeguarsi al fatto che perderemo parte della nostra privacy, ma a vantaggio di una maggiore sicurezza”.

Le nuove penne hi-tech registrano e correggono errori grammaticali

febbraio 7, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Le penne sono dall’antichità, oggetti di uso quotidiano. Ce ne sono di tutti i tipi: classiche, tecnologiche, fashion, in materiali preziosi. Hanno spopolato sul mercato ormai da qualche anno le DVR Pen Endoacustica, penne che oltre a consentire la normale scrittura, sono in grado di registrare file audio e video di buona qualità consentendo così di immagazzinare lezioni scolastiche, interviste oppure di monitorare situazioni particolari in maniera discreta. Una volta creati i file possono essere esportati in comodità sul pc attraverso un cavo usb in dotazione.

Nonostante la diffusione a tappeto degli elaboratori elettronici in numerose occasioni è necessario ancora l’utilizzo della penna e, abituati come siamo, ai correttori automatici si rischia di fare una pessima figura in quanto a conoscenze grammaticali. Sostituire “per” con “x” o eliminare qualche vocale sarà pressoché scontato. C’è chi ha pensato a questo tipo di problemi di scrittura dando vita a Lernstift, una penna che vibra ogni qual volta rileva che si sta scrivendo qualcosa di sbagliato, sia una singola lettera o una parola intera.

La penna è stata creata da una coppia austriaca dopo aver constatato gli sforzi del figlio per imparare a scrivere. Lo strumento si presenta come una normale biro di colore verde e bianco, ma al suo interno sono impiantati dei sensori in grado di rilevare una serie di variazioni nel modo in cui si formano le parole. Gli errori possono essere segnalati secondo due modalità: «calligrafia» o «ortografia» e nel momento in cui vengono riscontrati, il dispositivo emetterà un ronzio.

A proposito c’è chi parla di “strumento educativo unico ed efficace” e chi invece crede che questo tipo di aggeggi rischiano di “azzerare la nostra perizia grammaticale” . Al momento Lernstift è ancora in fase di sviluppo, ma pare che nelle prossime settimane verrà lanciato un progetto di crowdfunding con lo scopo di raccogliere fondi per commercializzarla su larga scala. Un progetto sicuramente da migliorare che lascia ancora perplessi i linguisti.

Il phablet, l’oggetto del desiderio 2013

gennaio 8, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Idee innovative, diavolerie tecnologiche e proposte sempre più social alla fiera dell’elettronica 2013 CES di Las Vegas. Smartphone e tablet fanno indubbiamente da padroni per la mostra che vanta ogni anno milioni e milioni di appassionati provenienti da ogni parte del mondo. Oggetto cult dell’esposizione 2013 è senz’altro il “phablet”, termine ancora non inserito nel nostro linguaggio comune che tiene insieme il “phone” e il “tablet” come il già diffuso Galaxy Note di Samsung.
A questo primo modello si accosteranno nelle prossime settimane molti altri a 5 pollici: Butterfly di Htc, Grand S di Ztc, Z e ZL di Sony. Huawei presenterà invece Ascend Mate con schermo da 6,1 pollici, poco più piccolo del Kindle Fire di Amazon.

Phablet, phonelet, tweener o super smartphone molto probabilmente si imporrà come oggetto del desiderio 2013, con i produttori già pronti a combattere per imporre i loro modelli su quelli dei rivali.
In realtà, il primo esemplare, lo Streak di Intel, è stato progettato già nel 2010, ma il successo dei phablet nel mercato è stato sancito dal Samsung col suo Galaxy Note nel corso del 2012. A favorire il successo dei phablet entreranno in gioco una serie di fattori; a cominciare dal crescente interesse per i contenuti video da consumare in mobilità: il phablet consente una visione ottimale e la possibilità di sfruttare le reti mobili oltre che le connessioni wi-fi.

Si prevede che nei prossimi tre anni il mercato quadruplicherà il suo valore a quota 135 miliardi di dollari, per un totale di circa 230 milioni di dispositivi dotati di schermo superiore ai 5 pollici.
A trainare l’adozione dei phablet sarà ancora una volta l’area compresa tra dell’Asia-Pacifico, Giappone e Corea con una percentuale stimata attorno al 50% di vendite mondiali nell’anno 2017.

