Home » trasmettitori ambientali » Recent Articles:

Microfono laser per ascolto a distanza

novembre 18, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Come già abbiamo avuto modo di vedere in un recente articolo, gli agenti delle forze dell’ordine impegnati in attività investigative non sempre hanno la possibilità di avvicinarsi ai propri sospetti per raccogliere informazioni, installare microcamere o microspie per intercettarne le conversazioni e così via, per evitare di mettere a repentaglio la propria sicurezza o di far fallire l’operazione.

Per evitare di correre inutili rischi, ma essere comunque in grado di intercettare una conversazione che si svolga all’interno di una stanza chiusa, esistono delle valide alternative fornite dalla moderna tecnologia di sorveglianza, ad esempio i microfoni laser.

Un microfono laser, come il nome stesso suggerisce, utilizza un raggio laser invisibile, che viene puntato verso il vetro di una finestra, fino ad una distanza massima superiore ad un chilometro e mezzo. Tale raggio è in grado di “leggere” le vibrazioni del vetro stesso, vibrazioni causate da suoni e voci prodotti all’interno della stanza e dietro la finestra.

Il raggio laser, riflesso dal vetro, viene raccolto da un ricevitore posizionato alla giusta angolazione secondo l’angolo di riflessione. Tale ricevitore, unito ad un sistema di decodifica, è in grado di convertire gli impulsi del laser, modificati dalle vibrazioni del vetro, in suoni e voci, con estrema chiarezza di suono, in modo da poter ascoltare in assoluta tranquillità, e soprattutto in assoluta sicurezza, cosa avviene al di là di quel vetro.

L’uso di tale tecnologia da parte delle forze dell’ordine si è rivelato utilissimo in più di una indagine contro il crimine organizzato, riscontrando il favore degli operatori soprattutto perché ne rende molto più sicure le condizioni operative.
Per sapere di più sui microfoni laser, potete visitare il sito di Endoacustica e contattare i nostri esperti nel campo della sorveglianza audio e video.

Microfoni nascosti per ascolto discreto

novembre 10, 2010 Tecnologia Nessun Commento

La sorveglianza audio ha fatto passi da gigante, grazie all’introduzione, ad esempio, delle microspie GSM, in grado di trasmettere il risultato delle proprie intercettazioni a distanza pressoché illimitata grazie alla scheda SIM incorporata che consente, con una semplice telefonata, di ascoltare in diretta le conversazioni che si svolgono in un luogo anche dall’altra parte del mondo.

Tuttavia, il cuore di un operazione di ascolto nascosto è costituito dai microfoni in miniatura, che almeno nell’aspetto esteriore non sono poi cambiati molto rispetto a quelli che vedevamo nei vecchi film di spionaggio ambientati nei paesi oltre la Cortina di Ferro.

Ovviamente, con il progresso tecnologico, le caratteristiche dei moderni microfoni da sorveglianza sono drasticamente cambiate in meglio: ora infatti abbiamo microfoni sempre più piccoli ma sempre più potenti, in grado di catturare suoni a distanza anche di qualche decina di metri, con filtri antirumore che permettono di tagliare fuori i rumori di fondo, in modo da poter ascoltare con estrema chiarezza soltanto quello che realmente ci interessa di un’operazione di sorveglianza: la voce umana.

Ne esistono di svariati tipi, dalle dimensioni ridottissime paragonabili a quelle di un mozzicone di sigaretta, in grado di funzionare nelle più diverse condizioni ambientali, e di trasmettere le proprie intercettazioni via radio su una ampia gamma di frequenze, tra i 20 ed i 16000 Hz.
Ogni operazione di polizia o di investigazione privata, di pedinamento o di raccolta prove, che necessita dell’uso di microfoni in miniatura, ha caratteristiche diverse e richiede uno specifico tipo di apparecchiatura e di microfono.

Per guidarvi nella scelta dei microfoni nascosti adatti alle vostre esigenze, è importante rivolgersi ad un esperto del settore; pertanto, vi consigliamo di visitare il sito di Endoacustica, dove troverete risposte a tutte le vostre domande in questo particolare campo.

Microfoni laser, e l’ascolto a distanza diventa realtà

novembre 1, 2010 Tecnologia Nessun Commento

 

Quando un gruppo di pericolosi criminali, o una cupola mafiosa, si riunisce in segreto per prendere decisioni sulle proprie attività illegali, normalmente prende una serie di precauzioni per fare in modo che la polizia non possa catturarli.

