Home » videosorveglianza aerea » Recent Articles:

L’era della guerra aerea senza pilota è già arrivata

febbraio 9, 2011 Sorveglianza Nessun Commento
0902 X47B

L’idea di un aereo da combattimento senza pilota in grado di volare, prendere decisioni operative, riconoscere e neutralizzare le minacce, decollare ed atterrare su una portaerei, il tutto in maniera autonoma, sembra fantascienza. Eppure, pochi giorni fa, si è svolto il primo storico volo dimostrativo dell’X47-B, un aereo da caccia senza pilota (UCAS, Unmanned Combat Air System) che ci avvicina all’era del combattimento aereo senza equipaggio.

Costruito dalla Northrop Grumman, il modello X47-B ha volato per mezz’ora, a completamento di una serie di test di affidabilità del software e di preparazione al volo, verso il raggiungimento dell’obiettivo finale di un aeromobile senza pilota in grado di operare in tutta sicurezza e senza bisogno di intervento umano.

La progettazione di aerei da combattimento di questo tipo, dal particolare disegno senza coda, a partire da zero e senza alcun riferimento preesistente, è una sfida che la Northrop Grumman ha raccolto e superato grazie alla collaborazione della Marina Militare americana, per giungere infine alla prima pietra miliare del progetto, il volo di prova.

Tale volo è stato utile per fornire i dati necessari alla verifica del funzionamento del software di sistema per la guida e navigazione, e per verificare la risposta dal punto di vista aerodinamico del particolare disegno senza coda. Tra i test svolti, oltre a quelli di carico e alle verifiche del sistema di propulsione, sono stati particolarmente importanti quelli che servono a verificare che il software di gestione abbia il giusto funzionamento per garantire la giusta autonomia decisionale all’X47-B. Molti di questi test erano già stati compiuti con successo prima che l’aeromobile si staccasse da terra.

Il programma di test e di continui miglioramenti ed affinamenti prevede che l’X47-B possa essere operativo con due esemplari entro il 2013, al termine di un percorso di 6 anni dall’assegnazione dell’appalto.

Per la sorveglianza video, affidatevi ad un elicottero!

Quando si devono tenere sotto sorveglianza delle superfici piuttosto estese, l’installazione di un normale sistema di sorveglianza video con telecamere a circuito chiuso può rivelarsi certamente molto efficace, ma altrettanto sicuramente si tratta di un’opzione assai costosa, tra macchinari, costo di installazione e sistema televisivo a circuito chiuso.

Fortunatamente, esiste un’alternativa che, ad un costo molto inferiore rispetto all’installazione di un sistema del genere, consente di tenere sotto controllo delle superfici ampie, e di farlo con maggiore flessibilità rispetto all’occhio statico di una telecamera fissa.
Infatti, grazie al costante progresso della tecnologia degli UAV (Unmanned Aerial Vehicles, ovvero veicoli aerei senza pilota), è ora possibile usare, per lo stesso tipo di mansioni, dei microelicotteri elettrici, con delle telecamere e fotocamere montate a bordo, che volano silenziosamente al di sopra della zona da controllare.

La telecamera di bordo dell’elicottero da videosorveglianza aerea permette di zoomare su un punto di particolare interesse, per visualizzare meglio eventuali eventi imprevisti o che richiedano attenzione.

I dati video vengono trasmessi in maniera wireless ad una centrale di osservazione, o possono venire registrati direttamente sulla memoria della videocamera, a seconda delle esigenze operative.

In questo modo è possibile garantire un controllo in tempo reale e da più angolazioni di aree quali impianti industriali, magazzini di logistica o grande distribuzione, cantieri edili, e comunque tutte quelle aree, in interni o in esterni, che richiedano una sorveglianza continua ed il più capillare possibile. Al di fuori dell’uso civile, anche le forze dell’ordine possono beneficiarne per la sorveglianza di quartieri a rischio, mentre le autorità militari possono usarli (come già fanno) per monitorare obiettivi nemici.

Per avere maggiori dettagli sul tipo di microelicotteri da scegliere per le vostre esigenze nel campo della sorveglianza, vi consigliamo di visitare il sito di Endoacustica per una consulenza personalizzata.

