Microspie ambientali, per proteggere se stessi e la sicurezza delle nostre città

Microspie AmbientaliQuando abbiamo la sensazione che lo Stato non ci protegga, e che le forze dell’ordine abbiano le mani legate (per mancanza di fondi statali o perché impiegate in altri compiti), noi comuni cittadini vorremmo renderci utili e dare il nostro contributo a mantenere sicure le nostre città, senza oltrepassare i limiti della legge e senza esporci a rischi. Come fare? Un valido aiuto può venire dall’utilizzo delle microspie ambientali, per raccogliere informazioni da passare poi alla polizia perché compia il proprio dovere.

Una microspia ambientale può essere usata, ad esempio, per ascoltare le conversazioni di un vicino di casa che riceva gente sospetta a tutte le ore del giorno e della notte. Ascoltandone e registrandone le conversazioni, si potrebbe ad esempio scoprire che si tratta di un trafficante di droga, ed inviando le registrazioni alla polizia si può dare il proprio contributo.

Ovviamente questo è soltanto uno dei possibili esempi delle applicazioni della tecnologia di sorveglianza elettronica. Inoltre, non tutti sono in grado di piantare microspie, cavi, microfoni nascosti e microtrasmettitori, ma basta affidarsi ad un esperto per ottenere ottimi risultati.

L’utilizzo di sistemi di sorveglianza con microfoni nascosti, trasmettitori e ricevitori, è ormai alla portata di tutte le tasche, ed un investimento minimo ci consente di dormire sonni tranquilli, nella consapevolezza di essere in grado di badare alla nostra sicurezza, rendendo un servizio alla collettività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.