In situazioni del genere, un’operazione di intercettazione telefonica o ambientale è pressoché impossibile, a meno di non mettere a repentaglio le vite degli agenti e rischiare anche il fallimento dell’operazione.

Pertanto, per raccogliere informazioni, le forze dell’ordine possono ricorrere a strumenti che consentono di ascoltare le conversazioni a distanza, in modo da riuscire ad ottenere informazioni nella maniera più sicura possibile. Ad esempio, è il caso del microfono laser, che mette in condizione chi lo usa di captare le conversazioni che si svolgono all’interno di una stanza chiusa, grazie per l’appunto all’uso di un raggio laser.

Il laser, opportunamente puntato sul vetro di una finestra, infatti, è in grado di leggere le minime vibrazioni del vetro, causate dalle voci all’interno della stanza. Puntando il raggio sul vetro con la giusta angolazione, e raccogliendo il raggio riflesso mediante un ricevitore, sarà possibile leggere tali vibrazioni, e trasformarle in impulsi sonori e vocali, permettendo quindi di svolgere un’operazione di ascolto a distanza senza correre alcun tipo di rischio.

Infatti, il microfono laser è in grado di raccogliere informazioni ad una distanza massima di un chilometro e mezzo, sufficiente perché gli agenti impegnati nell’operazione di sorveglianza possano lavorare in tutta tranquillità, e possano rapidamente mettersi al sicuro nel caso in cui qualcosa dovesse andare storto.

Non soltanto per le forze dell’ordine, ma anche per investigatori privati impegnati un un caso di spionaggio industriale o infedeltà coniugale, i microfoni laser possono rivelarsi utilissimi; per saperne di più potete visitare il sito di Endoacustica.

Un orologio o una radio trasmittente?

ottobre 21, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Chi ha passato i 35-40 anni, da ragazzo, sognava un paio di radioline ricetrasmittenti, o walkie-talkie, per giocare alla guerra o alle spie con i propri amici, o per tenersi in contatto a distanza con loro senza doversi telefonare.
Più avanti con gli anni, le radio trasmittenti si sono introdotte nella nostra vita di tutti i giorni, ad esempio nelle case di chi ha bambini piccoli, offrendo alle mamme l’opportunità di ascoltare cosa succede nella stanza dei bambini mentre loro sono impegnate con le faccende domestiche.

Nell’era dei cellulari, si tende a pensare che tutte le comunicazioni debbano avvenire per via telefonica; al contrario, però, per mantenersi in contatto a breve distanza, la trasmissione via radio può sicuramente rendersi utile.

Pensate ad esempio ad una battuta di caccia, in una zona non coperta dalla rete telefonica; ad un’operazione di polizia durante la quale si ha bisogno di un contatto continuo e discreto; o più semplicemente, per lasciare i propri figli liberi di scorrazzare in un centro commerciale mentre i genitori sono impegnati negli acquisti per le feste.

In tutti questi casi, un valido aiuto può venire dall’uso di un R-Watch, ossia di un orologio radio. All’interno di quello che sembra un normalissimo orologio da polso con display digitale, infatti, si nasconde una potente ricetrasmittente radio, in grado di funzionare con un raggio d’azione massimo di 3 chilometri.
R-Watch è in grado anche di interagire con altri apparecchi radio che usino le stesse frequenze. Pertanto, può comunicare a distanza con chiunque sia dotato di un walkie-talkie.

Per avere maggiori informazioni e dettagli sul funzionamento dell’orologio radio, potete visitare il sito di Endoacustica, azienda leader nella produzione e distribuzione di articoli per la vostra sicurezza e per la sorveglianza audio e video.

Auricolari micro: in contatto sempre ed ovunque

gennaio 16, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Earpiece

Nel campo della sorveglianza e non solo, usare un microauricolare può spesso fare la differenza tra la riuscita ed il fallimento di un’operazione.

Un auricolare miniaturizzato, grazie alle sue dimensioni ridottissime, può facilmente essere inserito all’interno dell’orecchio di chi lo usa, e pertanto passare inosservato anche ad un’attenta ispezione. Nonostante il suo minimo ingombro, esso è fornito di una dotazione tecnologica all’avanguardia, che comprende una batteria in miniatura, un’antenna ed un altoparlante, in modo da permettere a chi lo indossa di ricevere informazioni ed istruzioni a distanza.

