Home » Tecnologia » Recent Articles:

L’armatura del futuro sarà liquida?

luglio 24, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Liquid

Ancora loro, i ricercatori della BAE Systems, hanno presentato un progetto sul quale stanno lavorando, e che sta sviluppando un liquido che si indurisce all’istante in caso di impatto, ad esempio causato da proiettili.
L’obiettivo finale del progetto di ricerca è quello di rendere più semplici i movimenti per i soldati che indossano armature protettive, composte da pannelli di ceramica che le rendono pesanti e voluminose, e che in ambienti caldi come Iraq o Afghanistan possono diventare insopportabili a causa delle alte temperature.

In una armatura liquida, questo liquido è contenuto in una intelaiatura di Kevlar, che permette una maggiore flessibilità, riducendo lo spessore di circa il 45% rispetto ad un’armatura convenzionale.

In queste ultime, in caso di impatto, i pannelli di ceramica si piegano verso l’interno, respingendo il proiettile ma causando comunque uno shock non indifferente e doloroso. Con l’armatura liquida invece, il fluido contenuto all’interno del Kevlar è in grado non solo di indurirsi immediatamente in caso di impatto, con una durezza tanto maggiore quanto più forte è il colpo; oltre a questo, l’energia causata dall’impatto viene distribuita su una superficie molto maggiore rispetto a quella dei comuni pannelli in ceramica.

Pertanto, il colpo viene assorbito in maniera molto meno dolorosa per chi indossa l’armatura liquida.
Oltre che per i soldati impegnati in zone di guerra, una versione ridotta di questa armatura potrebbe essere usata al posto dei comuni giubbotti antiproiettile usati dalle forze di polizia durante le operazioni di pattugliamento cittadino. In futuro, BAE Systems prevede di sviluppare una versione ultraleggera di questo materiale; per ora, un prototipo di armatura liquida è stato presentato al Ministero della Difesa britannico.

I soldati britannici marciano più leggeri grazie al MOATV

luglio 24, 2010 Tecnologia Nessun Commento

MOATV

La BAE Systems ha appena presentato il suo MOATV, un veicolo progettato per rendere più facile la vita dei soldati britannici durante lunghe marce di trasferimento effettuate trasportando a mano o in spalla pesi che possono raggiungere anche i 70 chilogrammi.

L’acronimo MOATV sta per Multi-Operated All-Terrain Vehicle, ossia un veicolo che può viaggiare su qualsiasi tipo di terreno ed essere comandato in vari modi. In effetti, il MOATV può essere guidato come un veicolo normale tramite il volante, oppure telecomandato a distanza da un ufficiale dotato di un apposito computer palmare.

Inoltre, MOATV è dotato di una serie di dotazioni tecnologiche che includono sistemi anticollisione, un po’ come il sensore di parcheggio delle nostre normali automobili, ma progettati per evitare eventuali ostacoli quali ad esempio rocce o buche, che dovessero trovarsi sulla sua strada durante la guida telecomandata.

Come detto, questo veicolo è stato progettato sulla base dell’esigenza di alleggerire il carico dei soldati che operano a piedi, e grazie a ciò essi saranno anche meno vulnerabili contro eventuali attacchi improvvisi, in quanto la mancanza di pesi da trasportare consente ovviamente anche un minor tempo di risposta e reazione.

Equipaggiando ogni plotone con un veicolo di questo genere, ed ogni soldato con un PDA per comandarlo, sarà possibile non soltanto usarlo per evitare di affaticarsi, ma anche per trasportare munizioni da un punto all’altro di un campo di battaglia senza esporsi al fuoco nemico, per l’evacuazione di feriti in condizioni simili o per compiere operazioni di pattugliamento, montando una telecamera a bordo del MOATV.

Insomma, la vita dei soldati è sempre più comandata dalle tecnologie robotizzate: a quando la sostituzione dei soldati stessi con robot?

Since we are talking about vehicles that can recharge themselves, let’s go back to the Mother Earth, and more precisely in Italy, in the city of Parma, where technicians from the VisLab laboratory of the local University have launched a very ambitious project, that is, the intercontinental road trip of an <a href=”http://viac.vislab.it/”>autonomous vehicle</a>, capable of driving itself and recharging its batteries thanks to solar panels mounted on the roof.

Two of these vehicles, strictly without a pilot, have just left Parma, and the final destination of their trip is Shanghai in China, where they are expected to arrive in approximately three months, covering approximately 90 kilometers per day at a maximum speed of 60 kilometers per hour, of course while using absolutely no polluting fuel but only feeding on the clean energy harnessed by the solar panels.

To make sure that all runs smoothly, the two vans will be following a bigger van, acting as expedition leader and driven by a real human; and inside the two automated minivans, during the autonomous drive part of the journey, there will be an auxiliary driver in flesh and blood, ready to intervene in case of emergency.

These vans are equipped with a varied array of control and orientation devices: along with the requisite GPS navigation system, there are laser scanners, sensor to detects obstacles on the road such as rocks or potholes, video and photo cameras to document the trip and keep in video contact.

If you want to follow the journey live, the project site features a webcam, where one can see the trip in real time. We will stay tuned in 3 months, and we really hope (not only as fellow Italians) that the project has a happy end, as it might open new perspectives in the field of autonomous vehicles, which so far has been basically monopolized by military applications.

Ancora una macchina volante

luglio 21, 2010 Tecnologia Nessun Commento

AVX

Come abbiamo scritto su queste pagine un paio di settimane fa, il Ministero della Difesa USA, tramite il suo dipartimento DARPA, è alla ricerca di veicoli tattici terrestri che, in caso di pericolo, siano dotati dell’equipaggiamento necessario per farli alzare in volo in decollo verticale (e relativo atterraggio) in modo da sfuggire alle minacce, ed una velocità di crociera paragonabile a quella di un aereo leggero: in pratica, un incrocio tra un veicolo blindato, un elicottero ed un piccolo aereo.

In risposta a tale ricerca, una delle prime aziende a presentare un progetto è stata la AVX con il suo prototipo TX, una macchina volante che, secondo i progettisti, dovrebbe essere in grado di trasportare 4 passeggeri ed un carico di circa 500 chilogrammi, trasformandosi da veicolo terrestre ad aereo nel giro di soli 60 secondi, con decollo verticale automatico.
Inoltre, TX è in grado di raggiungere una velocità in volo di circa 230 chilometri orari, con una autonomia di 250 miglia nautiche, dei comandi di volo molto semplici ed intuitivi da utilizzare, e sistemi di navigazione satellitare per localizzare rapidamente la propria destinazione sia a terra che in aria.

L’unico punto debole potrebbe essere rappresentato dalla velocità terrestre, che supera i 120 chilometri orari su strada normale ma si riduce al di sotto dei 50 su terreni accidentati, il che potrebbe esporre il TX al rischio di agguati, per sfuggire ai quali i 60 secondi impiegati per convertirsi da terrestre ad aereo potrebbero non essere sufficienti.

Tra le altre caratteristiche, il TX è anche in grado di effettuare evacuazioni mediche per il soccorso di feriti, trasformando uno dei sedili in una barella e trasportando il pilota, il passeggero ferito ed un medico per l’assistenza.

UAV a rischio, arriva il cannone laser

luglio 21, 2010 Tecnologia Nessun Commento

CIWS

Non passa un giorno senza leggere notizie di nuovi UAV (Unmanned Aerial Vehicles, ovvero aerei senza pilota) lanciati sul mercato od in fase di progettazione, ed ormai la maggior parte degli eserciti dell’emisfero occidentale fa larghissimo uso di questo sistema di ricognizione ed attacco, per spiare dietro le linee nemiche, compiere attacchi rapidi o trasportare equipaggiamenti pesanti senza rischiare vite umane.

Ovviamente però, anche i nemici possono dotarsi di apparecchiature del genere, pertanto oltre a nuovi e sempre più potenti UAV, è necessario sviluppare la tecnologia che permetta di difendersi quando sono i nostri nemici ad usare la stessa arma.

Per questo scopo, durante il recente Airshow che si svolge a Farnborough in Inghilterra, il gigante americano degli armamenti Raytheon ha presentato il suo cannone laser della serie CIWS (Close-In Weapon System), che può essere usato da solo o affiancato da cannoni convenzionali, per contrastare le minacce provenienti dall’alto sparando un solo raggio laser, invisibile all’occhio umano, che grazie a 50 kilowatt di potenza è in grado di abbattere droni, missili, razzi sparati da mortai ed anche piccole imbarcazioni, con estrema precisione.

Ovviamente resta da dimostrare l’efficienza di questo genere di armi contro aerei blindati e guidati da un pilota in carne ed ossa, che viaggiano a velocità ben più alte di quelle di un drone senza pilota ed hanno ovviamente una maggiore flessibilità. In ogni caso, si tratta di una importante arma di difesa contro le missioni di ricognizione, che può consentire perciò una maggiore efficienza di manovra dietro la linea del fronte, senza che i nemici siano a conoscenza di ogni mossa; il tutto, ovviamente, mantenendo il personale al sicuro e minimizzando il rischio di perdite di vite umane.

Sventare attentati e scoprire droga grazie alle radiazioni

luglio 18, 2010 Tecnologia Nessun Commento

thz

Un giorno, forse non troppo lontano, potrebbe essere possibile rilevare esplosivi, bombe chimiche o biologiche (le cosiddette “bombe sporche”) o anche carichi di droga, grazie a dei sistemi ottici che possono individuarne la presenza entro il raggio di circa 20 metri.

Questo è possibile grazie al fatto che ogni sostanza emette radiazioni elettromagnetiche nello spettro dei Terahertz (THz) secondo una sua particolare impronta, che passa attraverso tutti i materiali, esclusi metalli e liquidi. Gli scienziati del Rensselaer Polytechnic dello stato di New York stanno lavorando ad un sistema che permetta di analizzare tali onde elettromagnetiche e determinare la sostanza che le emette, in maniera del tutto innocua.

Il processo si svolge usando due fasci di luce laser, che vengono puntati insieme nell’aria, creando un plasma che reagisce alla presenza di onde Terahertz. Analizzando la fluorescenza, le sue caratteristiche ed il suo colore, gli scienziati sono in grado di identificare il materiale che emette tali radiazioni, anche se il materiale stesso si trova nascosto alla vista, ad esempio dentro un armadio o all’interno di un’automobile.

Allo stato attuale, le prove di analisi delle radiazioni Terahertz si svolgono soltanto all’interno dei laboratori scientifici, ma il progetto finale prevede di studiare il modo per applicare tale tecnologia a strumenti portatili, in modo da poterla usare ad esempio per controllare i bagagli di un aeroporto, per cercare esplosivi nascosti in zone a rischio di attacchi terroristici, o per rilevare perdite in tubazioni che trasportano agenti chimici.

Il progetto di ricerca, che si svolge sotto l’egida del Ministero della Difesa USA, mira ad usare infatti questa tecnologia per scopi difensivi ad industriali nell’arco di alcuni anni, una volta scoperto il metodo per renderla portatile.

Aerei solari senza pilota per il volo perpetuo

luglio 18, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Zephyr

Solo pochi giorni dopo la notizia che il primo aereo ultraleggero ad energia solare era riuscito a volare ininterrottamente per un giorno ed una notte interi, arriva oggi quella secondo la quale è in corso un tentativo di battere il record di durata per voli di aerei senza pilota, attualmente fissato a circa 30 ore.

L’aereo Zephyr, prodotto dalla QinetiQ, derivato da un precedente prototipo che ha volato in maniera non ufficiale per 82 ore, è già in volo da più di una settimana sul deserto dell’Arizona. Si tratta di un aereo ad energia solare che con la luce del giorno vola grazie ai pannelli solari montati sulle sue ali, dal design particolare e con un’apertura alare di circa 22 metri.

I pannelli solari sono spessi quanto un foglio di carta, e ricoprono l’intera superficie di ali che, grazie alla loro forma aerodinamica innovativa, alla coda a forma di T ed al peso di soli 50 chilogrammi (che ne consentono il lancio a mano), permettono di raggiungere prestazioni migliori diminuendo al massimo il consumo energetico.

L’energia raccolta durante il giorno viene usata per caricare dei motori elettrici che si attivano al calar del sole, permettendo il volo nelle ore notturne, e recuperando energia di nuovo durante il giorno. Pertanto, Zephyr è teoricamente in grado di volare in maniera perpetua, al contrario di molti aeromobili con e senza pilota, senza bisogno di rientrare alla base.

Queste sue caratteristiche aprono scenari assai interessanti non soltanto nel campo della sorveglianza aerea, permettendo di svolgere missioni di ricognizione della durata di intere settimane o mesi, installando le adeguate apparecchiature fotografiche, video, GPS e relativi sistemi di trasmissione. Altre possibilità di applicazione dello Zephyr possono includere l’osservazione scientifica o l’uso come “antenna volante” per telecomunicazioni militari o commerciali.

Microfoni direzionali per l’ascolto discreto a distanza

luglio 16, 2010 Tecnologia Nessun Commento

laser mic

Come dicevamo ieri, le possibilità di intercettare le conversazioni di un sospetto da parte delle forze dell’ordine sono svariate, anche se a volte bisogna fare i conti con un po’ di rischi se non si è in grado di usare microspie per intercettazioni telefoniche.
Se non si ha la possibilità di appostarsi nelle immediate vicinanze del sospetto per captarne le conversazioni, la tecnologia di sorveglianza ci viene comunque in aiuto, ad esempio grazie ai microfoni direzionali.

