In aumento i sistemi di sicurezza alla guida

Abbiamo parlato diverse volte di quanto sia importante la sicurezza alla guida. I dispositivi anti sonno proposti da Endoacustica Europe propongono la più valida soluzione sul mercato al pericolo dato dall’eccessiva stanchezza e ora arriva dagli Stati Uniti, il sistema di sicurezza MyKey, ovvero una chiave di sicurezza che limita …

Aggiungi/condividi

Australia: il faccia a faccia con uno squalo gigante ripreso da una videocamera waterproof

E’ estate, tempo di avventure fuori porta. Il desiderio più grande di chi si appresta a grandi imprese sportive o alla scoperta di nuovi posti è sicuramente immortalare quei momenti in modo da poterli rivivere e perché no, mostrarli ad amici e parenti. E’ sicuramente questo il caso di un …

Aggiungi/condividi

Attenzione: il gatto ci spia

Dopo gli scandali Anonymous e Nsa, la nuova minaccia alla nostra privacy digitale potrebbe arrivare da un tenero gattino. Nella specie, la spia si chiama WarKitteh ed è un collare per gatti che, mentre l’animale va in giro per la città, segnala al suo padrone quali sono le reti wireless …

Aggiungi/condividi

Boom di software per proteggere i propri familiari

Nei prossimi anni assisteremo sia in Europa che negli Stati Uniti ad un boom di family locator devices. Si tratta di strumenti che consentono ad un genitore ad esempio di monitorare e localizzare figli e familiari visualizzando su una qualsiasi mappa online, posizione geografica e spostamenti. Per tenerli d’occhio basterà …

Aggiungi/condividi

Articoli Recenti:

Sentinelle robot sul confine coreano

luglio 14, 2010 Tecnologia Nessun Commento

DMZ

Un giorno, tutti noi potremmo essere sostituiti da robot che svolgono il nostro lavoro in silenzio, in maniera assolutamente efficiente, senza lamentarsi e soprattutto, senza essere iscritti ad alcun sindacato.
L’ultimo sviluppo in tal senso non avviene nel mondo del lavoro, ma in quello militare: infatti, il governo sudcoreano ha deciso di installare, all’interno della famigerata DMZ, la zona demilitarizzata che corre lungo il 38esimo parallelo e che divide le due Coree, una serie di sentinelle robot.

Si tratta di robot dotati di sensori che possono rilevare la voce, il movimento e l’impronta di calore di un eventuale intruso all’interno della loro zona di competenza, e che in casi estremi possono sparare con un mitragliatore automatico o lanciare delle granate. Non appena il robot sentinella rileva un intruso, esso invia un segnale al suo centro di controllo.

Se il personale del centro di controllo rileva che l’intruso non costituisce una vera e propria minaccia, i robot restano tranquilli, ma se dovesse essere identificato come un nemico, verrebbe dato l’ordine di sparare e di neutralizzarlo.

Attualmente, questi robot vengono usati soltanto nei pressi di un singolo posto di confine (ovviamente non si sa quale), e se l’esperimento dovesse essere coronato da successo, il governo sudcoreano installerebbe sentinelle automatizzate, dal costo di 330 mila dollari l’una, lungo tutti i 250 chilometri di confine tra la Corea del Sud e la terra di nessuno che la separa dalla Corea del Nord, una delle zone più pericolose dell’intero pianeta, nonché la linea di confine con la più alta concentrazione di armamenti al mondo.

Chi potrebbe non essere d’accordo con l’installazione di tali robot sono gli animali che sono tornati a popolare la DMZ trasformandola in una sorta di riserva naturale involontaria, e che ora potrebbero essere minacciati.

Un aereo spia vola per quattro giorni senza inquinare

luglio 13, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Phantom Eye

Non passa giorno senza che non venga presentato un nuovo aereo spia, tanto che ormai i nostri cieli (e quelli di zone dove la pace è a rischio o non c’è proprio, come il Medio Oriente, l’Iraq o l’Afghanistan) sono sempre più affollati da droni che tengono sotto controllo il territorio sottostante da varie altezze.

L’ultima novità in tal senso, presentata dalla Boeing nei giorni scorsi, si chiama Phantom Eye. Questo aereo spia, dalla curiosa forma ad uovo e con 45 metri di apertura alare, può raggiungere un’altitudine di 65000 piedi (circa 20000 metri), e grazie a due motori da 2300 centimetri cubici di cilindrata, restare in volo fino a 4 giorni consecutivi trasportando circa 200 chilogrammi di strumentazioni e raggiungendo una velocità di 150 nodi, il tutto senza pilota.

