Home » GPS » Recent Articles:

Il nuovo gadget contro le aggressioni

Arriva dalla Francia, è piccolo e discreto. Si tratta di un gadget tecnologico, che si connette a internet, pensato contro le aggressioni.

Difronte a un pericolo di violenze e aggressioni sempre crescente, soprattutto a danno delle donne, questa novità tecnologica si presenta come particolarmente importante.

Un oggetto che si può attaccare ai vestiti, ai gioielli o dove si vuole, senza dare fastidio o farsi notare troppo. Il gadget è dotato di un pulsante, che funziona un po’ come quello di un allarme: premendo il pulsante in situazioni di pericolo si indica online la propria posizione geografica, grazie al sistema GPS collegato al gadget, che geolocalizza chiunque lanci l’allarme. Per utilizzare il dispositivo è necessario scaricare una app apposita, compatibile con i sistemi iPhone e Android.

In realtà la trovata francese emula i migliori sistemi GPS già impiegati dalle forze dell’ordine, che possono ricevere in tempo reale eventuali richieste di aiuto attraverso questa tecnologia avanzata. Per di più ci sono aziende specializzate che distribuiscono questi sistemi anti aggressione in varie forme: orologi, micro gadget ed oggetti personalizzati per una sicurezza garantita. Inoltre questi dispositivi, essendo inseriti in oggetti di uso comune non destano sospetti e quindi permettono di operare in maniera efficiente. La sicurezza non è una scelta, ma un imperativo. Meglio affidarsi ad aziende di qualità.

Mondiali in Brasile: si punta all’evento più sicuro della storia

maggio 21, 2014 Sorveglianza Nessun Commento

Manca poco all’inizio dei Mondiali di calcio 2014, che quest’anno saranno disputeranno in Brasile. Farsi trovare pronti, sicuri e preparati è la filosofia del Brasile che  ha deciso di investire 7 milioni di dollari per l’acquisto di agenti di sicurezza high-tech, già utilizzati in Iraq, Afghanistan e Fukushima.

Al lavoro già da maggio questi soldati meccanici si preannunciano super efficienti. Ne è un esempio il robot Packbot 510, molto leggero, dotato di un braccio meccanico, di diverse telecamere ad alta risoluzione e di un GPS, pilotabile a distanza, può raggiungere i 10 km/h ed è in grado di riconoscere sistemi esplosivi e materiale pericoloso.

Il governo brasiliano ha deciso di acquistare una trentina di esemplari per garantire la sicurezza nelle 12 città nelle quali si terranno le partite di calcio. Questi avranno il compito di esaminare zone e oggetti sospetti inviando immagini ed allerte in caso di pericolo.

Questo investimento da circa 5,2 milioni di euro, mette in luce l’obiettivo del governo del presidente del Brasile, Dilma Rousseff: far sì che la Coppa del mondo sia “uno degli eventi più sicuri della storia”. Ma non si tratta solamente di robot. La polizia brasiliana, infatti, avrà a disposizione degli occhiali per il riconoscimento facciale molto avanzati che permetteranno di smascherare i soggetti ricercati grazie a telecamere ad alta definizione e ad un database con circa 13 milioni di persone registrate.
Saranno anche impiegati quattro droni israeliani dotati di telecamera, radar e sensori, che sorveglieranno i movimenti di veicoli e persone ad una altezza tra i 2 e i 5 Km.

E si guarda anche alla rete e ad eventuali attacchi online per la quale il Brasile sta provvedendo con le dovute misure di sicurezza attuate attraverso potenti strumenti tecnologici che assicurano la massima sicurezza.

I timori del Brasile, infatti, in occasione dell’evento che richiama l’attenzione da tutto il mondo, appassionato o meno del gioco del pallone, è quello di violente manifestazioni di protesta (già in atto in tutto il paese), oltre a vere e proprie azioni terroristiche.

La parrucca con fotocamera e sensore GPS

dicembre 20, 2013 Tecnologia Nessun Commento

Un’idea nel campo della tecnologia indossabile nata da due inventori giapponesi,  Hiroaki Tobita e Takuya Kuzi, dei Sony Computer Science Laboratories. Si tratta di una parrucca intelligente, SmartWig. I due ingegneri hanno sviluppato un particolare copricapo con una duplice funzionalità. Se da una parte è in grado di nascondere eventuali calvizie, è anche, e soprattutto, dotato di fotocamera, di un sistema di navigazione e di sensori in grado di monitorare i valori fisiologici.

