Lavori pesanti o rischiosi? Delegateli…. a un robot!

Quando precisione ed affidabilità devono essere assolute, ed un minimo errore può costare carissimo, noi umani abbiamo sempre, volenti o nolenti, la possibilità di sbagliare. E se questo errore può costarci addirittura la vita, allora è il caso di affidarsi alla tecnologia, nello specifico alla robotica.

Per manovrare materiali pericolosi, per lo sminamento di zone di guerra, per il recupero di soldati feriti o deceduti in battaglia, il trasferimento di pazienti in ospedale, ma anche per il trasporto di materiali pesanti, per l’ispezione di edifici pericolanti, insomma per qualsiasi lavoro che potrebbe essere troppo pericoloso per un essere umano, o dove è necessaria fermezza e delicatezza allo stesso tempo, la Vecna Robotics sta studiando il robot BEAR.

La tecnologia esclusiva che governa BEAR è caratterizzata da tre elementi principali: un potente corpo superiore a controllo idraulico; una piattaforma di movimento con “gambe” agili e maneggevoli; e da ultimo, un sistema di bilanciamento dinamico. Grazie a questi elementi, BEAR può garantire un bilanciamento orizzontale assoluto in qualsiasi condizione.

BEAR è in fase di progettazione avanzata, con un prototipo già costruito che è stato esposto in svariate esposizioni internazionali dove è stato possibile osservare una dimostrazione delle sue potenzialità in diverse condizioni di utilizzo e posizioni.

Il progetto BEAR ha ricevuto finanziamenti dal centro di Ricerca in Telemedicina e Tecnologie Avanzate (TATRC) dell’esercito USA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.