Pagare il bus con il cellulare? A Londra si può

Pagare il bus con il cellulare? A Londra si può

Londra continua a fare passi da gigante nel campo della tecnologia. Al centro degli investimenti inglesi questa volta ci sono i caratteristici autobus a due piani rigorosamente rossi.

Si tratta del progetto di pagamento contactless che permetterà il pagamento degli autobus attraverso carte di credito e smartphone. Questo comporterà l’installazione di lettori Nfc (Near field communication, la tecnologia alla base del sistema) sui mezzi di trasporto.

La nuova tecnica prende avvio da una comunissima carta di credito, debito o acquisto abilitata ad eseguire transazioni in prossimità dei lettori. Oltre a questa il pagamento potrà essere effettuato proprio attraverso gli smartphone dotati di chip Nfr. Con questi sistemi sarà possibile pagare le corse degli autobus e molto presto anche della metropolitana e di altri mezzi pubblici. Il chip potrà essere impiantato inoltre nelle Oyster card, le carte abitualmente utilizzate dai londinesi per usufruire dei mezzi pubblici, e permetterà lo sviluppo di servizi e applicazioni senza obblighi di licenza.

Nella fase di start up sarà possibile pagare la singola tratta ad un prezzo agevolato per incentivare l’adozione della nuova tecnologia. Ovviamente questa avverrà in tempi non brevissimi, dato che le carte in circolazione in Inghilterra sono oltre 30mila, senza contare gli smartphone.

Alcune difficoltà sono state riscontrate proprio nell’armonizzazione dei servizi di pagamento delle banche che sostengono il progetto.
In ogni caso la città britannica è la prima ad adottare questo servizio ci si auspica che presto seguano la stessa strada le altre città Europee.
Ormai con il cellulare si può fare davvero tutto: controllare la propria posizione e quella di un altra persona, ascoltare chiamate e leggere sms di un altro apparecchio, ascoltare addirittura ciò che avviene attorno; tutto ciò con l’installazione di software all’avanguardia Endoacustica. Se un giorno il metodo di pagamento attraverso il cellulare dovesse estendersi a qualsiasi forma commerciale, potremo proprio dire che senza di lui non si può stare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.