I microfoni direzionali sono dei microfoni ad alta sensibilità, con un raggio d’azione che può andare da alcune decine di metri fino a superare il chilometro e mezzo per i modelli laser. Nel primo caso, ci si può appostare in un’automobile dietro una siepe per captare, tanto per fare un esempio, le conversazioni di uno spacciatore di droga nascosto in un parco e dei suoi clienti.

Nel caso invece in cui le persone le cui conversazioni si vogliano captare si nascondono in un luogo apparentemente sicuro, come un appartamento privato o la stanza di un albergo, e non sia possibile avvicinarsi, la soluzione adatta è il microfono laser. Come dice il nome stesso, tale microfono usa un fascio di luce laser, con un raggio d’azione di circa un miglio.

Per usarlo, basta puntare il fascio laser in direzione della finestra dietro la quale sono nascosti i nostri sospetti. A quel punto, il raggio laser leggerà le vibrazioni prodotte dalla voce umana sul vetro della finestra, traducendole in voci e suoni e ritrasmettendole agli agenti appostati a distanza di tutta sicurezza, che potranno registrarle ed usarle come prova.

Le possibilità di uso dei microfoni direzionali sono svariate, per scoprirle vi invitiamo a visitare il sito di Endoacustica e a contattare i nostri esperti.

Occhiali per visione notturna, o quasi

luglio 16, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Squadra

La TAG Heuer, famosa nel mondo per i suoi cronografi, ma che produce anche accessori quali, tra l’altro, telefoni cellulari ed occhiali, ha appena ampliato la propria collezione di occhiali con l’aggiunta del modello Squadra Night Vision che, nelle intenzioni dei produttori e a giudicare dal nome, dovrebbe permettere a chi li usa di vedere anche al buio.

Ovviamente la realtà è leggermente diversa, non si tratta certo di occhiali miracolosi destinati a restituire la vista a chi ha problemi di visione notturna; si tratta comunque di un ottimo prodotto in grado non solo di ridurre lo sforzo sugli occhi, ma anche di aumentare il contrasto permettendo di individuare meglio ostacoli e forme al buio e reagire immediatamente in caso di pericolo.

Si tratta di occhiali con una lente unica che sostituisce la montatura vera e propria (ovviamente, escluse le stanghette, che sono in materiale elastico e gomma morbida per garantire una flessibilità massima). La lente, trattata in maniera particolare, permette una visione più chiara in condizioni di scarsa visibilità, ad esempio durante la guida al buio.

Grazie a queste caratteristiche, gli occhiali per visione notturna TAG Heuer sono stati usati dai piloti del Team Audi che si sono aggiudicati la vittoria nella 24 Ore di Le Mans di quest’anno.
Se non siete piloti di auto da corsa, ma comunque avete bisogno della massima chiarezza in ore notturne, sicuramente questi occhiali potranno esservi di aiuto,per un costo (non esattamente a buon mercato) di 450 dollari.

Naturalmente, questi occhiali non hanno la pretesa di risolvere la vita di chi invece ha dei seri problemi di vista, e per riuscire a vivere una vita normale ha bisogno di occhiali notturni dalle caratteristiche completamente diverse, adatti agli ipovedenti.

Un hard disk portatile ad accesso biometrico

luglio 16, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Aegis

L’esigenza della sicurezza è ormai estesa non soltanto alla propria persona, la propria casa o l’ufficio, ma in un mondo sempre più basato sui computers, anche ai propri dati, siano essi di lavoro o personali. Per proteggerli quando li trasportiamo, nel malaugurato caso in cui dovessimo perdere il nostro hard disk portatile o la nostra chiave USB, si usano diversi livelli e sistemi di sicurezza.

In questa direzione si muove la Apricom, che ha appena lanciato la serie Aegis Bio, un hard disk biometrico, che oltre all’opzione di scegliere tra diversi livelli di capacità fino a 640 GB per trasportare i vostri dati, vi consente di proteggerli in maniera sicura da accessi non autorizzati.

La protezione avviene tramite l’uso di uno scanner biometrico incorporato, nel quale non dovrete fare altro che memorizzare la vostra impronta digitale per assicurarvi di essere gli unici che potranno accedere al disco rigido.
Inoltre, accanto alla protezione mediante scanner biometrico e ad una tradizionale protezione con password, Aegis Bio può conservare i dati in esso contenuti in formato criptato, con una codifica a 128 bit.

In pratica, anche se qualcuno per caso dovesse entrare in possesso del vostro hard disk (nel caso in cui lo doveste smarrire o vi venisse sottratto), sarebbe per loro praticamente impossibile avere accesso ai vostri dati sensibili, a meno che non vi taglino un dito… e vi chiedano anche la password!

