Home » video sorveglianza » Recent Articles:

Immagini tridimensionali da una foto, per il riconoscimento facciale

gennaio 22, 2011 Tecnologia Nessun Commento

Le moderne tecnologie per l’identificazione biometrica sono in grado di permettere la verifica dell’identità di una persona mediante parametri quali ad esempio le impronte digitali, l’iride dell’occhio, il DNA o le caratteristiche del volto umano.
Ovviamente però, con oltre 6 miliardi di individui sul nostro pianeta, le caratteristiche del volto finiscono per ripetersi, e si possono facilmente trovare persone con lo stesso taglio del naso e degli zigomi, con gli occhi dello stesso colore e forma, rendendo molto più complicata un’identificazione univoca, specialmente se il sistema di identificazione biometrica si basa su normali immagini fotografiche a due dimensioni.

Partendo da questo problema, un gruppo di ricertatori della Florida Atlantic University (FAU) di Boca Raton hanno creato un algoritmo computerizzato che è in grado di creare modelli a tre dimensioni di un volto umano, usando come base di partenza una normale fotografia. Il sistema crea inizialmente un “volto virtuale” standard, i cui parametri di base sono rilevati a partire da un database di immagini tridimensionali di volti veri.

Quando il sistema si trova a dover analizzare una specifica immagine bidimensionale, tale volto virtuale viene “proiettato” sul piano di tale immagine. A questo punto, l’algoritmo tiene conto della posa assunta dal soggetto al momento dello scatto e dell’illuminazione della fotografia.

Questi elementi vengono usati per trasferire su questo volto di base le caratteristiche facciali del soggetto della fotografia, in modo da creare un’immagine tridimensionale del suo viso con il maggior grado di approssimazione possibile.
Secondo i ricercatori, questa tecnologia potrebbe essere usata per analizzare non soltanto immagini fotografiche, ma anche filmati di sorveglianza video come quelli ripresi da telecamere a circuito chiuso, per facilitare le indagini della polizia nella ricerca degli autori di un crimine, o per rintracciare persone scomparse.

Street View, una minaccia per la privacy

ottobre 27, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Proprio oggi, in Italia, è stata resa pubblica la notizia secondo la quale Street View, la funzione di Google che consente di visualizzare una via dal punto di vista del pedone, permettendo a chi osserva di immedesimarsi in coloro che passano per quella via, è finita sotto inchiesta in Italia, dove la Procura di Roma ha aperto un fascicolo di inchiesta con il capo di imputazione di interferenza illecita nella vita privata.

Infatti, secondo informazioni che il garante della privacy ha inviato alla Procura stessa, durante il percorso delle famose automobiline di Google, che raccolgono le immagini da utilizzare in Street View, le automobili stesse avrebbero raccolto dati sensibili presenti sulle reti WiFi incontrate durante il percorso.
Da Mountain View, sede del gigante della Rete, è immediatamente partita una nota di scuse, in cui si afferma che questi dati sono stati raccolti in maniera accidentale e si offre la massima collaborazione alle autorità per indagare e per far sì che questa invasione della privacy non solo non abbia a ripetersi, ma non abbia conseguenze spiacevoli per i proprietari dei dati inavvertitamente intercettati.

Tali dati possono contenere non soltanto le informazioni di accesso a reti WiFi protette, ma addirittura password ed email che, se dovessero cadere in mani sbagliate, potrebbero avere effetti devastanti.

Inoltre, secondo l’autorità di garanzia per la privacy, le auto che raccolgono informazioni per Google devono rendersi riconoscibili, in modo che chi dovesse avvistarne una e non avesse proprio voglia di vedersi fotografato in atteggiamenti sconvenienti o in un luogo dove non dovrebbe essere (ad esempio mentre esce da casa dell’amante…) abbia il modo di prendere le adeguate contromisure in tempo utile.

Google, che somiglia sempre di più ad un Grande Fratello del 2000, dovrà pertanto limitare la propria invadenza, per evitare di incorrere in sanzioni.