In pratica, si tratta di un microscopico ricevitore FM, che può essere collegato via Bluetooth ad altri dispositivi quali ad esempio un orologio GSM, in modo da creare un sistema completo di ricezione e trasmissione discreta, anche a distanze illimitate, in quanto l’orologio GSM è dotato, al suo interno, di una scheda SIM proprio come quella del vostro cellulare, che permette di inviare le informazioni raccolte, in tempo reale e tramite una semplice telefonata.

Gli auricolari micro, inoltre, possono essere usati per restare in comunicazione diretta con gruppi operanti su una superficie ampia, quali ad esempio operai in un’area di costruzioni, squadre di soccorso impegnate in operazioni ad ampio raggio, ed anche con agenti di polizia durante un’operazione anticrimine, per evitare di destare sospetti pur restando in contatto costante.

Generalmente, un micro auricolare è dotato di una batteria di tipo zinco-aria, con un bassissimo consumo energetico che permette un’alimentazione variabile tra le 15 e le 30 ore di operazione. Inoltre, l’auricolare può entrare automaticamente in stand by quando non riceve comunicazioni per un certo periodo di tempo, riducendo ulteriormente il consumo energetico, oltre a renderne più difficile l’individuazione da parte di apparecchiature di rilevamento.

Per maggiori informazioni sui microauricolari disponibili sul mercato, potete visitare il sito di Endoacustica.

Auricolari invisibili, per l’agente segreto che è in tutti noi

dicembre 2, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Ear

I micro auricolari Bluetooth sono talmente piccoli da poter essere tranquillamente posizionati all’interno dell’orecchio di chi li usa, in modo da garantire una comunicazione invisibile tramite un qualsiasi cellulare con Bluetooth o una radio.

L’auricolare spia, in effetti, è un magnete di tipo passivo, che riceve il segnale audio tramite un trasmettitore posizionato su un braccialetto o una collana, o inserito nel taschino della giacca.

La maggior parte di questi auricolari sono equipaggiati anche con un microfono altrettanto piccolo, che può essere nascosto sempre all’interno degli abiti indossati, in modo da raccogliere i suoni intorno a sé e trasmetterli via radio ad un ascoltatore a distanza.

L’ascoltatore, poi, può trovarsi persino a distanze illimitate, se oltre ad un auricolare ed un microfono si dispone di un orologio GSM, ossia di un apparecchio che esteriormente somiglia ad un normalissimo orologio (e come tale funziona), ma che al suo interno contiene una scheda SIM, proprio come quella del nostro comune telefono cellulare.

Grazie al collegamento Bluetooth tra le varie componenti del sistema, i suoni captati dal microfono nascosto possono infatti essere trasmessi via telefono, e allo stesso modo si possono ricevere istruzioni ed informazioni in maniera discreta e del tutto invisibile, direttamente verso l’auricolare.

In questo modo, agenti impegnati in una missione, forze di polizia in un’operazione anticrimine, ma anche studenti universitari alle prese con un esame, possono restare in contatto con un ascoltatore esterno, che oltre ad essere in grado di ascoltare in presa diretta cosa avviene nel luogo dell’operazione, potrà fornire utili direttive, notizie ed informazioni per la riuscita dell’operazione stessa, sia essa la caccia ad un pericoloso criminale o un difficile esame.

Camerieri collegati via Bluetooth nel ristorante del futuro

ottobre 16, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Spaghetti

Questa sera vogliamo parlarvi di una idea sviluppata, una volta tanto, non da noi o da uno dei nostri consulenti, ma da parte di uno dei nostri clienti; l’idea è in corso di progettazione, e potrebbe sfociare nel primo ristorante al mondo in cui i camerieri sono in costante comunicazione con gli chef, grazie ad una rete di microauricolari Bluetooth.

Un ristorante del quale non diremo il nome per motivi di riservatezza, ma anche perché il progetto è soltanto nella sua fase iniziale, sta dotando i propri camerieri di un auricolare senza fili. Tale auricolare, inserito nell’orecchio del personale che serve ai tavoli, nonché di coloro che preparano bevande e pietanze, consentirebbe loro di comunicare a distanza tra loro all’interno del locale.

In questo modo, mentre il cameriere è al tavolo a raccogliere le ordinazioni dal cliente, gli basterà “dettare” l’ordinazione tramite un microfono collegato all’auricolare, ed il barista o cuoco, a sua volta munito della stessa apparecchiatura, potrà iniziare a preparare quanto ordinato in tempo pressoché reale, eliminando i tempi morti che intercorrono tra quando il cameriere termina il giro ai tavoli, ed il momento in cui l’ordinazione viene effettivamente portata in cucina.