Boeing lancia una fotocamera tridimensionale per riprese aeree

marzo 11, 2010 Tecnologia Nessun Commento

3d Camera

Il gigante dell’aviazione Boeing ha appena annunciato l’immissione sul mercato di una fotocamera per riprese e cattura di immagini a tre dimensioni, studiata appositamente per essere impiegata su veicoli aerei senza pilota di tipo UAV (Unmanned Aerial Vehicles), per missioni di ricognizione o acquisizione di bersagli in campo militare, o per rilevazioni di vario tipo nel settore civile e della ricerca scientifica, nonché per operazioni di videosorveglianza aerea.

La fotocamera 3D è stata sviluppata dalla Spectrolab, una divisione della Boeing stessa, nell’arco di due anni di test di vario tipo. Rispetto ad apparecchi di cattura immagini tridimensionali dello stesso tipo, ha il vantaggio di avere dimensioni ridotte (occupa circa un terzo dello spazio) nonchè un consumo energetico addirittura dieci volte inferiore, un fattore importantissimo nel campo dei veicoli aerei UAV alimentati a batterie, per cui ogni piccolo risparmio energetico può essere vitale.

Per creare immagini tridimensionali, durante il volo la fotocamera invia dei brevi impulsi laser verso terra, misurando il tempo prima del contatto con la terra per determinarne la distanza dall’apparecchio stesso grazie a dei sensori e ad un software di gestione immagini.

Una volta terminati i test su veicoli UAV, Boeing sta studiando la possibilità di aggiungere anche l’opzione video, in modo da aggiungere ulteriori potenzialità al suo sistema di acquisizione immagini a tre dimensioni, così da poter essere utilizzabile in una ampia gamma di applicazioni a terra, in aria o anche nello spazio.

CyberQuad, microelicottero per sorveglianza cittadina

dicembre 23, 2009 Tecnologia Nessun Commento

CyberQuad

La Cyber Technology, fabbrica australiana di UAV (Unmanned Aerial Vehicles) ha presentato la sua ultima creazione, un veicolo aereo radiocomandato munito di quattro rotori per una maggiore maneggevolezza, che lo rendono adatto ad essere utilizzato in ambienti urbani dove lo spazio è minore.

Cyber Quad, questo il nome del microelicottero presenta quattro rotori canalizzati, con una protezione che ne consente l’utilizzo anche in interni senza rischiare che le pale possano ferire qualcuno. Questo tipo di rotori richiede una maggiore attenzione alla dotazione di stabilizzazione, e generalmente ha una autonomia ed una capacità di carico più limitate rispetto ai modelli con rotori a vista.

La particolare struttura di CyberQuad consente di abbinare le dimensioni ridotte e la sicurezza delle pale canalizzate alla semplicità ed agilità di un mini elicottero dalla forma tradizionale. Può trasportare un carico fino a 1.5 Kg di video e fotocamere, o di sensori per il rilevamento di gas dannosi o agenti inquinanti, e le sue pale non producono scintille, rendendolo adatto ad operare anche in presenza di gas infiammabili, ad esempio come supporto ai vigili del fuoco in operazioni di soccorso o spegnimento incendi.

Come un normale elicottero, CyberQuad è in grado di atterrare e decollare in verticale, e le sue ridotte dimensioni (53x53x16 cm) e peso ne consentono un facile trasporto e messa in opera. La sua velocità di punta è di circa 65 chilometri orari, e può volare ininterrottamente, per un tempo tra i 25 ed i 40 minuti.

La silenziosità garantita dai rotori protetti lo rende adatto anche ad operazioni di video sorveglianza aerea a corto raggio.

Mantis, il più grande aereo senza pilota made in England

novembre 18, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Mantis

Il Ministero della Difesa inglese ha appena compiuto il volo inaugurale del Mantis, un aereo senza pilota con apertura alare di circa 20 metri, adatto ad operazioni di sorveglianza aerea e raccolta di informazioni di intelligence a lungo raggio. Le sue dimensioni lo rendono il più grande veicolo di questo genere costruito in Inghilterra, e tra i più grandi nel continente europeo.

Costruito dalla BAE Systems, ha la peculiarità di poter essere facilmente smontato e caricato su un aereo da trasporto, grazie all’assenza di parti idrauliche in quanto è completamente alimentato ad elettricità. Grazie a questa caratteristica, Mantis è in grado di poter essere utilizzato in maniera flessibile e rapida anche per trasportare equipaggiamenti militari o munizioni all’interno di zone di guerra di difficile accessibilità.