Videoregistratori digitali per rivelare casi di corruzione

marzo 6, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Take the Money and Run

E’ proprio vero, quando si tratta di usare la propria posizione di potere in politica, a qualsiasi livello, per trarre vantaggi personali, tutto il mondo è paese, non importa quali siano le proprie idee. Così a qualsiasi latitudine e qualsiasi livello, si può assistere a casi di accordi sottobanco tra maggioranza ed opposizione, che invece di arrecare vantaggi alla comunità o alla popolazione, finiscono per dare beneficio essenzialmente alle tasche dei parlamentari di entrambi gli schieramenti.

Generalmente questi accordi vengono fatti passare sotto silenzio, per evitare pubblicità e spiacevoli conseguenze a livello politico. A volte però, può capitare che tra gli stessi componenti di un’aula di parlamento, o di consiglio regionale e locale, ci sia qualcuno che si ribella a questo stato di cose e decide di rendere pubblico l’inciucio.

Un caso del genere è accaduto in una piccola città russa, sperduta nel bel mezzo della tundra siberiana, il cui nome non riveleremo. A quelle latitudini, la corruzione è all’ordine del giorno, ed opporsi a questo stato di cose significa spesso correre dei pericoli per la propria incolumità. Tutto questo non è bastato a far desistere il consigliere comunale Sergei (nome di fantasia) dal suo proposito di rendere pubblico un caso di corruzione.

Si trattava di approvare l’apertura di una discarica nel territorio del suo comune. Il fatto non costituirebbe di per sé un grosso problema, se non fosse che, senza renderlo pubblico, questa discarica sarebbe stata utilizzata non solo per rifiuti comuni ma anche e soprattutto come deposito di scorie nucleari, il tutto senza che la popolazione delle zone circostanti lo sapesse.

Per garantire che la costruzione fosse approvata, ad entrambi gli schieramenti dell’amministrazione comunale erano stati promessi finanziamenti, vantaggi personali, in alcuni casi perfino delle automobili di lusso. Il tutto veniva discusso apertamente in Consiglio comunale, senza alcun tipo di vergogna o di rispetto per la cittadinanza.

Per far sì che lo scandalo venisse reso pubblico, il buon Sergei si munì di un videoregistratore in miniatura, leggermente più piccolo di un pacchetto di sigarette, nascosto nel taschino della sua giacca.

Un microregistratore video digitale, nonostante le sue dimensioni assai ridotte, è in grado di registrare immagini e suoni di alta qualità, senza dare assolutamente nell’occhio, salvando il risultato delle proprie registrazioni all’interno di una scheda di memoria dalla capacità fino a 32 Gb o più.

La registrazione può essere avviata tramite la semplice pressione di un pulsante, in maniera casuale e senza destare attenzione non richiesta. Una volta completata l’operazione, basta collegare il videoregistratore digitale ad un computer tramite l’apposito cavo USB, ed il gioco è fatto.

Il nostro Sergei fece esattamente così, e una volta scaricati i propri filmati, li mise su YouTube e rese pubblico il link tra i suoi concittadini. Nonostante in Russia la popolazione sia molto lassista nei confronti della propria classe politica, e la corruzione sia vista quasi come un male necessario, sapere che scorie nucleari sarebbero state scaricate in paese causò un’ondata di sdegno, e dopo proteste di vario genere, il progetto fu rispedito al mittente e bocciato. Il tutto, grazie ad un consigliere comunale incorruttibile, e alla sua passione per la tecnologia.

Se anche voi volete effettuare delle registrazioni video senza essere visti, non soltanto per smascherare casi del genere, ma più semplicemente per uso lavorativo, per documentare una riunione, o per lo svago (una gita con amici, un concerto etc), e per aveere maggiori informazioni sul funzionamento dei videoregistratori micro, potete visitare il sito di Endoacustica.

Una microcamera in un bottone

gennaio 16, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Thanko

Una delle ultime novità nel settore delle telecamere in miniatura viene, neanche a dirlo, dal Giappone, dove Thanko, casa produttrice di gadget miniaturizzati, ha appena presentato una versione migliorata della sua microcamera nascosta all’interno di un bottone, che permette di registrare anche suoni oltre alle immagini.

Infatti, se la versione precedente del Camera Button permetteva la registrazione di filmati in alta definizione e lo scatto di immagini, la seconda versione è stata migliorata con l’aggiunta di un microfono che permette di aggiungere suoni ai propri filmati, così da poterla usare per registrare filmati nascosti da poter poi utilizzare come prova in sede legale.

Il microregistratore ha una lunghezza di circa 7 cm, ed una lente che somiglia ad un normale bottone della vostra giacca, e pertanto può essere occultato facilmente all’interno dei vestiti senza dare nell’occhio. I filmati raccolti vengono salvati su una scheda di tipo Micro SD, con una capacità fino a 16 Gb. L’alimentazione avviene tramite una batteria al litio, che permette di registrare fino a 70 minuti di filmati senza interruzione.

L’avvio della registrazione avviene tramite la semplice pressione di un pulsante, mentre la versione precedente era dotata di un telecomando che rendeva le operazioni lievemente più semplici. In ogni caso, per un prezzo che si aggira sui 55 dollari, si tratta di un prodotto che fornisce delle buone prestazioni.

Ovviamente però, se abbiamo bisogno di microcamere di tipo professionale, o di veri e propri microregistratori digitali per l’utilizzo nel campo della sorveglianza, è consigliabile orientarsi verso una spesa maggiore, per ottenere un prodotto che fornisca prestazioni perfette; a tale scopo, vi consigliamo di visitare il sito di Endoacustica.

Micro video registratori per le feste e non solo

gennaio 5, 2010 Tecnologia Nessun Commento

mini-dvr

Forse è un po’ tardi per fare un regalo di Natale ad un amico o un parente, ma non è mai troppo tardi per premunirsi nel caso abbiate bisogno di registrare immagini al volo.

Se durante la vostra festa di Capodanno con gli amici, o il pranzo di Natale coi vostri familiari, avete pensato che vi sarebbe piaciuto avere una videocamera sottomano per registrare un momento divertente o speciale, avreste potuto aver bisogno di un videoregistratore digitale in miniatura.

Grazie alle loro dimensioni ridottissime, sono adatti per essere comodamente contenuti anche nel taschino della vostra giacca, e possono essere camuffati all’interno di portachiavi, pacchetti di sigarette o accendini, in modo da non dare nell’occhio ed effettuare riprese spontanee e segrete.

Generalmente, i filmati ad alta definizione vengono raccolti da un microscopico obiettivo ad alta sensibilità, ed immagazzinati all’interno di una scheda di memoria che, a seconda del modello, può avere una capacità fino a 8 Gb, equivalente a svariate ore di registrazione nei formati video più comuni, comodamente scaricabili sul vostro computer tramite collegamento con cavo USB.

Oltre che allo svago, alcuni modelli di micro videoregistratore nascosti all’interno di oggetti di uso comune sono adatti anche alla raccolta segreta di immagini durante operazioni di sorveglianza o di controspionaggio industriale, e pertanto sono indicati anche per forze dell’ordine o professionisti del settore della sorveglianza.

Non soltanto per registrare rapidamente video delle vostre vacanze, ma anche per raccogliere prove di infedeltà coniugali, di crimini commessi intorno a voi o di atti di spionaggio industriale, l’utilizzo di un registratore video tascabile può risolvere una serie di problemi, a casa come sul lavoro, ed anche contribuire a rendere più sicure le nostre città!

Sembra una foglia cadente, in realtà è una telecamera

ottobre 23, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Samara

La continua ricerca dell’uso di forme naturali da parte delle nuove tecnologie, specialmente nel campo della sorveglianza in generale, e della video sorveglianza in particolare, ha prodotto quale ultimo risultato una piccolissima videocamera volante della forma di una samara, o foglia d’acero, quelle che familiarmente da ragazzi chiamavamo “elicotteri” per via del modo che hanno di cadere a terra, ruotando proprio come le pale di un elicottero in miniatura.

Gli studenti di ingegneria della Clark School nel Maryland hanno creato una telecamera in miniatura, montata su un piccolissimo elicottero, della forma appunto di una foglia d’acero, e stabilizzata tramite l’uso di un rotore motorizzato altrettanto piccolo e di una microscopica coda.

In pratica, questa piccola coda, dalla forma simile a una virgola, funziona in maniera simile a quella del rotore di coda di un elicottero, con l’unica differenza che mentre quest’ultimo serve per evitare che l’elicottero ruoti su se stesso, la coda di questo elicottero in miniatura serve proprio a mantenere costante il movimento di rotazione e generare una propulsione.