Oltretutto, Phantom Eye è in grado di volare in maniera assolutamente non inquinante, e ad un costo operativo decisamente contenuto, in quanto i suoi motori sono alimentati ad idrogeno; al contrario dei normali motori degli aerei commerciali e militari che, sia pur in maniera limitata, inquinano l’atmosfera, il motore all’idrogeno non produce monossido di carbonio ma pura e semplice acqua, contribuendo pertanto a mantenere puliti i nostri cieli.

Per ora Phantom Eye è soltanto un prototipo, ma per l’inizio del prossimo anno, dopo i primi test a terra, inizieranno i primi voli di prova di questo velivolo, che sembra destinato a rivoluzionare il mondo degli aerei spia, non tanto per le proprie caratteristiche tecniche (le apparecchiature di sorveglianza montate a bordo non dovrebbero essere tanto dissimili da quelle attualmente in circolazione), quanto per essere il primo UAV d’alta quota a muoversi nella direzione del risparmio energetico e dell’energia pulita.

Aerei da combattimento senza pilota ed invisibili ai radar

luglio 13, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Taranis

Il Ministero della Difesa britannico ha appena presentato Taranis, il primo prototipo di aereo da combattimento senza pilota (o UCAS, Unmanned Combat Aircraft System) in grado di volare in modalità Stealth, ossia senza essere rilevato dai sistemi di difesa radar nemici, e di colpire a lunghissima distanza, anche a migliaia di chilometri dalla base.

L’aeromobile Taranis è il risultato di un lavoro di progettazione e sviluppo durato oltre tre anni e mezzo, ed è destinato ad essere il più grande aereo da combattimento senza pilota operante in aree di guerra, una volta completate anche le fasi di test in volo (il primo volo è previsto entro il 2011).

Sarà munito di due alloggiamenti interni per armamenti, e nonostante sia equipaggiato con sistemi che ne permettono il funzionamento in maniera completamente autonoma per la maggior parte della missione, il controllo finale e le decisioni sull’eventuale utilizzo della forza verranno prese dal personale di terra che lo comanda a distanza.

Il progetto Taranis vede all’opera, sotto l’egida del Ministero della Difesa, giganti cdel settore aeronautico, motoristico e tecnologico. Nomi quali BAE Systems (che avrà la supervisione del progetto), GE Aviation, Qinetiq e Rolls Royce stanno collaborando per consegnare alle truppe di Sua Maestà un nuovo strumento per colpire a distanza ed in tutta sicurezza.

Durante la cerimonia di presentazione, svoltasi nell’impianto della BAE Systems a Warton, non sono stati ancora forniti dettagli in merito ad armamenti, sistemi di navigazione e all’equipaggiamento tecnologico che sarà montato a bordo del Taranis, ma siamo sicuri che si tratterà del meglio a disposizione, per garantire una flessibilità estrema ed una altrettanto estrema precisione nel colpire, senza essere avvistato dalle difese nemiche.

Auricolari invisibili, per un contatto continuo e discreto

luglio 11, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Earpiece

Se le intercettazioni telefoniche diventano uno strumento più difficile da utilizzare, almeno in Italia, il lavoro di investigazione delle forze dell’ordine non può certo fermarsi, e per combattere il crimine, in alcuni casi bisogna ricorrere ad un sistema ben più laborioso e rischioso, ossia quello di tentare di infiltrare, ad esempio, un gruppo di criminali od una cellula terroristica, per raccogliere in prima persona informazioni che normalmente si potrebbero ottenere tramite l’uso di una microspia.

Per compiere questo genere di operazioni, uno degli strumenti più utili offerti dalla tecnologia di sorveglianza è certamente quello degli auricolari invisibili, ossia dei microscopici trasmettitori che, inseriti all’interno del canale auricolare, sono utilizzabili sia per ascoltare cosa avviene intorno a chi li indossa, che per inviargli informazioni ed istruzioni a distanza, in modo da guidarlo nella sua operazione di raccolta informazioni e prove.

L’auricolare invisibile contiene al suo interno un piccolo trasmettitore che può essere collegato via Bluetooth ad un orologio ricetrasmettitore o ad un orologio GSM, ossia un normale orologio da polso che però al suo interno nasconde una trasmittente radio o una scheda SIM come quella di un normale cellulare.
In questo modo, le informazioni raccolte tramite l’auricolare vengono inviate via radio ad un ascoltatore appostato nel raggio di un paio di chilometri, o usando la rete telefonica GSM, possono essere trasmesse verso qualsiasi angolo del nostro pianeta su un numero di telefono preimpostato, avviando la trasmissione in maniera discreta tramite la semplice pressione di un pulsante.

