Droni senza pilota, il Pentagono taglia i fondi

Droni senza pilota, il Pentagono taglia i fondi

I produttori di aerei spia senza pilota che riforniscono il Pentagono si aspettavano, vista la crescente domanda di mezzi di questo genere, che il bilancio della Difesa USA rispecchiasse tale tendenza, e sono rimasti di sasso nel vedere che il budget ad essi riservato e’ solo lievemente superiore all’attuale.

Ad esempio, per la classe di droni da alta quota Global Hawk, capaci di volare ad oltre 20000 metri di altezza per lunghi periodi di tempo, il Congresso ha stanziato circa 1.7 miliardi di dollari, esattamente la stessa quantità dello scorso anno.
Al contrario, si registra un significativo aumento (da 1.7 miliardi a 2.5) per i droni della classe Predator, aerei senza pilota da combattimento, capaci non solo di raccogliere immagini e video di sorveglianza aerea, ma anche e soprattutto di lanciare missili verso obiettivi di terra senza far correre rischi a piloti in carne ed ossa.

Qualsiasi mezzo più piccolo di quelli appena descritti, ad esempio i droni che volano a bassa quota e con autonomia limitata, vedrà tagli ai propri finanziamenti, da 1.2 miliardi a 600 milioni. Se il congresso approvasse i tagli alla spesa già per il 2011, tali tagli diventerebbero effettivi già dall’anno in corso.

Le richieste del Pentagono per la legge finanziaria 2012 richiedono l’acquisto di 1395 droni, un numero inferiore ai 1545 finanziati per il 2010, tale risparmio, unito ad un taglio di costi di circa 300 milioni, servirebbe a finanziare l’acquisto degli aerei spia MC-12 e per sviluppare nuovi sistemi di sorveglianza aerea non meglio specificati.

Bisdogna dire che è abbastanza sorprendente vedere che i militari non chiedono più finanziamenti per l’acquisto di droni, una tecnologia che è esplosa negli ultimi dieci anni.
Il Pentagono continua comunque la sua tendenza, dopo l’11 settembre 2001, di chiedere più soldi per i costi non direttamente collegati alle operazioni di guerra, ma rallentando il tasso di crescita, che si prevede debba raggiungere la crescita zero entro il 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.