Il primo aereo senza flaps è anche senza pilota

Il primo aereo senza flaps è anche senza pilota

La BAE Systems è appena entrata nella storia dell’aviazione, con il primo volo mai compiuto da un veicolo aereo non munito di flaps sulle ali. Infatti, questo aereo senza pilota, o UAV (Unmanned Aerial Vehicle), chiamato DEMON, al posto dei flaps e degli alettoni, usa dei getti d’aria controllati per alzarsi od abbassarsi in volo.

Normalmente, le ali degli aerei convenzionali sono dotate di parti mobili (appunto, i flaps) nella parte posteriore, che durante le fasi di decollo ed atterraggio vengono aperte all’indietro e verso il basso. Questo modifica la forma dell’ala, e l’aria deve pertanto seguire un percorso differente per viaggiare intorno all’ala stessa, creando una spinta verso l’alto.

Il Demon UAV, invece, funziona grazie a dei getti d’aria controllati, che modificano il corso dell’aria vicino alle sue ali, invece di modificare la forma dell’ala stessa. Dei sensori montati sulle ali vengono usati per monitorare continuamente il flusso dell’aria e per modificare la direzione del getto.

Secondo gli esperti, questo potrebbe rendere il volo molto più facile, a causa dell’assenza di parti mobili che potrebbero potenzialmente incepparsi. Inoltre, un aereo con un profilo del genere lascia una traccia radar minore, con vantaggi facilmente immaginabili per i voli di tipo Stealth, il che rende questi UAV particolarmente adatti per essere usati in missioni di ricognizione dietro le linee nemiche.

Il Demon, nella sua fase sperimentale, non è ancora del tutto autonomo, ma una volta passata tale fase verrà operato in maniera completamente indipendente da qualsiasi controllo umano da terra, impostando soltanto le coordinate della missione da compiere.
Nonostante si tratti di un prototipo, le sue caratteristiche hanno generato un grande interesse nel mondo dell’aviazione, perché in un futuro non troppo lontano, le soluzioni usate su questo UAV potrebbero diventare di comune applicazione anche nell’aviazione commerciale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *