Home » microtrasmettitori telefonici » Recent Articles:

Come costruire una microspia

ottobre 23, 2010 Tecnologia Nessun Commento

22

Per chi vuole cimentarsi nella sorveglianza audio e, pur non avendo le necessarie risorse per acquistare un set completo di microspie e microfoni nascosti per ascolto segreto, è fornito di una buona dose di pazienza oltre ad una certa conoscenza di base dell’elettronica, al giorno d’oggi su Internet è ormai facile trovare le istruzioni per costruire delle apparecchiature che possono svolgere lo stesso lavoro.

Ad esempio, su uno dei tanti siti specializzati, è possibile reperire le istruzioni dettagliate per fabbricare una microspia artigianale, con materiali semplicissimi che si possono facilmente ottenere riciclando una vecchia radio.

Ovviamente il risultato che si otterrà non potrà certo essere utilizzato da un professionista della sorveglianza per prestazioni ad altissimo livello, ma potrà essere più che sufficiente, ad esempio, per poter ascoltare i vostri vicini o i vostri figli mentre giocano nella loro stanza.

Il risultato delle intercettazioni può essere facilmente captato con una normale radio FM, per cui magari, se avete intenzione di giocare uno scherzo ai vostri vicini di casa, fate attenzione che non abbiano la radio accesa, altrimenti potrebbero ascoltarsi in diretta!

Le istruzioni dettagliate per costruire questo, che come ripetiamo deve essere considerato niente più che un semplice giocattolo, sono piuttosto semplici per chi ha delle nozioni di base di elettronica, e nel giro di poche ore di lavoro, anche voi potrete costruire la vostra prima microspia per giocare agli agenti segreti!

Ovviamente però, se si ha intenzione di usare un sistema di monitoraggio audio, composto non solo da microspie ambientali e telefoniche, ma anche da trasmettitori radio adatti ad un utilizzo professionale, ad esempio per risolvere un caso di infedeltà coniugale, occorre rivolgersi ad esperti del settore, che possano consigliarvi per il meglio, in base alle vostre esigenze nel campo della sorveglianza e, perché no, anche al vostro budget.

Le microspie sono in salvo, per ora

agosto 11, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Chi abbia seguito la vita politica in Italia ultimamente avrà notato come dalle cronache sia pressoché sparito il dibattito sul disegno di legge meglio noto come “legge bavaglio” che metteva un freno alle intercettazioni telefoniche, sollevando però allo stesso tempo seri dubbi sulla sua legittimità e sul vero motivo per cui tale legge avrebbe dovuto essere approvata.

Le difficoltà interne al centrodestra, e la scissione di un partito apparentemente monolitico ed incentrato sulla figura di Berlusconi come capo assoluto, hanno fatto passare in secondo piano la discussione di questa legge. A dire la verità, il disegno di legge sulle intercettazioni è stato una delle cause scatenanti di questa crisi, portando alla scissione tra i fedelissimi del Capo assoluto, e coloro che, nella coalizione di centrodestra, sono attenti alle esigenze di legalità ed onestà non solo del loro elettorato, ma anche di chi vota in altre direzioni.

Gli esponenti dell’ala scissionista avevano infatti già sollevato svariate eccezioni e proposto emendamenti sulla legge bavaglio, tanto da stravolgerne il senso iniziale, portandolo in una direzione che evidentemente, non faceva gli interessi del Presidente del Consiglio e di altri che ne avrebbero beneficiato.

Pertanto, a causa di questa spaccatura, il governo Berlusconi si trova ora a dover trattare non più (o non solo) per far passare il disegno di legge che regola l’uso delle microspie ambientali e telefoniche, ma anche per raggiungere una maggioranza stabile per continuare a governare.

Dal canto nostro, continueremo a dichiarare, per quanto possa contare, il nostro no ad una legge che non cura realmente le esigenze di privacy dei comuni onesti cittadini (che comunque non hanno nulla da temere proprio in quanto onesti), ma svolge gli interessi di chi non vuole che i propri sporchi affari vengano alla luce.