Ovviamente, i camerieri saranno anche dotati di piccoli terminali, sempre collegati in modalità Bluetooth, con i quali trasmettere l’ordine che verrà visualizzato e stampato direttamente in cucina o al bar.

Inoltre, il sistema di auricolari Bluetooth può funzionare anche nella direzione opposta. Infatti, in questo modo, il cuoco che ha appena preparato un piatto, può avvisare in tempo reale il cameriere, in modo che quest’ultimo, che magari in quel momento si trova dalla parte opposta del ristorante, possa passare in cucina, ritirare il proprio piatto e servirlo al cliente ancora caldo e fumante.

Altro vantaggio sarebbe quello di essere informati in tempo reale dalla cucina in merito alla presenza o meno di un determinato ingrediente. Quante volte ci è capitato, andando al ristorante, di veder tornare il nostro cameriere qualche minuto dopo l’ordine, per informarci con espressione contrita che purtroppo la pancetta è finita e pertanto non potremo assaporare quel bel piatto di bucatini all’amatriciana che stavamo aspettando con tanta ansia?

Grazie al collegamento in tempo reale, non avremmo più di queste sorprese perché il cameriere, avvertito “in diretta” dalla cucina tramite il suo microauricolare, ci consentirebbe di ordinare una pietanza alternativa.

Questo sistema, pertanto, consentirebbe di velocizzare il servizio, nonché di garantire qualità e freschezza del cibo servito a tavola, evitando brutte sorprese per l’avventore, che non rischierebbe di dover attendere a vuoto per magari vedersi servire un bel piatto di spaghetti… bello sì, ma magari non esattamente caldo fumante!

Quando il progetto sarà stato completato, avremo il primo ristorante in Italia che, oltre a servire il buon cibo della nostra penisola, lo farà in maniera tecnologicamente avanzata, guadagnandone in rapidità di servizio e… in bontà e freschezza. Non avete già l’acquolina in bocca?

Un invisibile raggio laser per ascoltare a distanza, anche dietro un vetro

ottobre 1, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Laser beam

Sembra una scena uscita da un film di spionaggio, invece è tutto vero! Grazie all’utilizzo di un raggio laser, le forze dell’ordine sono in grado di ascoltare le conversazioni che si svolgono all’interno di una stanza, senza trovarsi nelle immediate vicinanze e senza bisogno di installare microspie od altre apparecchiature di ascolto all’interno della stanza stessa, quindi operando in tutta sicurezza, ad una distanza di oltre un chilometro.

Come è possibile tutto questo? Grazie all’utilizzo di un microfono laser. I microfoni laser sono basati, per l’appunto, su un raggio laser, emesso da un apposito trasmettitore, che viene puntato sul vetro di una finestra, o su qualsiasi oggetto nelle vicinanze delle persone le cui conversazioni si vogliano intercettare.

Il vetro (o l’oggetto su cui il raggio è puntato) vibra in maniera impercettibile, in risposta alla pressione causata dalle onde sonore della voce e dei suoni all’interno della stanza, ed il raggio laser riflesso dal vetro è modulato secondo tali vibrazioni.
Il raggio riflesso viene captato da un ricevitore posto alla giusta angolazione, il quale rileva queste modulazioni, e tramite esse ricostruisce i suoni e voci che hanno causato le vibrazioni sul vetro.

La microscopica differenza nella distanza coperta dal raggio laser in risposta a tali vibrazioni viene rilevata da un interferometro piazzato all’interno del ricevitore, che converte tali variazioni in segnali digitali che vengono poi interpretati come suoni.

Grazie a tutto questo, gli operatori delle forze dell’ordine saranno in grado di captare le conversazioni di pericolosi criminali raccolti all’interno di una stanza, trovandosi ad una distanza di assoluta sicurezza che li protegge da qualsiasi rischio per la loro incolumità.

Newsletter

Seguici su Google Plus

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

Calendario

giugno: 2012
L M M G V S D
« mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Attenzione! La mosca che ti ronza intorno potrebbe spiarti!

18 giu 2012

insetto robot per sorveglianza

Scarafaggi, api, moschoni, falene… quanti di voi odiano questi minuscoli e fastidiosi esseri? Entomofobici di tutto il mondo restate calmi! Da oggi gli insetti si fanno anche cyborg, permettendo di poter arrivare in luoghi dove le tradizionali telecamere non possono, per scopi di videosorveglianza e salvataggio. I membri del DARPA (Agenzia per i progetti di ricerca avanzata per la difesa) stanno, infatti, investendo molto tempo e denaro nella ricerca e …

Un nuovo sistema di sorveglianza per le merci pone interrogativi sulla privacy.