Durante il CES non è passato inosservato Centre Horizon Table, il tablet per 4 con schermo da 27 pollici, grande quanto un tavolino da caffè. Il maxi tablet della compagnia cinese Lenovo è in grado di distinguere i diversi “tocchi” e sarà disponibile dall’estate 2013 ad un prezzo di circa 1.699 dollari.
Gli utenti cercheranno in tutti i modi di unire le nuove tecnologie alle irrinunciabili funzionalità degli attuali smartphone. Servono ormai quasi a tutto: informarsi, giocare, chattare, ma anche controllare la propria salute, tenere d’occhio i propri figli e monitorare il proprio partner. Siamo disposti a rinunciare a tutto questo?

Pagare il bus con il cellulare? A Londra si può

dicembre 27, 2012 Tecnologia Nessun Commento

Londra continua a fare passi da gigante nel campo della tecnologia. Al centro degli investimenti inglesi questa volta ci sono i caratteristici autobus a due piani rigorosamente rossi.

Si tratta del progetto di pagamento contactless che permetterà il pagamento degli autobus attraverso carte di credito e smartphone. Questo comporterà l’installazione di lettori Nfc (Near field communication, la tecnologia alla base del sistema) sui mezzi di trasporto.

La nuova tecnica prende avvio da una comunissima carta di credito, debito o acquisto abilitata ad eseguire transazioni in prossimità dei lettori. Oltre a questa il pagamento potrà essere effettuato proprio attraverso gli smartphone dotati di chip Nfr. Con questi sistemi sarà possibile pagare le corse degli autobus e molto presto anche della metropolitana e di altri mezzi pubblici. Il chip potrà essere impiantato inoltre nelle Oyster card, le carte abitualmente utilizzate dai londinesi per usufruire dei mezzi pubblici, e permetterà lo sviluppo di servizi e applicazioni senza obblighi di licenza.

Nella fase di start up sarà possibile pagare la singola tratta ad un prezzo agevolato per incentivare l’adozione della nuova tecnologia. Ovviamente questa avverrà in tempi non brevissimi, dato che le carte in circolazione in Inghilterra sono oltre 30mila, senza contare gli smartphone.

Alcune difficoltà sono state riscontrate proprio nell’armonizzazione dei servizi di pagamento delle banche che sostengono il progetto.
In ogni caso la città britannica è la prima ad adottare questo servizio ci si auspica che presto seguano la stessa strada le altre città Europee.
Ormai con il cellulare si può fare davvero tutto: controllare la propria posizione e quella di un altra persona, ascoltare chiamate e leggere sms di un altro apparecchio, ascoltare addirittura ciò che avviene attorno; tutto ciò con l’installazione di software all’avanguardia Endoacustica. Se un giorno il metodo di pagamento attraverso il cellulare dovesse estendersi a qualsiasi forma commerciale, potremo proprio dire che senza di lui non si può stare!

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

CALCOLATRICE SPIA GSM


Calendario

maggio: 2017
L M M G V S D
« Feb    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 Gen 2014

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 Apr 2013

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 Gen 2013

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 Gen 2013

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 Dic 2012

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 Nov 2012

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

Febbre da brevetti: ecco i più bizzarri

6 Nov 2012

Impazza la febbre da brevetti che vede protagoniste tutte le maggiori case produttrici di strumenti tecnologici esistenti al mondo. Queste idee sono custodite nella banca dati dell’Autorità americana “Uspto” e probabilmente un giorno troveranno reale applicazione.Vediamo alcuni tra i brevetti più bizzarri. Per evitare la tragica caduta al suolo dello smartphone, Amazon nel 2011 ha registrato un brevetto simpatico che vedrebbe l’apertura di alcuni airbag prima che il cellulare tocchi …

Gli scanner biometrici arrivano a scuola

12 Ott 2012

I sistemi di controllo degli accessi che utilizzano la biometria si stanno facendo sempre più largo nell’ambito di istituzioni ed aziende dato che permettono un elevato grado di sicurezza e lo snellimento delle procedure di controllo fisico. Da qualche giorno niente badge o cartellino anche per i docenti ed il personale Ata del liceo scientifico “Plinio Seniore” di Roma che ha imposto ai dipendenti l’utilizzo di scanner biometrici per segnalare …

Una pistola che lancia anelli di fumo per allontanare gli aggressori… e non solo!

23 Lug 2012

pistola vortex

Prendendo spunto dalle pistole giocattolo per bambini in grado di lanciare anelli di fumo, Battelle, azienda statunitense di Columbus, Ohio, per realizzare una vera e propria arma in grado di lanciare anelli di diverse sostanze gassose o di cariche elettriche. Secondo i ricercatori, questa pistola sarebbe in grado di lanciare questi anelli ad una distanza di quasi 46 metri e ad una velocità di circa 145 chilometri orari. Gli anelli …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.