Microspie ambientali, non è detta l’ultima parola

luglio 5, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Microspia

Coloro che seguono le vicende politiche italiane saranno certamente a conoscenza della profonda spaccatura che il disegno di legge sulle intercettazioni telefoniche ha causato non soltanto tra maggioranza ed opposizione, ma anche all’interno della stessa maggioranza di governo italiana.

Non soltanto l’opposizione di centrosinistra, ma anche una larga parte della maggioranza di centrodestra, è contraria ad alcune parti del disegno di legge berlusconiano, che mira a mettere il bavaglio alla stampa in merito alle indagini, e che finisce di fatto per rendere molto più difficile la vita per le forze dell’ordine impegnate in indagini ed investigazioni per le quali vengano utilizzate delle microspie ambientali o telefoniche.

Il fatto che nelle pieghe del disegno di legge si nascondessero delle limitazioni che avrebbero ridotto assai la possibilità di piazzare microspie per intercettare conversazioni, rendendone possibile l’utilizzo soltanto in presenza di gravi indizi di reato, e che le eventuali intercettazioni avrebbero dovuto essere utilizzate soltanto per perseguire il reato in questione, e non eventuali altri crimini di cui si potesse venire a conoscenza durante il periodo di ascolto clandestino, ha fatto storcere il naso a molti.

Ora l’aria che tira è quella di una resa dei conti all’interno del centrodestra, tra un’ala fedele a Berlusconi in tutto e per tutto, e coloro che, attenti al bisogno di legalità e sicurezza espresso dal loro elettorato (ma anche dagli elettori di sinistra) si troverebbero poi in seria difficoltà a dover spiegare agli elettori stessi il motivo per cui una legge del genere, che non combatte il crimine ma finisce per favorirlo, dovesse essere approvata anche con i loro voti.

Noi operatori del settore restiamo in attesa, nella speranza che gli interessi di pochi non prevalgano sulla sicurezza di tutti gli altri.

Intercettazioni in aumento negli USA. E in Italia?

giugno 10, 2010 Tecnologia 1 Commento

Eavesdrop

Negli Stati Uniti, l’opinione pubblica è estremamente sensibile quando si tratta di reati finanziari, specialmente nel settore dell’alta finanza che muove cifre enormi di denaro, spesso composte dai risparmi di una vita di persone normali, e che per colpa di operazioni spregiudicate dei cosiddetti “maghi” potrebbero veder svanire tali risparmi in un attimo.

Per combattere tali reati, uno dei metodi sicuramente più efficaci è quello di ricorrere allo strumento delle intercettazioni telefoniche, che possono rivelarsi utilissime per la lotta all’evasione fiscale o alle truffe e non soltanto.

Infatti, se grazie all’utilizzo di microspie ambientali e telefoniche, la giustizia americana è riuscita a scoprire frodi del calibro di quella perpetrata dallo spregiudicato finanziere Bernie Madoff, che ha trafugato qualcosa come 15 miliardi di dollari, il ricorso alle intercettazioni, sia per le telefonate che per le conversazioni ambientali che si svolgano all’interno di una stanza o di una sala riunioni, può aiutare anche nella lotta al terrorismo, spesso legato a doppio filo agli ambienti dell’alta finanza.

Nel territorio degli USA, nel corso dell’anno 2009, le intercettazioni ambientali e telefoniche sono cresciute del 26% rispetto all’anno precedente. Evidentemente, la giustizia americana confida nei propri tecnici specializzati in questo aspetto della lotta al crimine, negli analisti che devono lavorare sulle tracce audio raccolte, e negli investigatori che devono inserire il tutto in un contesto utile a sventare il crimine e sgominare cellule terroristiche o bande di truffatori a qualsiasi livello.

Escludendo le indagini per crimini legati al terrorismo e alla sicurezza nazionale, i cui dati non sono resi pubblici, nello scorso anno per oltre 280mila persone, negli USA, è stata autorizzata l’installazione di microspie e microfoni nascosti.

In Italia, invece, nascondendosi dietro il pretesto che “la gente ha paura che le proprie conversazioni private siano ascoltate”, o che “i processi avvengono sui media prima che nelle aule di tribunale” si sta facendo di tutto per promulgare una legge che, limitando il ricorso allo strumento dell’intercettazione telefonica ed ambientale, e riducendone i limiti temporali, renderebbe di fatto la vita molto più facile per criminali, truffatori, pedofili o mafiosi, legando le mani agli investigatori, o quantomeno, complicandone assai il lavoro.

