Home » Tecnologia » Recent Articles:

Come funziona l’intercettazione di un cellulare

dicembre 29, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Per compromettere il vostro telefono cellulare, un hacker dotato di attrezzature radio poco costose e software open source può facilmente, ascoltare le vostre conversazioni, intercettare i dati, o più semplicemente farvi arrivare bollette astronomiche.

Durante il convegno DeepSec di Vienna, è stato dimostrato come qualsiasi cellulare sia esposto a tali rischi, a causa di errori di programmazione che possono essere sfruttati dagli hackers per ottenere il controllo del vostro telefono tramite attacchi praticamente impossibili da rilevare grazie a un piccolo apparecchio di ricezione e trasmissione, piazzato in zone affollate quali ad esempio un aeroporto, che può portare il suo attacco nel giro di pochi secondi.

Tali attacchi sfruttano la debolezza strutturale del codice di base che si occupa della gestione delle connessioni e delle trasmissioni radio di una rete cellulare, un codice sviluppato negli anni 90 all’inizio della diffusione dei telefoni cellulari, e mai aggiornato. Tale codice considera gli elementi che costituiscono la rete, quali appunto le stazioni trasmittenti, come “amici” e pertanto non ritiene necessaria alcuna protezione.

Secondo la ricerca presentata al DeepSec, molti gestori di rete trascurano questo aspetto, concentrandosi prevalentemente sulla protezione contro applicazioni che nascondano attacchi o virus Trojan. Invece, le moderne stazioni mobili riescono a farsi riconoscere dal gestore di rete come “amiche”, inserendo dei codici all’interno della rete e riuscendo ad accedere ai dati di un singolo utente con conseguenze facilmente immaginabili.

Una volta fatto questo, possono monitorare tutte le comunicazioni effettuate tramite un cellulare, o addirittura spiarne il possessore, dando istruzioni al telefono di rispondere automaticamente a tutte le chiamate senza squillare, fungendo pertanto come un vero e proprio cellulare spia. Il telefono infettato può essere usato come “ponte” per raggiungere la stazione di base ed infettare altri cellulari, il tutto in una maniera assai difficile da rilevare.

Questa minaccia è assai realistica anche sotto il punto di vista dei costi, in quanto la stazione base di una rete cellulare è un’apparecchiatura dal costo assai elevato, mentre i materiali usati per fabbricare questi apparecchi di intercettazione sono a buon mercato, ed il software open source per gestire le stazioni di base GSM è ormai facilmente reperibile.

I ricercatori che hanno dimostrato queste debolezze provengono da un gruppo di ricerca della University of Luxembourg, e sono già in collaborazione con vari operatori di rete cellulare per porre rimedio ad eventuali errori di programmazione, e soprattutto per impedire che in futuro tali errori possano permettere intrusioni non autorizzate.

Attualmente, per difendersi da simili attacchi contro la propria privacy telefonica, è consigliabile prendere delle precauzioni, se proprio non si può fare a meno di usare il telefono cellulare per il proprio lavoro o per motivi personali.
La migliore maniera è certamente quella di usare un telefono cellulare criptato, che aggiunge alla codifica usata dal gestore di rete un ulteriore livello di sicurezza.

Infatti, la conversazione tra due cellulari di questo tipo viene criptata tramite una chiave di codifica a 256 bit, grazie ad un software di criptaggio installato sui due telefoni.

Se entrambi i cellulari impegnati in questa conversazione sono dotati di tale software e della stessa chiave, il segnale audio inviato da uno dei due telefoni viene trasformato in un rumore inintelligibile, che l’altro telefono trasforma in suoni e voci grazie al suo programma di decodifica e alla chiave di sicurezza.

In questo modo, una eventuale intercettazione avrebbe come unico risultato l’ascolto di un rumore incomprensibile.
Per scoprire il funzionamento dei cellulari criptati e di altre apparecchiature per la difesa della vostra privacy, vi consigliamo di visitare il sito di Endoacustica, azienda impegnata nella sicurezza con un’esperienza pluriennale.

Un software per scoprire dove è stata scattata una foto

dicembre 23, 2010 Tecnologia Nessun Commento

I videogiochi sono da tempo visti come portatori di un effetto potenzialmente mortale sulle culture occidentali, istupidendo i i bambini con immagini ripetitive ad alta velocità. Ora, la Northeastern University utilizza le GPU (Graphics Processing Units) alla base della maggior parte dei comuni videogiochi per aiutare a salvare il mondo.

Attualmente, ci sono due grandi produttori di GPU commerciali, AMD e NVIDIA. Entrambi hanno contribuito in maniera significativa per l’evoluzione della tecnologia grafica come parte integrante di qualsiasi sistema informatico, e progettato modi innovativi per visualizzare forme e strutture, creando scene coinvolgenti e interattive su diverse piattaforme di gioco.

In uno sforzo congiunto tra la Northeastern University e la University of Virginia, questa tecnologia GPU viene ora applicata al mondo reale per il riconoscimento fotografico. L’idea è che grazie alla loro potenza di elaborazione, le GPU hanno una capacità di scansione e comparazione di fotografie ben più veloce di qualsiasi altra tecnologia sul mercato.

Teoricamente, un utente può caricare una foto su Google Earth senza alcuna descrizione, ed in pochi minuti l’applicazione userà la GPU per determinare esattamente dove la foto stessa è stata scattata.