Il suo alto livello di automazione gli consente di rilevare automaticamente un obiettivo sensibile e di immagazzinarne le relative informazioni, nonché di gestire autonomamente il volo, in modo che gli operatori di terra debbano soltanto concentrarsi sulle informazioni raccolte e non sull’operatività del volo stesso, riducendo pertanto il rischio di fallimento dell’operazione dovuto ad eventuali errori umani.

Alla BAE Systems, il Mantis viene definito un UAS (Unmanned Aerial System) piuttosto che UAV (Unmanned Aerial Vehicle) proprio grazie a queste caratteristiche di automazione, che lo rendono semplice da integrare con altri veicoli di questo genere fabbricati dallo stesso produttore e forniti al Ministero della Difesa britannico.

Dall’inizio del progetto al volo inaugurale sono passati soltanto 19 mesi grazie alla rapida interazione tra i produttori delle varie parti del sistema, ed altrettanti dovrebbero passarne per la seconda versione del Mantis, che verrà sviluppata sulla base delle indicazioni fornite da questa prima serie di voli di prova.

Un aereo invisibile che diventa un elicottero

novembre 10, 2009 Tecnologia Nessun Commento

novel_air_concept

Le ultime notizie dal mondo delle forniture militari ci dicono che il Ministero della Difesa britannico è alla ricerca di fornitori che possano progettare un UCAV (Unmanned Combat Aerial Vehicle) simile ad un aereo Stealth, che sia anche dotato di eliche che lo facciano volteggiare come un elicottero senza pilota.

Il prototipo verrebbe utilizzato sia in situazioni di guerriglia urbana, per la lotta al crimine, che soprattutto in teatri di guerra, specialmente dalla morfologia poco adatta alle truppe di terra, quali possono essere ad esempio i canyon montagnosi dell’Afghanistan, dove le truppe sarebbero soggette ad imboscate, mentre un aereo automatico potrebbe colpire senza rischi per il personale.

Le richieste specifiche da parte del Ministero, infatti, prevedono una ottimizzazione dei risultati ottenuti da aerei convenzionali e missili con sistema di puntamento e acquisizione dell’obiettivo, utilizzando dei nuovi progetti su aerei di tipo UAV, sia in territorio ostile con un raggio d’azione superiore a 900 chilometri, nonché specificamente in ambiente urbano.

Allo stato attuale, il Ministero ha avviato una procedura di licitazione privata confidenziale con aziende britanniche nel settore della missilistica, aerospaziale e della produzione di aerei senza pilota, che dovranno fornire una bozza di progetto corrispondente a tali caratteristiche entro i primi mesi del 2010.

Tra le caratteristiche richieste, oltre alla flessibilità d’uso che renda possibile la rapida trasformazione del veicolo da aereo ad elicottero e viceversa, la possibilità di essere lanciato da bordo di una nave di medie dimensioni. Il programma di sviluppo del progetto, chiamato Novel Air Concept, prevede l’entrata in funzione del veicolo in forma sperimentale entro il 2015.

Riprese dall’alto e sorveglianza aerea grazie a SARAH

novembre 3, 2009 Tecnologia Nessun Commento

SARAH

Tranquilli, non stiamo parlando di una donna molto alta di nome Sarah, bensì di un elicottero senza pilota, prodotto da Flying-Cam, uno dei giganti del settore, e chiamato Special Aerial Response Autonomous Helicopter, il cui acronimo, per l’appunto, è SARAH.

Il modello Flying-Cam III E SARAH appartiene alla famiglia degli UAV (Unmanned Aerial Vehicles) ovvero veicoli aerei telecomandati senza pilota, usati per riprese dall’alto grazie all’installazione di telecamere e radiotrasmittenti, che ne consentono un largo utilizzo in campo militare per operazioni di ricognizione di obiettivi.

Questo particolare modello, oltre ad essere utilizzabile anche nel campo della sorveglianza aerea e’ adatto soprattutto ad un uso civile, per riprese aeree nel settore cinematografico, una delle specializzazioni di Flying-Cam che ha progettato telecamere aeree usate in grossi kolossal hollywoodiani.

Nello specifico, si tratta di un modello non completamente autonomo, che presenta però delle caratteristiche che ne rendono facile l’operatività’, quali la possibilità di programmarne la rotta grazie ad una serie di sistemi di navigazione, guida automatica e posizionamento; inoltre, con la sua piattaforma modulare può trasportare una ampia varietà di carichi, ed ospitare sistemi di videoregistrazione o telecamere con trasmittenti.

In questo modo, può essere usato sia per registrare immagini cinematografiche e salvarle su un videoregistratore digitale installato, che per raccogliere filmati di ricognizione aerea, che vengono trasmessi in tempo reale via radio ad una stazione di controllo, la quale provvede ad estrarne le informazioni di intelligence necessarie.

Inoltre, è anche in grado di effettuare riprese notturne grazie al suo sensore ad infrarossi che lo rende ideale anche per la sorveglianza aerea notturna di obiettivi sensibili. Con un peso totale di 25 Kg, SARAH è un vero pacchetto completo per le riprese aeree di qualsiasi tipo.

Armi teleguidate via GPS sui droni: precisione senza rischi

settembre 28, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Viper Strike

Gli aerei senza pilota (UAS, Unmanned Aircraft Systems) Hunter, prodotti dall’americana Northrop Grumman saranno presto quipaggiati con il sistema Viper Strike, in grado di assistere il sistema di teleguida dei missili grazie alla guida laser e al sistema di posizionamento GPS, per colpire obiettivi fissi ed in movimento.

L’Hunter MQ-5B viene attualmente usato per ricognizione, sorveglianza aerea ed acquisizione di obiettivi. Grazie all’aggiunta di questo sistema di puntamento, ed alla flessibilità provata da oltre 80000 ore di operazioni della serie Hunter, sarà possiblie usarlo anche per missioni di attacco.

Il primo modello di Hunter, RQ-5A, è stato il primo drone usato dall’esercito americano. La sua evoluzione, il MQ-5B, si distingue per l’alimentazione a carburante pesante, e per i serbatoi inseriti all’interno dell’ala centrale, oltre che per le caratteristiche tecnologiche, quali il sistema ottico e di comunicazione con la stazione di terra. Ora, grazie all’integrazione del sistema Viper Strike, l’esercito USA avrà una ulteriore arma a propria disposizione per garantire la sicurezza dei propri uomini specialmente in terreni difficili.

Altra caratteristica utilissima dell’Hunter MQ-5B è quella di poter essere controllato non soltanto dalla stazione di terra, ma da un altro UAS, a sua volta controllato da terra. In questo modo, ad esempio nel teatro di guerra afgano, dove le montagne spesso ostacolano le comunicazioni, si riesce ad espandere il raggio d’azione degli Hunter.

La sua resistenza ed affidabilità lo rende un ideale compagno per le forze armate in teatri difficili, e l’aggiunta del sistema Viper Strike non potrà che aumentare il livello di fiducia delle truppe in questo strumento, che confidenzialmente viene chiamato “cavallo da tiro“.

Newsletter

Seguici su Google Plus

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

Calendario

giugno: 2012
L M M G V S D
« mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Attenzione! La mosca che ti ronza intorno potrebbe spiarti!

18 giu 2012

insetto robot per sorveglianza

Scarafaggi, api, moschoni, falene… quanti di voi odiano questi minuscoli e fastidiosi esseri? Entomofobici di tutto il mondo restate calmi! Da oggi gli insetti si fanno anche cyborg, permettendo di poter arrivare in luoghi dove le tradizionali telecamere non possono, per scopi di videosorveglianza e salvataggio. I membri del DARPA (Agenzia per i progetti di ricerca avanzata per la difesa) stanno, infatti, investendo molto tempo e denaro nella ricerca e …

Un nuovo sistema di sorveglianza per le merci pone interrogativi sulla privacy.

15 giu 2012

nuovo sistema di sorveglianza

È un po’ come avere installato sui beni che si cedono in affitto una sorta di localizzatore GPS. In realtà questa nuova tecnologia si chiama RFID, che sta per Radio Frequency Identification, ossia identificazione tramite frequenza radio. In sostanza stiamo parlando di microchips lavabili che si possono inserire in capi d’abbigliamento ed oggetti di ogni genere, per monitorarne i ritorni, nel caso in cui questi vengano dati in affitto. Sono …

Stalker, un’applicazione per iPhone il cui nome dice tutto.

12 giu 2012

stalker app

Supponete che un’amica vi chieda di spiare per lei il suo compagno che la tradisce. Oltre a pedinarlo e vedere con i vostri occhi per fare da testimone, avete anche bisogno di supportare le vostre affermazioni con delle prove, magari di scattare delle foto senza che lui se ne accorga. Supponete, inoltre, di avere con voi solo il vostro iPhone. Cosa potete fare?. Da oggi c’è una nuova applicazione che …

Dagli Stati Uniti, uno scanner per effettuare perquisizioni senza contatto fisico.

11 giu 2012

body scanner

Tra le nuove tecnologie utili per la difesa personale e civile e per lo spionaggio, avevamo già sentito parlare di strumenti come la penna scanner, in grado di scannerizzare documenti ed inviarli tramite Bluetooth o per email, o strumenti per vedere attraverso i muri, utili per scovare persone sequestrate o sopravvissuti in calamità naturali, come i terremoti. Un nuovo strumento si è affacciato sul mercato e sta mostrando la sua …

Il telefono che immobilizza l’aggressore, nuova frontiera della difesa personale?

7 giu 2012

cellulare immobilizzatore antiaggressione

A chi non è mai capitato di passeggiare da soli in un luogo buio o in un parco con l’ansia che qualcuno potesse farvi del male? Chi non hai mai pensato di utilizzare oggetti contundenti presenti nella propria borsa per un eventuale scopo di difesa personale? Starete pensando sicuramente alle chiavi, che un po’ tutti portiamo dietro. Ma mai avreste pensato ad un telefono cellulare o, meglio, a qualcosa che …

Un nuovo robot per la sorveglianza in movimento.

6 giu 2012

robot per sorveglianza video

I veicoli a controllo remoto e senza pilota umano (UGV- Unmanned Ground Vehicles) si sono dimostrati davvero utili per usi militari ma diversi studi di settore dimostrano come essi possano essere applicati anche alla sicurezza civile. Un valido esempio di questi strumenti è il GroundBot, prodotto da un’azienda svedese. Capace di rotolare nel fango, nella sabbia, nella neve e persino di galleggiare sull’acqua, questo particolare robot ha una forma sferica …

L’abbigliamento anti-proiettili si fa intimo.

5 giu 2012

intimo anti-proiettili

I soldati che pattugliano le strade dell’ Afghanistan a piedi sono costretti a fronteggiare una serie di pericoli che sicuramente in un carro armato non troverebbero. Uno di questi rischi è rappresentato dai dispositivi esplosivi improvvisati (o IED), che molto spesso causano la perdita di arti o danni alle “parti basse”. A tal proposito è stato sviluppato un sistema di protezione pelvico che comprende due livelli: uno interno, chiamato “PUG” …

Agente segreto con “licenza di polsino”.

1 giu 2012

gemelli da polso wi fi

Lo 007 dei tempi moderni, oltre ad essere coraggioso, scaltro e furbo, deve essere anche high-tech, se vuole essere al passo con i tempi e non rimanere confinato in un film degli anni Sessanta. Avevamo sentito parlare di gemelli da polso che sono in realtà chiavette usb, ma non avremmo mai potuto immaginare di poter avere questi gemelli in una nuova versione, per condividere una rete wi-fi. Se un gemello, …

Microspia video 3G, un grande passo in avanti nella videosorveglianza.

28 mag 2012

sorvegliare a distanza

Fino a qualche anno fa pensare ad una microspia che fornisse accesso immediato ad un luogo dall’altra parte del globo, permettendo di vedere e ascoltare ciò che stesse succedendo, era pura fantascienza. La tecnologia, però, ha raggiunto ormai livelli prima impensabili, permettendo di controllare a distanza ed in tempo reale qualsiasi luogo, che sia esso interno o esterno. La microspia video 3G è un piccolo gioiello tecnologico che permette il …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Utilissimo rilevatore di segnale RF per la localizzazione di microspie e trasmettitori audio-video occultati in ambienti o automobili. Adatto per un utilizzo sia privato che professionale.
 MICROREGISTRATORI
microregistratori digitali Microregistratori digitali ad attivazione vocale, con durata di registrazione fino a 1200 ore. Sono usciti ormai da tempo dal grande schermo, per entrare di prepotenza nella vita di tutti i giorni, nelle situazioni più disparate che fino a pochi anni fa nemmeno la fervida fantasia di uno scrittore di spionaggio avrebbe potuto immaginare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spyphone o cellulare spia gsm, è un normale telefonino su cui è stato installato preventivamente un software spia, che permette di monitorare la persona in possesso del telefono stesso. Lo Spyphone deve essere regalato (in ambito familiare), o concesso in dotazione (in ambito lavorativo).
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 MICROAURICOLARI
spyphoneI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.