Secondo questo disegno di legge, le intercettazioni telefoniche saranno possibili solo per reati punibili con oltre 5 anni di carcere, e per una durata massima di 75 giorni, prorogabili di 3 giorni alla volta con provvedimento del Giudice. Per i reati di mafia, soltanto 40 giorni più 20 di proroga. Quelle ambientali, invece, potranno essere compiute tramite microspie che potranno essere usate soltanto per 3 giorni (più altri tre di proroga).

Inoltre, non sarà possibile pubblicare il testo delle intercettazioni sui giornali, pena il carcere per i giornalisti o multe salatissime per gli editori.

Tutto questo va nella direzione esattamente opposta alla tendenza mondiale (evidenziata dalle statistiche americane di cui sopra) che è quella di avvalersi del tanto temuto onnipotente ed onnipresente “Grande Fratello” che ascolta ogni nostro respiro, ma di usarne le potenzialità, grazie agli strumenti tecnologici, per la difesa del bene comune e per la prevenzione di reati non solo finanziari, ma anche legati al terrorismo, al traffico di droga e alla criminalità organizzata.

Tempo fa, con una mossa senza precedenti, anche dal governo USA sono arrivate velate critiche a questa legge. La speranza, non soltanto degli operatori del settore della sorveglianza o delle forze di polizia, ma anche degli onesti cittadini che pagano le tasse, è che il Governo italiano faccia un passo indietro.

Nel 21esimo secolo, le microspie sono senza fili

marzo 18, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Lives

Da bravo appassionato di cinema, il vostro blogger qualche giorno fa stava guardando Le Vite Degli Altri, un film tedesco che racconta la storia di un agente della Stasi nella Repubblica Democratica Tedesca degli anni 80.
Arrivato alla scena in cui il protagonista del film scopre che la sua casa era infestata da microspie, e che era stato segretamente ascoltato per anni, non ho potuto fare a meno di sorridere.

In questa scena, il personaggio scopre le centinaia di metri di cavi che erano stati piazzati all’interno dei muri della sua casa, e che collegavano una serie di trasmettitori audio nascosti, i quali consentivano l’ascolto segreto ad un operatore nascosto in una stanza nel palazzo di fronte.

Sorridevo in maniera quasi nostalgica, pensando ai risultati che la Stasi è stata in grado di ottenere con I mezzi quasi primitivi a sua disposizione, specialmente se confrontiamo quelle cimici con le moderne microspie ambientali.

Prima di tutto, i trasmettitori nascosti di tipo moderno non hanno bisogno di cavi per funzionare e per trasmettere, poiché possono essere alimentati a batteria, o ricevere energia direttamente dai cavi della linea telefonica. In questo modo, la durata dell’operazione di sorveglianza può essere pressoché illimitata.

Ma la caratteristica più importante è la possibilità di trasmettere le informazioni raccolte non via radio a pochi metri di distanza, ma ovunque, anche dall’altra parte del mondo, grazie ad una semplice telefonata. Infatti, una microspia GSM può alloggiare una scheda SIM proprio come quella dei nostri cellulari, ed usarla per effettuare una chiamata in segreto, verso un numero preimpostato.

Chi riceve la chiamata deve soltanto alzare il ricevitore, ovunque si trovi e qualsiasi cosa stia facendo, per ascoltare comodamente, senza lunghi e noiosi appostamenti passati ad aspettare un suono od una voce.

Mica male come miglioramento, eh?

Microspie GSM

novembre 30, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Triband

Le apparecchiature di ascolto a distanza hanno raggiunto un livello di miniaturizzazione, versatilità e di affidabilità tali da consentire a chi le utilizza di trovare il modello adatto alle proprie esigenze, siano forze dell’ordine alla ricerca di pericolosi criminali, mariti preoccupati della fedeltà delle proprie mogli o dirigenti d’azienda che intendano vigilare sui propri dipendenti.

Per essere sempre in grado di tenere sotto controllo il soggetto da sorvegliare, qualsiasi sia la distanza tra lui e il suo controllore, il mezzo migliore è sicuramente una microspia GSM, ossia un microfono nascosto, alimentato a batteria o a corrente elettrica (sia continua che alternata), collegato ad una scheda SIM come quella del nostro comune telefono cellulare.