La parrucca riesce a comunicare in modalità wireless con un dispositivo mobile ed è dotata di fotocamera, puntatore laser e un sensore Gps, un vero e proprio sistema di sorveglianza da mettere in testa.  Già da molto tempo i big della tecnologia sono alla ricerca di dispositivi quanto più indossabili; basti pensare agli occhiali spia, a collane e orologi dotati di microcamera e ai bracciali con sensori GPS.

Il primo modello di SmartWig funge da sistema di navigazione grazie a un sensore Gps. Il gadget indica il percorso attraverso delle micro-vibrazioni nella parte del cranio interessata: una piccola scossa sul lato destro indica la direzione a destra, per intenderci. In questo senso lo strumento potrebbe essere utile anche ai non vedenti che riceverebbero così le indicazioni mentre camminano. Il secondo modello, invece, è dotato di un puntatore laser e può far scorrere ad esempio le slide di PowerPoint semplicemente orientando la testa da un punto all’altro del riquadro. Infine, il terzo prototipo della smart-parrucca: sostituisce i termometri e i misuratori di pressione e, con un semplice clic, monitora le onde cerebrali, archivia suoni e immagini che, all’occorrenza, l’indossatore può recuperare. Grande applicazione potrebbe avere nel campo della sorveglianza e della sicurezza. Nessuno si accorgerebbe di un sistema nascosto sotto i capelli.

Non si sa se la parrucca verrà mai lanciata sul mercato. La SmartWig potrebbe rappresentare una vera e propria rivoluzione per il settore della tecnologia indossabile.

Mai più oggetti smarriti con gli strumenti di geolocalizzazione

settembre 18, 2013 Localizzazione Nessun Commento

La geolocalizzazione si fa sempre più vicina, a portata di mano. A tutti è capitato almeno una volta di smarrire un oggetto. Le chiavi, la borsa, il caricabatteria e tantissimi altri arnesi di uso quotidiano vengono molto spesso dimenticati, persi. La parte difficile sta nel ritrovarli. Questo fastidio potrebbe essere eliminato con l’ausilio di strumenti di geolocalizzazione.

In particolare, agli effetti della distrazione stanno cercando di rispondere grandi aziende e startup, con prodotti che a breve arriveranno sul mercato. Il loro segreto sarebbe un accessorio, una “tag”, cioè un’etichetta digitale da applicare o collegare in altri modi agli oggetti. Questi piccoli dispositivi potrebbero aiutare a trovare gli oggetti geolocalizzandoli attraverso uno smartphone, un tablet o un computer. Già tre i prodotti prossimi al lancio, due vengono da startup e uno da Nokia (esclusivo per i dispositivi Lumia, aggiornati a Bluetooth 4.0.). Le etichette si applicano sull’oggetto che si intende monitorare e da quel momento in poi, la tag invierà costantemente informazioni sulla posizione. Attraverso un’applicazione sarà possibile individuare dove si trova in qualunque momento, con opportuni avvisi di prossimità. Praticamente, gli oggetti sono rintracciabili nel giro di una cinquantina di metri e tutte le posizioni possono essere eventualmente condivise con altre persone.

In ambito professionale gli strumenti di geolocalizzazione sono utilizzati già da diversi anni. Basti pensare alla vasta gamma di localizzatori proposti da Endoacustica Europe. Sono dispositivi che si adattano pressoché a tutte le esigenze fungendo anche da antifurto per gli oggetti più preziosi (automobili, biciclette, valigie di sicurezza…). Sono ottimi strumenti per osservare i bambini e gli anziani e preservarli dai pericoli e coprono un raggio di azione molto ampio; inoltre, grazie  all’identificazione della posizione tramite la triangolazione GSM, assicurano la localizzazione anche in assenza di coperture GPS. Se si tratta di oggetti veramente preziosi, meglio affidarsi ai professionisti nel settore.

Localizzare un telefonino imitando pipistrelli e delfini

Localizzare la posizione precisa di un telefono cellulare in ambienti chiusi potrebbe diventare possibile grazie ad un algoritmo che permette di ricostruire la forma 3D di una stanza, ascoltando l’eco dei suoni prodotti all’interno, perfino di quelli più semplici come lo schioccare delle dita. Il progetto è stato messo a punto da un gruppo di ricerca del Politecnico di Losanna.

Gli studiosi si sono ispirati all’ecolocazione, il sistema con cui alcuni animali come pipistrelli e delfini emettono ultrasuoni e ne registrano gli echi di ritorno per localizzare la posizione di ostacoli o fonti di cibo. Allo stesso modo, il metodo usa una fonte sonora e quattro microfoni per ricostruire un ambiente in modo tridimensionale. Ogni microfono raccoglie il suono diretto dalla fonte e gli echi provenienti da varie pareti. L’algoritmo confronta quindi il segnale proveniente da ciascun microfono. I ritardi dei segnali vengono utilizzati per calcolare non solo la distanza tra i microfoni, ma anche la distanza da ciascun microfono tra le pareti e la sorgente sonora, localizzando in maniera esatta e precisa. Testando l’algoritmo in una stanza vuota, in cui è stata cambiata la posizione di una parete mobile, è stata ottenuta una mappa 3D con una precisione millimetrica.

In futuro, secondo il gruppo di ricerca, il metodo potrà essere usato per determinare la forma di una stanza dagli echi di una chiacchierata al cellulare. Ma non solo, la stessa tecnica potrebbe permettere di localizzare, grazie al cellulare, la precisa posizione di una persona in una stanza. Oggi i sistemi di localizzazione sono utilizzatissimi sia per la sorveglianza che come sistemi antifurto. Infatti, se da un lato permettono di osservare gli spostamenti di telefoni cellulari e monitorare persone o oggetti, dall’altra consentono di tracciare merci o oggetti preziosi in caso di furto o smarrimento. La localizzazione è una delle applicazioni più utili e favorevoli dei nostri giorni!

Il GPS umano per conoscere le proprie origini

febbraio 4, 2013 Localizzazione Nessun Commento

Pochi mesi fa sulla rivista Nature Genetics apparve una nuova ricerca che riguardava la mappatura genetica umana.
Il lavoro scientifico parla di un metodo probabilistico che associa i tratti genetici di ogni individuo alle singole coordinate geografiche: in modo da individuare le origini geografiche di ogni individuo mappando la sua completa discendenza connessa alle migrazioni che hanno caratterizzato le varie popolazioni nel tempo.
Gli scienziati hanno studiato le mutazioni genetiche (SNPs) che sono avvenute nel genoma umano e sono state trasmesse agli abitanti in base alle varie aree geografiche di appartenenza. La probabilità che una persona possieda queste mutazioni oggi varia a seconda della posizione geografica di quei suoi antenati. Sono dunque le mutazioni genetiche “trasportate” nelle varie generazioni a configurarsi come il naturale GPS del DNA. Lo studio ha prodotto un algoritmo matematico probabilistico basato sulle mutazioni nel genoma, che individua l’origine geografica dei propri avi.

Il metodo potrà, dunque, essere un valido sostegno sia in campo medico per studiare ad esempio le malattie che colpiscono un determinato gruppo di individui che in campo zoologico per comprendere le cause che hanno provocato le migrazioni e il cambiamento di habitat degli animali.

Sempre di “GPS umano” ha parlato Steven M. Reppert, un neurobiologo dell’Università del Massachusetts, che insieme ad alcuni colleghi, ha scoperto che anche gli esseri umani, come anche molti animali, potrebbero essere in grado di percepire il campo magnetico terrestre. Il “senso dell’orientamento” di cui sentiamo parlare potrebbe avere dunque una spiegazione scientifica.

Reppert ha studiato a lungo la farfalla monarca (Danaus plexippus) identificando nei criptocromi, speciali proteine fotosensibili, il sistema di orientamento dell’insetto. La farfalla di giorno si orienterebbe guardando il Sole, mentre di notte queste proteine sarebbero sensibili al campo magnetico terrestre, consentendo alla farfalla di trovare la strada di casa anche al buio. Lo stesso gene che codifica i criptocromi è attivo anche nell’uomo e ciò ha portato gli scienziati a pensare che anche noi, potremmo essere in grado di “sentire” i campi magnetici.

Fortunatamente chi non dovesse essere in possesso di grandi abilità orientative può fare affidamento su validi sistemi di localizzazione o GSM tracker che assicurano la validità delle informazioni anche quando il nostro “senso dell’orientamento” dovesse fallire. Con questi strumenti è facile ritrovare auto parcheggiate, chiavi di casa, bagagli, ma anche non perdere di vista bambini o animali.

Al supermercato con il navigatore

gennaio 15, 2013 Localizzazione Nessun Commento

La tecnologia GPS ha ormai numerosissimi utilizzi nelle attività quotidiane. Tener d’occhio i bambini, sorvegliare l’animale domestico, seguire l’auto del partner è ormai un gioco da ragazzi se si è in possesso degli strumenti giusti.
Tra qualche tempo sarà possibile utilizzare una sofisticata evoluzione della tecnologia GPS anche in un centro commerciale o tra gli scaffali del supermercato riuscendo così a risparmiare tempo e ad ottimizzare il confronto tra prodotti. A guidare il tour sarà il nostro fidato smartphone attraverso Locata, un nuovo sistema di posizionamento e navigazione funzionante anche al chiuso che potrebbe diventare un valido concorrente per la stessa tecnologia GPS. Il nuovo sistema ha un forte margine di precisione (soli 18 cm) ed è ancora in fase di miglioramento.

Per l’utilizzo di Locata è necessaria l’installazione di una rete di antenne per terra. Sicuramente si potrebbero trarre importanti vantaggi nelle grandi città, dove le costruzioni rendono spesso difficoltosa la localizzazione con il GPS tradizionale. Il Dipartimento della Difesa americano, che negli anni ’70 aveva sviluppato il GPS, sta effettuando dei test su vasta scala in un impianto missilistico nel deserto del New Mexico.

C’è entusiasmo tra i colossi del business per l’introduzione della nuova tecnologia. Infatti la pubblicità ne prenderebbe facilmente possesso, conducendo il potenziale cliente nel luogo dove si trovano i prodotti sponsorizzati.
In ogni caso Locata e altri sistemi simili potranno affiancare il GPS, ma per il momento non sostituirlo. In realtà sono già in commercio localizzatori in grado di offrire servizi molto simili, testati ed efficienti. E’ il caso del Micro GPS/GPRS Endoacustica che racchiude in se le potenzialità di un ricetrasmettitore GPS e GPRS e di un ricevitore satellitare, fungendo, all’occasione, da microspia ambientale e controllore della velocità. Un sistema di certo molto avanzato e dai costi contenuti.

Dagli USA, uno scanner che farà conoscere tutto di voi da 50 metri!

scanner molecolare laser

Sarà disponibile tra uno o due anni, fa sapere il Dipartimento di Sicurezza americano, uno scanner mai visto visto prima, che permetterà di sapere tutto delle persone scansionate: sostanze presenti nel corpo e sui vestiti, se ci sono tracce di droga, esplosivi o altre sostanze chimiche pericolose. E tutto questo senza dover fermare le persone e senza contatto fisico e, ancora, probabilmente a loro insaputa.

È qualcosa che va ben oltre le questioni sollevate già per la localizzazione satellitare e per le intercettazioni. È uno strumento che, utilizzato per la lotta al terrorismo, farà venire a conoscenza di coloro che lo utilizzeranno, forze di polizia e agenzie investigative governative, di informazioni dettagliate sulle persone scansionate. Tutti, inoltre, potranno essere scansionati in luoghi come aeroporti, centri commerciali, o persino per le strade cittadine, se gli agenti di polizia verranno dotati di questo strumento.

La compagnia che lo ha inventato, Genia Photonics, ha affermato che “il dispositivo è in grado di penetrare i vestiti e offrire un’informazione spettroscopica di qualsiasi sostanza presente nel corpo umano o negli oggetti portati con sé”. I suoi inventori sono già stati ingaggiati dall’azienda In-Q-Tel, per lavorare con il Dipartimento di Sicurezza degli USA. La In-Q-Tel è una compagnia fondata nel 1999 da un gruppo di privati cittadini su richiesta della CIA e con il supporto del Congresso. Una sorta di azienda-ponte tra l’agenzia di intelligence e le aziende che si occupano di nuove tecnologie.

Strumenti simili a questo scanner sono già stati progettati in Russia e alla George Washington University. Quello della Genia Photonics è, però, migliaia di volte più veloce e più preciso, anche ad una maggiore distanza.

Per quanto questa nuova tecnologia potrebbe aprire nuovi scenari in ambito di diagnosi medica, restano gli interrogativi sull’uso che se ne farà in altre circostanze, come la sicurezza del paese. Chi potrà utilizzarla? Con quali limiti? Chi conserverà i dati ottenuti? Dove e per quanto tempo? Un problema, quello della privacy, che rimane ancora aperto.

Il nuovo sistema GPS, precisione al centimetro

maggio 24, 2010 Tecnologia Nessun Commento

GPS

Non tutti ne sono coscienti, ma al giorno d’oggi, il sistema di posizionamento globale GPS (che per l’appunto è l’acronimo di Global Positioning System) costituisce ormai una colonna portante, quasi una spina dorsale del mondo come lo conosciamo e della tecnologia che fa ormai parte delle nostre vite.

I dati trasmessi da questo sistema servono non soltanto a farci trovare la strada più breve in una città che non conosciamo, per definire le rotte di navi o aerei o per compiere operazioni militari individuando bersagli sensibili ed abbattendoli tramite missili teleguidati ad altissima precisione, ma anche per regolare, ad esempio, le transazioni bancarie e la rete della Borsa di New York.

Infatti, il tempo di Wall Street (così come quello delle reti Bancomat) è segnato da un orologio atomico, per assicurare la massima precisione nella gestione di enormi masse di denaro. E tale orologio atomico è gestito, per l’appunto, dalla rete GPS, che garantisce una precisione fino al milionesimo di secondo.

Da ora, questo precisissimo sistema diventerà ancora più preciso, consentendo un controllo assoluto e totale di ogni centimetro del nostro pianeta. Infatti, è stato appena lanciato dagli Stati Uniti, che gestiscono la rete GPS, il primo di 24 satelliti che, uno alla volta, sostituiranno gli altrettanti che sono già in orbita geostazionaria e che ci consentono di trovare la strada di casa con un’approssimazione di qualche metro.

Questa fase di upgrade della rete satellitare porterà i sistemi di navigazione di nuova generazione ad avere un’approssimazione, per l’appunto, di circa un centimetro. Praticamente, ogni oggetto sulla faccia del pianeta Terra sarà potenzialmente individuabile dal nuovo sistema GPS.

Al giorno d’oggi, tramite il giusto sistema di localizzazione satellitare è già possibile non soltanto ottenere informazioni di guida, ma anche rintracciare pazienti affetti da morbo di Alzheimer che possano allontanarsi inavvertitamente, tenere sotto controllo i movimenti dei propri impiegati per accertarsi che rispettino i compiti o che seguano degli itinerari prestabiliti, o anche di mandrie di animali per evitare che combinino qualche guaio o che finiscano per perdersi.

I sistemi GPS vengono usati anche in campo militare e per operazioni di monitoraggio satellitare, allo scopo di tenere sotto controllo gli spostamenti di criminali o persone soggette al regime di libertà vigilata. Grazie alla nuova versione, tali spostamenti verranno seguiti, letteralmente, al centimetro, permettendo ad investigatori e forze dell’ordine di ottenere risultati perfetti dalle loro operazioni di sorveglianza.

Ovviamente, la possibilità che un satellite possa ricostruire ogni nostro movimento al centimetro rischia di mettere sul chi vive non soltanto chi ha qualcosa da nascondere, ma anche l’uomo della strada, che potrebbe vedere messa a rischio la propria privacy a favore di un sempre più presente “Grande Fratello” (no, non stiamo parlando del reality show!) in grado di influenzarne la vita grazie ai dati GPS.