Grazie a questo motore e alla sue dimensioni ridotte, è possibile lanciare svariate microcamere, ad esempio da un aereo, e controllarle a distanza. Sul corpo della “foglia” viene installata una microcamera a spillo, che grazie ad un trasmettitore wireless può inviare immagini a distanza, ed essere utilizzata per operazioni di sorveglianza, o ad esempio per raccogliere immagini dall’alto in teatri di guerra o nel corso di operazioni di spionaggio civile o militare.

Avete paura dei ladri mentre siete in vacanza? Filmateli!

ottobre 16, 2009 Tecnologia Nessun Commento

DVR Sensor

Tra alberghi non sempre all’altezza e temporali a sorpresa, le nostre vacanze non sono sempre idilliache. Se poi aggiungiamo la sorpresa di ritrovarci la casa svaligiata al nostro ritorno, il quadro e’ completo.
Per fortuna la tecnologia ci viene incontro, grazie a DVR-Sensor, un sistema di sorveglianza video in miniatura, che pur avendo dimensioni assai ridotte può garantire la sicurezza nella vostra casa quando voi siete assenti.

Infatti, DVR Sensor è dotato di un sensore di attivazione automatica a raggi infrarossi, che gli consente di rilevare movimenti entro un raggio d’azione di 10 metri. A quel punto, entra in funzione automaticamente la telecamera ad infrarossi, per registrare le immagini di ciò che avviene, anche al buio e con un angolo di visuale di circa 120 gradi.

Inoltre, il sistema può essere collegato ad una videocamera esterna, a sua volta collegata ad un videoregistratore digitale, in modo da offrire un altro punto di vista, e soprattutto da poter registrare gli eventi per poter rivedere il filmato più avanti.

A tale scopo, DVR Sensor è munito di una scheda di memoria incorporata con una capacità fino a 1 Gb, per registrare svariate ore di filmati video. Una volta rientrati, sarà possibile scaricare tali filmati direttamente sul vostro computer in pochi secondi grazie al cavo USB. Collegandolo al computer, tra l’altro, sarà anche possibile, grazie alla sua interfaccia utente di semplice utilizzo, impostare e personalizzare i parametri di registrazione e di attivazione automatica, in modo da garantire una sorveglianza ottimale su misura per le proprie esigenze.

Il videoregistratore digitale piu’ popolare, ancora piu’ potente

ottobre 16, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Flip

Nel mondo dei videoregistratori digitali in miniatura, sicuramente il nome più famoso e più diffuso e’ rappresentato da Flip, e uno dei modelli di punta, il MinoHD, e’ stato appena presentato in una versione di seconda generazione con caratteristiche migliorate.

Prima di tutto, il modello MinoHD 4Gb ha raddoppiato la sua capacità, e ora si chiama, come potrete facilmente intuire, 8Gb. Oltre a una memoria più ampia, che consente di memorizzare fino a 120 minuti di registrazioni video, il nuovo MinoHD 8Gb presenta un display più grande con una risoluzione migliore, ed un obiettivo più potente con fuoco fisso a partire da 80cm di distanza.

La dimensione dello schermo e’ stata portata a 2 pollici, con una risoluzione di 960×240 pixel, una qualità video di 720 pixel a 30 fotogrammi al secondo, e la possibilità di collegare il microregistratore ad una TV ad alta definizione, grazie alla presa di uscita e al microfono stereo. La classica presa USB a scomparsa, un segno distintivo dei Flip, consente di scaricare i filmati sul proprio computer in pochi secondi.

Grazie alle sue dimensioni ridotte, e’ possibile usarlo praticamente in ogni occasione: svago, registrazione di concerti o come telecamera nascosta per raccolta di immagini, anche nel campo della sorveglianza e monitoraggio.

Così come per il modello precedente, anche per la versione da 8Gb e’ possibile scegliere tra una vasta gamma di colori, con l’opzione di personalizzare l’aspetto del proprio MinoHD e renderlo assolutamente unico. Al momento questa versione e’ disponibile soltanto negli USA, ma sicuramente il suo arrivo sul mercato europeo sarà accolto favorevolmente.

Vedere e sentire attraverso i muri: onde radio e fibre ottiche

ottobre 13, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Radio

Dei ricercatori della University of Utah stanno sviluppando un sistema che consente di usare una rete di trasmettitori radio senza fili, allo scopo di rilevare i movimenti delle persone al di là di una parete.
Grazie a questo sistema di rilevazione, basato sull’invio di immagini tomografiche via radio (Radio Tomographic Imaging, RTI), polizia, forze di sorveglianza e vigili del fuoco potranno rilevare intrusi o persone intrappolate all’interno di edifici in fiamme, tramite il posizionamento di piccoli trasmettitori e ricevitori nella zona.

Il sistema RTI legge le “ombre” delle onde radio quando esse attraversano una persona in movimento, e su tale base costruisce un’immagine. In un esperimento usato come esempio, gli scienziati hanno creato una piccola rete con 28 trasmettitori e ricevitori radio, dal costo ridottissimo, applicandoli all’interno di una stanza e nel giardino antistante la casa, disposti in maniera rettangolare.

A questo punto veniva misurata la forza del segnale radio, prima con il rettangolo vuoto, e poi con una persona al suo interno. Trasferendo i relativi dati ad un computer con un programma di calcolo, tale programma creava una immagine molto sfocata, quasi un’ombra, della persona.
Affinando metodo e tecniche di rilevazione, si è giunti fino a seguire i movimenti di una persona anche attraverso un muro. Il sistema utilizzato non è una rete Wi-Fi come quella dei normali computers domestici, pertanto non può essere rilevata dalle apparecchiature che usano tale protocollo, e può essere usata per la sorveglianza di persone sospette. Il protocollo di comunicazione Zigbee, utilizzato per questo sistema, è generalmente usato per apparecchiature di automazione domestica.

Essendo basato su onde radio, può funzionare anche al buio e, proprio a causa dell’immagine molto sfocata che viene restituita, non rappresenta una minaccia per la privacy. Per ottenere immagini di migliore qualità, allo stato attuale, la soluzione ottimale è rappresentata dall’utilizzo di apparecchiature in fibre ottiche, quale ad esempio un endoscopio, costituito da un minuscolo cavo a fibre ottiche del diametro di 2.5 millimetri, alla cui estremità è posizionata una microcamera a spillo.

Basta praticare un foro nel muro ed inserire il cavo, e magari collegare l’endoscopio ad un videoregistratore digitale per registrare immagini di alta qualità all’interno di una stanza. In alternativa, un metodo non invasivo, utilizzato soltanto per ascoltare cosa avviene nella stanza accanto attraverso il muro, è costituito dall’utilizzo di un microfono da muro.

Il microfono da muro è in pratica la versione moderna del normale stetoscopio usato dal nostro medico, ma munito di microfoni ad alta sensibilità e collegato ad un amplificatore di potenza, che consente di ascoltare attraverso pareti in muratura, senza destare alcun sospetto. Anche in questo caso, è possibile utilizzare un registratore audio digitale per memorizzare le informazioni raccolte.

Newsletter

Seguici su Google Plus

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

Calendario

giugno: 2012
L M M G V S D
« mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Attenzione! La mosca che ti ronza intorno potrebbe spiarti!

18 giu 2012

insetto robot per sorveglianza

Scarafaggi, api, moschoni, falene… quanti di voi odiano questi minuscoli e fastidiosi esseri? Entomofobici di tutto il mondo restate calmi! Da oggi gli insetti si fanno anche cyborg, permettendo di poter arrivare in luoghi dove le tradizionali telecamere non possono, per scopi di videosorveglianza e salvataggio. I membri del DARPA (Agenzia per i progetti di ricerca avanzata per la difesa) stanno, infatti, investendo molto tempo e denaro nella ricerca e …

Un nuovo sistema di sorveglianza per le merci pone interrogativi sulla privacy.