Grazie a questo ingegnoso sistema, è possibile seguire il proprio soggetto ovunque egli vada, senza rischiare di compromettere l’operazione di sorveglianza dando troppo nell’occhio, in quanto sarà possibile restare in contatto attraverso una semplice telefonata verso il numero collegato alla microspia stessa.

Inoltre, per essere sicuri dell’efficienza dell’operazione, la maggior parte delle microspie GSM sono dotate di un sensore automatico di attivazione, che consente di rilevare un movimento, una voce o, se installate all’interno di un’autoveicolo, l’accensione dell’auto. Una volta rilevato un evento, sarà la microspia stessa a chiamare automaticamente verso un numero predefinito per avvertirvi che la persona controllata si sta muovendo o altro.

Le microspie GSM sono controllabili e configurabili a distanza; infatti, tramite l’invio di un semplice SMS, potrete impostare il numero che controlla la microspia, nonché i parametri di sensibilità del sensore di attivazione vocale, o anche resettare l’apparecchiatura, allo scopo di ottimizzare al massimo la vostra operazione di sorveglianza e dormire sonni tranquilli!

Per maggiori informazioni su microspie ambientali e GSM, e per una serie di apparecchiature per la sorveglianza e per la vostra sicurezza, potete visitare il sito di Endoacustica.

Come alimentare il vostro cellulare con il movimento della vostra auto

novembre 23, 2009 Tecnologia Nessun Commento

A380

Tempo fa abbiamo visto, su questo blog, come sia possibile, piazzando dei particolari pannelli in corrispondenza delle uscite autostradali, raccogliere ed immagazzinare l’energia cinetica delle auto.
Il prossimo passo sarà quello di raccogliere l’energia cinetica direttamente dagli stessi veicoli in movimento, ed usare l’energia immagazzinata per alimentare dei piccoli apparecchi elettronici all’interno dei veicoli stessi.

Tale operazione di raccolta energia cinetica sarà possibile tramite l’applicazione di cristalli piezoelettrici, studiati dal City College di New York. I cristalli, delle dimensioni di circa 1.2×2.5 cm, possono essere montati sul tetto di un veicolo in movimento, da un’automobile fino ad un aereo, e le loro vibrazioni generano un flusso d’aria che verrebbe raccolto in maniera da produrre un voltaggio.

Al momento, i ricercatori stanno lavorando sull’ottimizzazione di questo sistema a seconda del veicolo su cui esso viene montato: come si può immaginare, le turbolenze e vibrazioni a cui sono esposti sono enormemente diverse a seconda che tale sistema sia montato su un’automobile, su un camion o su un aereo.

Ovviamente l’energia generata non è certo sufficiente a fornire la spinta necessaria per far correre un’automobile o far volare un aereo, ma potrebbe essere utilizzata per far funzionare dei piccoli apparecchi elettronici all’interno del veicolo stesso. Ad esempio, se montata su un aeromobile, potrebbe essere utilizzata per fornire elettricità a computer portatili, telefoni cellulari o lettori MP3 dei passeggeri.

All’interno di un’automobile in movimento, invece, l’utilizzo di un tale sistema potrebbe fornire energia per alimentare il vostro cellulare; nel campo della sorveglianza, invece, si potrebbe fornire energia ad apparecchiature di ascolto nascosto quali ad esempio microspie GSM. In quel caso, resta da vedere come sarà possibile installare tali sensori… chi vivrà vedrà!

10 centimetri, 16 grammi ed un velocissimo robot di cartone a 6 gambe

ottobre 17, 2009 Tecnologia Nessun Commento

DASH

Nonostante le sue dimensioni ridotte (circa 10 centimetri di lunghezza), questo piccolo robot è in grado di fornire prestazioni quasi da fantascienza, come ad esempio correre a un metro e mezzo al secondo (vale a dire circa 15 volte la lunghezza del proprio corpo!).

