Gli occhiali del futuro

Gli occhiali del futuro

Potrebbero rappresentare l’oggetto cult della tecnologia del nuovo anno. Gli occhiali smart. Sono stati lanciati all’inizio del 2012 da Google come “occhiali con realtà aumentata” in grado di tenere gli utenti costantemente connessi ad internet senza stare a smanettare con i vari device.

Ovviamente questa nuova trovata è stata rapidamente imitata ed integrata. Ultimi concorrenti in ordine temporale sono i cugini della Microsoft. Questo brevetto, presentato da Redmond, punterebbe a fornire informazioni in tempo reale sull’ambiente circostante. Dati su tutto ciò che l’utilizzatore vede, dagli oggetti alle grandi manifestazioni. Le lenti, captando la direzione dello sguardo, regoleranno la visualizzazione e l’ottica nel migliore dei modi.

Mentre i Google Glasses hanno caratteristiche molto simili a quelle di uno smartphone, Microsoft propone un progetto “wearable computing”, un computer da indossare che lavora in tempo reale e con nuove funzionalità.
Non è ancora noto quale sistema operativo sarà utilizzato, ma ovviamente saranno dotati dei più classici e ormai irrinunciabili strumenti: fotocamera, sistemi di localizzazione, microfoni, Wifi e Bluetooth.

Questi occhiali potrebbero rappresentare l’evoluzione dei sistemi di sorveglianza da tempo sul mercato. Si tratta di occhiali con videocamera e registratore incorporato che permettono per svago o per motivi professionali di registrare ciò che avviene intorno senza essere visti. Infatti la montatura nasconde i micro sistemi audio e video. Gli occhiali Endoacustica posseggono una scheda di memoria incorporata della capacità di 4 Gb, all’interno della quale vengono salvati i file. Questi dispositivi sono usualmente utilizzati dalle forze dell’ordine o da agenti segreti, ma sempre più spesso sono acquistati da chi ha voglia di riprendere a mani libere, da chi pratica sport o ancora da chi ha bisogno di raccogliere prove di nascosto. Questo tipo di sistemi e molti altri sono acquistabili dal sito www.endoacustica.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.