Ad esempio, in linea del tutto teorica, un provider di servizi potrebbe ricostruire i movimenti e gli spostamenti di chi è dotato di un telefonino cellulare con localizzatore GPS, analizzando i tempi di permanenza all’interno dei negozi visitati, per individuarne i gusti ed inviare messaggi pubblicitari personalizzati.

Insomma, il Grande Fratello è già qui, basta sapersi difendere, ed usarlo a proprio vantaggio ove possibile, e le nostre vite potranno solo beneficiarne!

Un cellulare GPS per bambini, per essere sempre rassicurati

ottobre 27, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Mamorino

Come chi legge questo blog avrà avuto modo di notare, la sicurezza dei nostri figli è uno dei settori in cui la tecnologia di sorveglianza ha permesso passi da gigante negli ultimi anni.
Il telefono Mamorino, la cui immissione sul mercato è stata appena annunciata dalla multinazionale giapponese Kyocera, promette di essere il termine di paragone attraverso cui giudicare tutti gli altri apparecchi di questo genere.

Si tratta di un cellulare per bambini, che oltre ad effettuare normali chiamate soltanto verso numeri precedentemente impostati (tipo il cellulare della mamma o del papà, o il numero di casa), è dotato di un sistema di posizionamento GPS.

Progettato per l’uso da parte di bambini sotto i 10 anni, Mamorino ha quale funzione principale quella di consentire ai genitori di rintracciare i loro figli in qualsiasi momento, grazie al collegamento GPS che consente loro di richiedere la posizione del cellulare. Inoltre, in caso di pericolo o bisogno, sarà il bambino stesso ad essere in grado di inviare un allarme ai genitori, ed il telefono indicherà la propria posizione.

Un’altra utilissima funzione è l’allarme di emergenza, che emette un suono ad alto volume, in grado di attirare l’attenzione e mettere in fuga eventuali aggressori. In caso di emergenza, viene anche inviata una notifica ad una azienda di sicurezza, che provvede ad intervenire.

Mamorino è disponibile in due allegri colori, giallo e blu, perfetti per i bambini, ed è munito di tre tasti di chiamata “one-touch”, un piccolo schermo LCD, un tasto di fine chiamata ed un tasto centrale di selezione, per una semplicità massima d’uso da parte dei piccoli utenti.

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

CALCOLATRICE SPIA GSM


Calendario

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Come registrare conversazioni di nascosto in ufficio, o dove vuoi tu, in tutta sicurezza

10 Lug 2017

rec-card-micro-registratore-carta-credito

Microregistratore vocale a forma di carta di credito REC-CARD. Un campione di discrezione e di efficacia sul campo! Noi lo sappiamo bene: sul mercato esitono diversi micro registratori professionali validi, e soprattutto, “invisibili”. Eppure ogni qualvolta ci troviamo al cospetto di questo sottilissimo micro registratore digitale a forma di carta di credito, ne restiamo puntualmente affascinati, tanto da consigliarlo alle migliori agenzie di sorveglianza e investigazioni italiane ed estere. Perché …

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 Gen 2014

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 Apr 2013

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 Gen 2013

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 Gen 2013

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 Dic 2012

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 Nov 2012

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

Febbre da brevetti: ecco i più bizzarri

6 Nov 2012

Impazza la febbre da brevetti che vede protagoniste tutte le maggiori case produttrici di strumenti tecnologici esistenti al mondo. Queste idee sono custodite nella banca dati dell’Autorità americana “Uspto” e probabilmente un giorno troveranno reale applicazione.Vediamo alcuni tra i brevetti più bizzarri. Per evitare la tragica caduta al suolo dello smartphone, Amazon nel 2011 ha registrato un brevetto simpatico che vedrebbe l’apertura di alcuni airbag prima che il cellulare tocchi …

Gli scanner biometrici arrivano a scuola

12 Ott 2012

I sistemi di controllo degli accessi che utilizzano la biometria si stanno facendo sempre più largo nell’ambito di istituzioni ed aziende dato che permettono un elevato grado di sicurezza e lo snellimento delle procedure di controllo fisico. Da qualche giorno niente badge o cartellino anche per i docenti ed il personale Ata del liceo scientifico “Plinio Seniore” di Roma che ha imposto ai dipendenti l’utilizzo di scanner biometrici per segnalare …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.