Inoltre, poiché l’involucro che lo racchiude è composto interamente di cartone laminato, al cui interno è contenuto un sottile strato di materiale polimerico, il suo peso non supera i 16 grammi. Grazie alla sua estrema leggerezza, il DASH (Dynamic Autonomous Sprawled Hexapod) è in grado di resistere ad una caduta dall’altezza di un palazzo di 8 piani.

La preparazione e stampa del cartone, ed il processo di montaggio, possono avvenire in un tempo inferiore ai 30 minuti. Il movimento avviene grazie a 6 gambe, che si muovono come farebbero quelle di un insetto o di uno scarafaggio per raggiungere velocità altissime in confronto alle proprie dimensioni.

Al momento attuale, il DASH, progettato dalla University of Berkeley si trova ancora nella fase sperimentale, e si sta studiando la possibilità di dotarlo di apparecchiature in miniatura quali ad esempio una microspia, una telecamera in miniatura, una serie di sensori ed anche un modulo dotato di una scheda SIM, per poterlo utilizzare, ad esempio, come ottimo alleato nelle operazioni di sorveglianza e raccolta di informazioni a distanza.

Tutto questo potrebbe essere alimentato tramite una piccolissima batteria nucleare, che ne consentirebbe l’utilizzo per operazioni di sorveglianza a lungo termine.

DASH Video

Sensori più piccoli di una moneta, per sicurezza a basso costo

ottobre 15, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Coins

Proteggere un palazzo o una proprietà con ringhiere, filo spinato e telecamere può essere assai caro, ma una recente invenzione della Tel Aviv University potrebbe rivoluzionare la sorveglianza perimetrale ed ambientale.
I sensori Smart Dew, più piccoli di una moneta, possono essere piazzati tutto intorno il perimetro da sorvegliare in maniera praticamente invisibile, ed ognuno di loro ha un raggio d’azione di circa 50 metri, che garantisce sicurezza totale.

Ognuno di questi sensori è munito di un trasmettitore radio in miniatura, ed è possibile collegarli tra loro all’interno di una rete wireless, tarandone la sensibilità in modo da poter riconoscere i diversi tipi di intrusioni (ad esempio una persona, un’automobile o un animale), nonché i cambiamenti di temperatura, le emissioni di ossido di carbonio, o variazioni nelle vibrazioni o nella luce.

Possono essere dotati di sensibilissimi microfoni in miniatura, in modo da poter captare il suono prodotto da un intruso, o di sensori magnetici che possono rilevare il metallo di un’automobile all’interno del loro raggio d’azione. Ognuno dei sensori comunica con una stazione radio base che raccoglie ed analizza i dati.

Grazie alle loro dimensioni ridotte che le rendono praticamente invisibili, e alla possibilità di usare centinaia di sensori per coprire la zona da monitorare, rilevarli tutti sarebbe impresa impossibile anche per la spia più esperta.

Inoltre, al costo di appena 25 centesimi per ogni sensore, nonché a causa del bassissimo costo operativo connesso con l’utilizzo del segnale radio a bassa frequenza, questo sistema è una ottima alternativa alle microspie tradizionali, adatto per essere utilizzato in grandi proprietà, aree aeroportuali o addirittura nelle aree di confine dove la sorveglianza continua sarebbe impraticabile.

Newsletter

Seguici su Google Plus

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

Calendario

giugno: 2012
L M M G V S D
« mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Attenzione! La mosca che ti ronza intorno potrebbe spiarti!

18 giu 2012

insetto robot per sorveglianza

Scarafaggi, api, moschoni, falene… quanti di voi odiano questi minuscoli e fastidiosi esseri? Entomofobici di tutto il mondo restate calmi! Da oggi gli insetti si fanno anche cyborg, permettendo di poter arrivare in luoghi dove le tradizionali telecamere non possono, per scopi di videosorveglianza e salvataggio. I membri del DARPA (Agenzia per i progetti di ricerca avanzata per la difesa) stanno, infatti, investendo molto tempo e denaro nella ricerca e …

Un nuovo sistema di sorveglianza per le merci pone interrogativi sulla privacy.