Per maggiori informazioni sul funzionamento di auricolari invisibili ed orologi GSM, vi consigliamo di visitare il sito di Endoacustica per una consulenza personalizzata.

Un robot sociale per anziani soli

luglio 11, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Kompott

Invecchiare non è sempre facile, specialmente per chi vive da solo e non è sempre in grado di mantenersi in contatto continuo con familiari o parenti che vivono lontano. Per ovviare alla distanza esistono i social networks, ma non è facile per una persona di una certa età riuscire ad usare il computer, spesso visto come una sorta di aggeggio infernale, ed usarlo per navigare, ad esempio, alla ricerca delle fotografie o dei video delle vacanze dei propri cari.

E’ proprio per riempire questo vuoto che degli studenti della Zurich University (ancora la Svizzera!) hanno creato Kompott, un prototipo di robot progettato per aiutare le persone che hanno scarsa dimestichezza con i mezzi tecnologici a fruire comunque di Facebook, Flickr e così via.
La testa di questo robot per anziani è un grande touch screen, che tramite delle icone facili da interpretare permette di scegliere tra contenuti quali messaggi email, video o immagini.

Come su un normale touchscreen, basta toccare lo schermo per avanzare o selezionare, e per aprire il video o le fotografie da visualizzare. Oltre a questo, Kompott aiuta anche coloro che hanno difficoltà a leggere il testo sullo schermo o ad usare una tastiera per rispondere.

Infatti, grazie ad un programma di sintetizzazione vocale, il testo di un messaggio email può venire letto ad alta voce, e per rispondere basterà dettare il messaggio, e Kompott lo trasformerà in testo prima di inviarlo via email senza bisogno di compiere procedure che per noi che usiamo un computer ogni giorno sono semplicissime, ma per un anziano possono essere incomprensibili.

Lo scopo di Kompott è quello di riuscire un giorno a fare in modo che anche un anziano possa mantenersi in contatto con il mondo, usando tecnologie che non sarebbe in grado di utilizzare normalmente, fornendo anche un importante sollievo contro la solitudine.

Immagini dallo spazio con fotocamere ad alta sensibilità

luglio 11, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Low Light

La NASA ha reso pubbliche una serie di spettacolari immagini scattate dallo spazio da astronauti a bordo della ISS (International Space Station). Si tratta di un archivio di circa 700 mila fotografie, tutte scattate tramite una serie di fotocamere digitali D3S fornite dalla Nikon, ed appositamente modificate per essere usate dallo spazio.

Tali fotocamere sono state modificate appositamente per ottenere una altissima sensibilità ed una risposta massima in condizioni di scarsa illuminazione, condizioni che diventano ancora più particolari nello spazio, dove si può passare dalla piena luce del sole all’oscurità più totale. Per operare in simili condizioni, la fotocamera ad alta sensibilità è in grado di funzionare in un campo di sensibilità compreso tra 100 e 102400 ISO.

Oltre a pubblicare queste meravigliose immagini provenienti dall’immenso archivio dell’Agenzia Spaziale, scattate sia con queste fotocamere modificate che con normali modelli che chiunque potrebbe acquistare in qualsiasi negozio di fotografia, la Nikon ha reso pubblica anche la lista delle apparecchiature da essa fornite alla NASA, ed attualmente in orbita sulla ISS.

La collaborazione tra Nikon e NASA prosegue con successo da quasi 40 anni, dalla prima fotocamera usata nel 1971 a bordo dell’Apollo 15 fino alle ultime dSLR ordinate nel 2008 e tuttora in uso nello spazio.
Grazie a questa collaborazione, gli studi effettuati nello spazio dalla NASA si avvalgono da tempo di immagini di altissima qualità, usate non soltanto nel campo scientifico, ma anche a bordo di satelliti spia puntati verso la Terra con intenzioni molto diverse da quelle del semplice studio, quali la sorveglianza dallo spazio ela ricognizione in zone di guerra.

Intercettazioni, silenzio stampa contro la legge bavaglio

luglio 11, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Strike

In quanto operatori del settore della sicurezza e sorveglianza, abbiamo espresso più volte la nostra posizione in merito alla legge che il governo Berlusconi sta tentando di far approvare, e che introdurrebbe severe limitazioni non soltanto alla possibilità stessa di utilizzare lo strumento delle intercettazioni telefoniche durante un’indagine di polizia, ma anche alla libertà di stampa, impedendo la pubblicazione di notizie di reato addirittura fino a che il processo non si sia concluso.