Questa dotazione di sicurezza, inoltre, è reperibile sul mercato ad un costo assai accessibile; la versione da 640 GB, infatti, e’ in vendita a soli 160 dollari, un prezzo che rende Aegis Bio un accessorio altamente competitivo in termini di resa, di sicurezza e di costo.

Non basta un muro per impedire l’ascolto

luglio 15, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Wall Mic

Se le forze dell’ordine non dovessero essere in grado, a causa della cosiddetta legge bavaglio, di utilizzare le intercettazioni telefoniche al massimo del loro potenziale per raccogliere prove ed elementi contro pericolosi criminali, dovrebbero utilizzare strumenti alternativi. Ad esempio, durante una serie di pedinamenti ed appostamenti, uno strumento di indubbia utilità è rappresentato dai microfoni da muro.

Una classica situazione che può verificarsi durante una indagine è quella in cui bisogna seguire la persona sospetta durante i suoi spostamenti, ed essa, per rimanere in incognito, affitta una stanza in un albergo. In queste situazioni, gli agenti od investigatori dovranno tentare di appostarsi nella stanza attigua, in modo da poter passare all’azione.

Per raccogliere informazioni in questi casi, si può usare un microfono da muro, dotato di uno stetoscopio, simile a quello che usa il nostro medico, ma collegato ad un amplificatore. Basta appoggiare lo stetoscopio al muro per captare le minime vibrazioni nella parete causate da conversazioni che si svolgono nella stanza accanto, senza destare sospetti negli occupanti.

A tale scopo esistono in commercio vari tipi di microfoni da muro, da quelli che come detto somigliano ad uno stetoscopio, fino alle microspie che possono essere appoggiate al vetro di una finestra, e possono captare le voci all’interno della stanza semplicemente leggendo le vibrazioni del vetro, e trasmettendo il risultato delle proprie intercettazioni via radio ad un agente appostato nei dintorni. Questo metodo presenta rischi minori in quanto non è necessario che gli investigatori si trovino nelle immediate vicinanze della persona da intercettare.

Per ricevere maggiori informazioni e dettagli sul funzionamento del microfono da muro e su come esso può aiutare le vostre operazioni di raccolta informazioni, vi consigliamo di visitare il sito di Endoacustica.

Newsletter

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

CALCOLATRICE SPIA GSM


Calendario

ottobre: 2018
L M M G V S D
« Mag    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Comunicare al cellulare senza essere notati? Con un microauricolare induttivo si può!

2 Mag 2018

kit-micro-auricolari-invisibili

Provate a mettervi nei panni di chi debba per forza di cose ricevere informazioni dall’esterno senza essere notato. Non è affatto semplice, vero? Tuttavia un modo rapido ed efficace per risolvere la questione esiste e si chiama: kit di ascolto invisibile. Parliamo di un sistema di comunicazione full-duplex a due vie dotato di un micro auricolare wireless invisibile, facilmente occultabile nell’orecchio, e di una collana a induzione per la trasmissione dell’audio del …

Come sorvegliare un ambiente con una mini telecamera compatta over IP WiFi

8 Nov 2017

micro-telecamera-ip-web

Le microtelecamere IP vengono largamente impiegate in ambito di sorveglianza audio/video per monitorare ambienti, veicoli, persone ecc. da qualunque distanza. Inoltre offrono notevoli vantaggi sia in termini di praticità d’uso sia di convenienza di prezzo, basti pensare per esempio ai costi proibitivi di alcuni impianti cablati di tipo analogico. La peculiarità principale di una micro telecamera over IP è comunque quella di essere ‘raggiungibile’, a mo’ di periferica di rete (postazione desktop, …

Come registrare conversazioni di nascosto in ufficio, o dove vuoi tu, in tutta sicurezza

10 Lug 2017

rec-card-micro-registratore-carta-credito

Microregistratore vocale a forma di carta di credito REC-CARD. Un campione di discrezione e di efficacia sul campo! Noi lo sappiamo bene: sul mercato esitono diversi micro registratori professionali validi, e soprattutto, “invisibili”. Eppure ogni qualvolta ci troviamo al cospetto di questo sottilissimo micro registratore digitale a forma di carta di credito, ne restiamo puntualmente affascinati, tanto da consigliarlo alle migliori agenzie di sorveglianza e investigazioni italiane ed estere. Perché …

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 Gen 2014

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 Apr 2013

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 Gen 2013

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 Gen 2013

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 Dic 2012

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 Nov 2012

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.