15 giu 2012

nuovo sistema di sorveglianza

È un po’ come avere installato sui beni che si cedono in affitto una sorta di localizzatore GPS. In realtà questa nuova tecnologia si chiama RFID, che sta per Radio Frequency Identification, ossia identificazione tramite frequenza radio. In sostanza stiamo parlando di microchips lavabili che si possono inserire in capi d’abbigliamento ed oggetti di ogni genere, per monitorarne i ritorni, nel caso in cui questi vengano dati in affitto. Sono …

Stalker, un’applicazione per iPhone il cui nome dice tutto.

12 giu 2012

stalker app

Supponete che un’amica vi chieda di spiare per lei il suo compagno che la tradisce. Oltre a pedinarlo e vedere con i vostri occhi per fare da testimone, avete anche bisogno di supportare le vostre affermazioni con delle prove, magari di scattare delle foto senza che lui se ne accorga. Supponete, inoltre, di avere con voi solo il vostro iPhone. Cosa potete fare?. Da oggi c’è una nuova applicazione che …

Dagli Stati Uniti, uno scanner per effettuare perquisizioni senza contatto fisico.

11 giu 2012

body scanner

Tra le nuove tecnologie utili per la difesa personale e civile e per lo spionaggio, avevamo già sentito parlare di strumenti come la penna scanner, in grado di scannerizzare documenti ed inviarli tramite Bluetooth o per email, o strumenti per vedere attraverso i muri, utili per scovare persone sequestrate o sopravvissuti in calamità naturali, come i terremoti. Un nuovo strumento si è affacciato sul mercato e sta mostrando la sua …

Il telefono che immobilizza l’aggressore, nuova frontiera della difesa personale?

7 giu 2012

cellulare immobilizzatore antiaggressione

A chi non è mai capitato di passeggiare da soli in un luogo buio o in un parco con l’ansia che qualcuno potesse farvi del male? Chi non hai mai pensato di utilizzare oggetti contundenti presenti nella propria borsa per un eventuale scopo di difesa personale? Starete pensando sicuramente alle chiavi, che un po’ tutti portiamo dietro. Ma mai avreste pensato ad un telefono cellulare o, meglio, a qualcosa che …

Un nuovo robot per la sorveglianza in movimento.

6 giu 2012

robot per sorveglianza video

I veicoli a controllo remoto e senza pilota umano (UGV- Unmanned Ground Vehicles) si sono dimostrati davvero utili per usi militari ma diversi studi di settore dimostrano come essi possano essere applicati anche alla sicurezza civile. Un valido esempio di questi strumenti è il GroundBot, prodotto da un’azienda svedese. Capace di rotolare nel fango, nella sabbia, nella neve e persino di galleggiare sull’acqua, questo particolare robot ha una forma sferica …

L’abbigliamento anti-proiettili si fa intimo.

5 giu 2012

intimo anti-proiettili

I soldati che pattugliano le strade dell’ Afghanistan a piedi sono costretti a fronteggiare una serie di pericoli che sicuramente in un carro armato non troverebbero. Uno di questi rischi è rappresentato dai dispositivi esplosivi improvvisati (o IED), che molto spesso causano la perdita di arti o danni alle “parti basse”. A tal proposito è stato sviluppato un sistema di protezione pelvico che comprende due livelli: uno interno, chiamato “PUG” …

Agente segreto con “licenza di polsino”.

1 giu 2012

gemelli da polso wi fi

Lo 007 dei tempi moderni, oltre ad essere coraggioso, scaltro e furbo, deve essere anche high-tech, se vuole essere al passo con i tempi e non rimanere confinato in un film degli anni Sessanta. Avevamo sentito parlare di gemelli da polso che sono in realtà chiavette usb, ma non avremmo mai potuto immaginare di poter avere questi gemelli in una nuova versione, per condividere una rete wi-fi. Se un gemello, …

Microspia video 3G, un grande passo in avanti nella videosorveglianza.

28 mag 2012

sorvegliare a distanza

Fino a qualche anno fa pensare ad una microspia che fornisse accesso immediato ad un luogo dall’altra parte del globo, permettendo di vedere e ascoltare ciò che stesse succedendo, era pura fantascienza. La tecnologia, però, ha raggiunto ormai livelli prima impensabili, permettendo di controllare a distanza ed in tempo reale qualsiasi luogo, che sia esso interno o esterno. La microspia video 3G è un piccolo gioiello tecnologico che permette il …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.