Quindi, non soltanto non sarebbe più possibile (o sarebbe molto più difficile e laborioso) incastrare criminali che usano il telefono per prendere accordi, scambiarsi informazioni e compiere una serie di atti utili ai loro interessi, ma i giornalisti che dovessero dare notizia di tali crimini sarebbero passibili di sanzioni economiche e addirittura rischierebbero il carcere.

Se questa legge fosse in vigore oggi, tanto per fare un esempio, i recenti scandali che hanno coinvolto politici di governo e della maggioranza sarebbero passati completamente sotto silenzio, e l’opinione pubblica non sarebbe stata in grado di giudicare obiettivamente i propri governanti, cosa già di per sé difficile, in un Paese dove l’informazione televisiva è travisata al punto che l’Italia (unico paese dell’Europa occidentale) è classificata come “Paese parzialmente libero” dal punto di vista della libertà di espressione.

Per protestare contro tutto questo, ieri 9 Luglio, in Italia si è tenuta una giornata di sciopero generale della carta stampata e dell’informazione online: la maggior parte dei giornali (anche alcuni dell’area di centrodestra) non è stata pubblicata, ed i maggiori siti di informazione (nonché quelli dei giornali stessi) non sono stati aggiornati per l’intera giornata.

In questo modo, la stampa italiana intende dare un esempio di come sarebbe l’informazione se questa legge liberticida dovesse effettivamente essere approvata: un’informazione totalmente imbavagliata, costretta a pubblicare notizie non rilevanti per riempire pagine di giornali che non avrebbero più alcuna funzione di informazione, ma sarebbero ridotti a mero intrattenimento, o adatti tuttalpiù ad una rapida lettura disattenta.

In presenza di una legge che limita la libertà di espressione, tale scelta può sembrare un controsenso, si potrebbe pensare che faccia esattamente il gioco di coloro che stanno tentando di imporre il bavaglio all’informazione; al contrario, il silenzio di oggi sulla carta stampata e sui siti di approfondimento ed informazione è uno spazio per pensare, un modo per rendersi conto che giornate come questa potrebbero verificarsi tutti i giorni, in un’Italia dove la legge dovesse decidere quali notizie pubblicare e quali far passare sotto silenzio.

L’aspetto che più deve far pensare è che, mentre da un lato si mostra una determinazione feroce per colpire i disperati che affrontano viaggi disumani per fuggire da fame e persecuzioni e venire a cercare fortuna nel nostro Paese, respingendoli via dalle nostre coste come se fossero infetti, dall’altro lato tale determinazione svanisce completamente, per fare spazio ad un accondiscendente silenzio e ad un volgere lo sguardo in altra direzione, quando si tratta di perseguire reati finanziari e di mafia che potrebbero essere facilmente contrastati ricorrendo alle microspie.

Se mentre negli USA l’aumento dell’utilizzo di cimici per intercettare telefonate e conversazioni ha portato risultati nel campo della lotta al cosiddetto “white collar crime”, ossia ai reati finanziari, in Italia si pensa a limitarne l’uso, è legittimo sospettare che ci siano altri interessi dietro. O no?

L’aereo solare che vola anche di notte

luglio 11, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Solar Impulse

Pensare ad un aereo alimentato ad energia solare ed in grado di volare anche di notte potrebbe sembrare una contraddizione, ma non se si è assistito al volo del Solar Impulse, un velivolo alimentato interamente ad energia solare.
Decollato di mattina presto dall’aerodromo di Payerne, in Svizzera (un paese ultimamente alla ribalta nel settore del volo, anche grazie alle imprese del Jetman Jean Yves Rossy), questo aereo ad energia solare è atterrato, sempre nel luogo da dove era partito, dopo ben 26 ore di volo ininterrotto.

Questo è stato possibile grazie all’accumulo di energia solare raccolta tramite le 11628 celle solari che ricoprono le ali del Solar Impulse. Decollando di mattina presto, il velivolo è in grado di raccogliere energia durante il giorno, ed usarla per caricare i circa 400 kg di batterie che alimentano i suoi 4 motori elettrici. Il suo peso piuttosto limitato (circa 1600 kg, all’incirca come una automobile di media cilindrata) richiede un consumo energetico minimo.