15 giu 2012

nuovo sistema di sorveglianza

È un po’ come avere installato sui beni che si cedono in affitto una sorta di localizzatore GPS. In realtà questa nuova tecnologia si chiama RFID, che sta per Radio Frequency Identification, ossia identificazione tramite frequenza radio. In sostanza stiamo parlando di microchips lavabili che si possono inserire in capi d’abbigliamento ed oggetti di ogni genere, per monitorarne i ritorni, nel caso in cui questi vengano dati in affitto. Sono …

Stalker, un’applicazione per iPhone il cui nome dice tutto.

12 giu 2012

stalker app

Supponete che un’amica vi chieda di spiare per lei il suo compagno che la tradisce. Oltre a pedinarlo e vedere con i vostri occhi per fare da testimone, avete anche bisogno di supportare le vostre affermazioni con delle prove, magari di scattare delle foto senza che lui se ne accorga. Supponete, inoltre, di avere con voi solo il vostro iPhone. Cosa potete fare?. Da oggi c’è una nuova applicazione che …

Dagli Stati Uniti, uno scanner per effettuare perquisizioni senza contatto fisico.

11 giu 2012

body scanner

Tra le nuove tecnologie utili per la difesa personale e civile e per lo spionaggio, avevamo già sentito parlare di strumenti come la penna scanner, in grado di scannerizzare documenti ed inviarli tramite Bluetooth o per email, o strumenti per vedere attraverso i muri, utili per scovare persone sequestrate o sopravvissuti in calamità naturali, come i terremoti. Un nuovo strumento si è affacciato sul mercato e sta mostrando la sua …

Il telefono che immobilizza l’aggressore, nuova frontiera della difesa personale?

7 giu 2012

cellulare immobilizzatore antiaggressione

A chi non è mai capitato di passeggiare da soli in un luogo buio o in un parco con l’ansia che qualcuno potesse farvi del male? Chi non hai mai pensato di utilizzare oggetti contundenti presenti nella propria borsa per un eventuale scopo di difesa personale? Starete pensando sicuramente alle chiavi, che un po’ tutti portiamo dietro. Ma mai avreste pensato ad un telefono cellulare o, meglio, a qualcosa che …

Un nuovo robot per la sorveglianza in movimento.

6 giu 2012

robot per sorveglianza video

I veicoli a controllo remoto e senza pilota umano (UGV- Unmanned Ground Vehicles) si sono dimostrati davvero utili per usi militari ma diversi studi di settore dimostrano come essi possano essere applicati anche alla sicurezza civile. Un valido esempio di questi strumenti è il GroundBot, prodotto da un’azienda svedese. Capace di rotolare nel fango, nella sabbia, nella neve e persino di galleggiare sull’acqua, questo particolare robot ha una forma sferica …

L’abbigliamento anti-proiettili si fa intimo.

5 giu 2012

intimo anti-proiettili

I soldati che pattugliano le strade dell’ Afghanistan a piedi sono costretti a fronteggiare una serie di pericoli che sicuramente in un carro armato non troverebbero. Uno di questi rischi è rappresentato dai dispositivi esplosivi improvvisati (o IED), che molto spesso causano la perdita di arti o danni alle “parti basse”. A tal proposito è stato sviluppato un sistema di protezione pelvico che comprende due livelli: uno interno, chiamato “PUG” …

Agente segreto con “licenza di polsino”.

1 giu 2012

gemelli da polso wi fi

Lo 007 dei tempi moderni, oltre ad essere coraggioso, scaltro e furbo, deve essere anche high-tech, se vuole essere al passo con i tempi e non rimanere confinato in un film degli anni Sessanta. Avevamo sentito parlare di gemelli da polso che sono in realtà chiavette usb, ma non avremmo mai potuto immaginare di poter avere questi gemelli in una nuova versione, per condividere una rete wi-fi. Se un gemello, …

Microspia video 3G, un grande passo in avanti nella videosorveglianza.

28 mag 2012

sorvegliare a distanza

Fino a qualche anno fa pensare ad una microspia che fornisse accesso immediato ad un luogo dall’altra parte del globo, permettendo di vedere e ascoltare ciò che stesse succedendo, era pura fantascienza. La tecnologia, però, ha raggiunto ormai livelli prima impensabili, permettendo di controllare a distanza ed in tempo reale qualsiasi luogo, che sia esso interno o esterno. La microspia video 3G è un piccolo gioiello tecnologico che permette il …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.