15 giu 2012

nuovo sistema di sorveglianza

È un po’ come avere installato sui beni che si cedono in affitto una sorta di localizzatore GPS. In realtà questa nuova tecnologia si chiama RFID, che sta per Radio Frequency Identification, ossia identificazione tramite frequenza radio. In sostanza stiamo parlando di microchips lavabili che si possono inserire in capi d’abbigliamento ed oggetti di ogni genere, per monitorarne i ritorni, nel caso in cui questi vengano dati in affitto. Sono …

Stalker, un’applicazione per iPhone il cui nome dice tutto.

12 giu 2012

stalker app

Supponete che un’amica vi chieda di spiare per lei il suo compagno che la tradisce. Oltre a pedinarlo e vedere con i vostri occhi per fare da testimone, avete anche bisogno di supportare le vostre affermazioni con delle prove, magari di scattare delle foto senza che lui se ne accorga. Supponete, inoltre, di avere con voi solo il vostro iPhone. Cosa potete fare?. Da oggi c’è una nuova applicazione che …

Dagli Stati Uniti, uno scanner per effettuare perquisizioni senza contatto fisico.

11 giu 2012

body scanner

Tra le nuove tecnologie utili per la difesa personale e civile e per lo spionaggio, avevamo già sentito parlare di strumenti come la penna scanner, in grado di scannerizzare documenti ed inviarli tramite Bluetooth o per email, o strumenti per vedere attraverso i muri, utili per scovare persone sequestrate o sopravvissuti in calamità naturali, come i terremoti. Un nuovo strumento si è affacciato sul mercato e sta mostrando la sua …

Il telefono che immobilizza l’aggressore, nuova frontiera della difesa personale?

7 giu 2012

cellulare immobilizzatore antiaggressione

A chi non è mai capitato di passeggiare da soli in un luogo buio o in un parco con l’ansia che qualcuno potesse farvi del male? Chi non hai mai pensato di utilizzare oggetti contundenti presenti nella propria borsa per un eventuale scopo di difesa personale? Starete pensando sicuramente alle chiavi, che un po’ tutti portiamo dietro. Ma mai avreste pensato ad un telefono cellulare o, meglio, a qualcosa che …

Un nuovo robot per la sorveglianza in movimento.

6 giu 2012

robot per sorveglianza video

I veicoli a controllo remoto e senza pilota umano (UGV- Unmanned Ground Vehicles) si sono dimostrati davvero utili per usi militari ma diversi studi di settore dimostrano come essi possano essere applicati anche alla sicurezza civile. Un valido esempio di questi strumenti è il GroundBot, prodotto da un’azienda svedese. Capace di rotolare nel fango, nella sabbia, nella neve e persino di galleggiare sull’acqua, questo particolare robot ha una forma sferica …

L’abbigliamento anti-proiettili si fa intimo.

5 giu 2012

intimo anti-proiettili

I soldati che pattugliano le strade dell’ Afghanistan a piedi sono costretti a fronteggiare una serie di pericoli che sicuramente in un carro armato non troverebbero. Uno di questi rischi è rappresentato dai dispositivi esplosivi improvvisati (o IED), che molto spesso causano la perdita di arti o danni alle “parti basse”. A tal proposito è stato sviluppato un sistema di protezione pelvico che comprende due livelli: uno interno, chiamato “PUG” …

Agente segreto con “licenza di polsino”.

1 giu 2012

gemelli da polso wi fi

Lo 007 dei tempi moderni, oltre ad essere coraggioso, scaltro e furbo, deve essere anche high-tech, se vuole essere al passo con i tempi e non rimanere confinato in un film degli anni Sessanta. Avevamo sentito parlare di gemelli da polso che sono in realtà chiavette usb, ma non avremmo mai potuto immaginare di poter avere questi gemelli in una nuova versione, per condividere una rete wi-fi. Se un gemello, …

Microspia video 3G, un grande passo in avanti nella videosorveglianza.

28 mag 2012

sorvegliare a distanza

Fino a qualche anno fa pensare ad una microspia che fornisse accesso immediato ad un luogo dall’altra parte del globo, permettendo di vedere e ascoltare ciò che stesse succedendo, era pura fantascienza. La tecnologia, però, ha raggiunto ormai livelli prima impensabili, permettendo di controllare a distanza ed in tempo reale qualsiasi luogo, che sia esso interno o esterno. La microspia video 3G è un piccolo gioiello tecnologico che permette il …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.