L’energia accumulata durante il volo duiurno si è rivelata sufficiente per alimentare il Solar Impulse anche durante le ore in cui l’unica luce è quella della luna; il successo di questo esperimento apre la strada all’obiettivo finale del progetto Solar Impulse, che è quello di volare intorno al mondo senza soste, appunto grazie alla sua alimentazione a pannelli solari, che permette di creare più energia di quanta non ne consumi.

Il progetto è iniziato già sette anni fa, e nelle intenzioni di André Borscherg, che svolge il doppio ruolo di progettista e di pilota dell’aereo solare, dovrebbe portare alla circumnavigazione del globo entro la fine dell’anno 2012.

Serratura biometrica, e il vostro ufficio è sicuro

luglio 7, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Fingerprint lock

Coloro che conservano dati sensibili o documenti altamente riservati nel proprio ufficio sanno bene che, nonostante una serie di precauzioni, durante la propria assenza tali informazioni sono a rischio, per eccessiva curiosità o per semplice incuria, di essere rese pubbliche.

Pertanto, occorre dotarsi di un sistema che garantisca accesso alla stanza, e di conseguenza anche ai documenti e alle informazioni in essa contenuti, soltanto a persone selezionate ed autorizzate. Per ottenere questo risultato, una normale serratura potebbe non essere sufficiente, perchè anche la chiave potrebbe essere smarrita o sottratta.

Quindi, meglio dotarsi di un sistema sicuro al 100%: una serratura biometrica ad impronta digitale. Una serratura del genere non ha chavi che possano andare perdute o venire rubate, perchè una chiave non serve. Basta scorrere il polpastrello del proprio dito indice e, se la vostra impronta digitale è stata registrata ed autorizzata in precedenza, potrete tranquillamente accedere alla stanza riservata.

Si possono memorizzare fino a 78 diverse impronte digitali; per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza a questo sistema di riconoscimento, è possibile impostare un codice PIN di apertura, da inserire una volta che la propria impronta digitale è stata riconosciuta.

La protezione mediante riconoscimento biometrico è comunemente usata per proteggere luoghi sensibili, ad esempio stanze riservate all’interno di installazioni militari o governative.Ora, un tale livello di sicurezza è accessibile a tutti, ad un costo contenuto, per proteggere il vostro ufficio, un luogo in cui forse non saranno contenuti segreti militari, ma nel quale sicuramente è importante che le informazioni riservate rimangano tali!

Per maggiori informazioni sulle serrature biometriche, vi consigliamo di consultare il sito di Endoacustica.

Newsletter

Seguici su Google Plus

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

Calendario

ottobre: 2014
L M M G V S D
« set    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 gen 2014

sicurezza-ufficio

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 apr 2013

cellularecrip

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 gen 2013

cubox

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 gen 2013

micro_gps_gprs

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 dic 2012

web-3-0

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 nov 2012

elicotterospia

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

Febbre da brevetti: ecco i più bizzarri

6 nov 2012

spray_iphone_2

Impazza la febbre da brevetti che vede protagoniste tutte le maggiori case produttrici di strumenti tecnologici esistenti al mondo. Queste idee sono custodite nella banca dati dell’Autorità americana “Uspto” e probabilmente un giorno troveranno reale applicazione.Vediamo alcuni tra i brevetti più bizzarri. Per evitare la tragica caduta al suolo dello smartphone, Amazon nel 2011 ha registrato un brevetto simpatico che vedrebbe l’apertura di alcuni airbag prima che il cellulare tocchi …

Gli scanner biometrici arrivano a scuola

12 ott 2012

mensabiom

I sistemi di controllo degli accessi che utilizzano la biometria si stanno facendo sempre più largo nell’ambito di istituzioni ed aziende dato che permettono un elevato grado di sicurezza e lo snellimento delle procedure di controllo fisico. Da qualche giorno niente badge o cartellino anche per i docenti ed il personale Ata del liceo scientifico “Plinio Seniore” di Roma che ha imposto ai dipendenti l’utilizzo di scanner biometrici per segnalare …

Una pistola che lancia anelli di fumo per allontanare gli aggressori… e non solo!

23 lug 2012

pistola vortex

Prendendo spunto dalle pistole giocattolo per bambini in grado di lanciare anelli di fumo, Battelle, azienda statunitense di Columbus, Ohio, per realizzare una vera e propria arma in grado di lanciare anelli di diverse sostanze gassose o di cariche elettriche. Secondo i ricercatori, questa pistola sarebbe in grado di lanciare questi anelli ad una distanza di quasi 46 metri e ad una velocità di circa 145 chilometri orari. Gli anelli …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.