La speranza è che, ad esempio, si verifichi una situazione in cui un terrorista che tenga un ostaggio dovesse scegliere di caricare una foto del loro prigioniero e del luogo dove lo stesso viene nascosto; a quel punto l’applicazione sarà in grado di determinare rapidamente e con esattezza il luogo dove la foto è stata scattata, senza bisogno di informazioni aggiuntive.

Questo sistema di riconoscimento fotografico potrebbe essere estremamente utile per la lotta a simili atti terroristici e non soltanto.

Ovviamente, la risposta più semplice per i terroristi sarà quella di smettere di inviare fotografie, o di scattarne in ambienti chiusi, ma sicuramente l’idea sviluppata dalla Northeastern University ha un grande potenziale.

Telecamere mimetiche ad alta definizione

dicembre 22, 2010 Tecnologia Nessun Commento

La Midland Radio ha annunciato l’uscita di due nuovi modelli nella sua linea di videocamere XTC di tipo actioncam. Questi modelli di XTC, così come la precedente XTC100, sono dotate di un piccolo telaio robusto che può essere montato su un casco, una cinghia per occhiali, il manubrio di una bicicletta, o dovunque sia possibile usarle per catturare immagini estreme.

La versione XTC200 gira filmati HD con una risoluzione di 720p, mentre il modello XTC300 raggiunge i 1080p, in confronto ai 480p del precedente XTC100. Tutte e tre le unità pesano meno di 100 grammi, e dispongono di un unico pulsante per accensione e registrazione.

Per evidenziarne la vocazione all’avventura, Midland Radio offre anche delle versioni con decorazioni mimetiche, perfette per essere usate durante battute di caccia, gare di paintball e altre attività all’aperto, ad esempio anche per la ricognizione e sorveglianza discreta.

Ogni actioncam XTC è munita di tracolla, occhiali di protezione, manubrio e supporti universali. Le videocamere XTC non sono impermeabili all’acqua, ma è disponibile un involucro protettivo, all’interno del quale possono essere posizionate per usarle in immersione.

L’alimentazione viene fornita da batterie ricaricabili al litio incorporate, e le registrazioni effettuate vengono memorizzate su schede di memoria intercambiabili di tipo Micro SD. Grazie alla porta USB, i filmati possono essere facilmente riversati su computer per poter essere visualizzati.

Nonostante queste telecamere ad alta definizione prodotte da Midland Radio non abbiano una dotazione tecnologica particolarmente impressionante o prestazioni stupefacenti, sono comunque dei prodotti che sicuramente renderanno felici gli amanti degli sport estremi grazie alla loro semplicità d’uso e resistenza agli urti, e al costo piuttosto contenuto: nonostante non sia ancora stato reso ufficiale sul sito del produttore, il prezzo di queste telecamere dovrebbe aggirarsi intorno ai 300 dollari.

Un UAV per la ricerca polare, e non solo

dicembre 22, 2010 Tecnologia Nessun Commento

La regione artica sta attualmente attraversando una tendenza al riscaldamento, che causa rotture nella calotta di ghiaccio, la quale potrebbe anche sparire completamente durante i mesi estivi. Molti scienziati attribuiscono la causa di questa tendenza al riscaldamento globale causato dalle attivita’ umane, ma qualunque sia la causa, non è una buona notizia per la fauna marina, ad esempio per le foche, che usano le lastre di ghiaccio per sfuggire ai predatori marini, ma anche per riposarsi e per mettere al mondo i loro piccoli. Nel tentativo di comprendere l’intera portata della situazione, gli scienziati hanno adottato lo Scan Eagle, un veicolo aereo senza equipaggio progettato da Boeing e generalmente utilizzato per la ricognizione di obiettivi militari.

Il progetto di ricerca è guidato dal Cooperative Institute for Research in Environmental Sciences (CIRES), che usa lo Scan Eagle per compiere operazioni di ricognizione aerea del ghiaccio nel mare di Bering.

Lanciato da una nave di ricerca, lo Scan Eagle ha compiuto una serie di voli di durata variabile tra 2 e 8 ore, ad altezze comprese tra 100 e 300 metri sopra la superficie dell’acqua, raccogliendo una serie di fotografie, che sono state passate agli analisti per valutare la presenza ed il numero di foche, ed il tipo di ghiaccio su cui esse preferiscono alloggiare, in modo da poter poi seguire le evoluzioni della calotta glaciale per vedere se quel particolare tipo di ghiaccio resiste allo scioglimento estivo.

Questo lavoro di analisi iene compiuto tramite un particolare software che rileva automaticamente la presenza di foche nelle immagini, aiutando anche ad identificarne le specie; una versione futura potrebbe essere usata per lo stesso scopo sugli orsi polari. Grazie a questo software e all’utilizzo della fotografia aerea, gli scienziati avranno a disposizione un prezioso alleato per monitorare le popolazioni di animali marini e terrestri in maniera efficiente e rapida.

Intercettare tutti i cellulari intorno a sé

dicembre 8, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Per sfuggire alle forze dell’ordine, criminali di ogni tipo cambiano spesso apparecchio telefonico e scheda SIM, convinti che possa bastare per essere protetti dalle intercettazioni telefoniche.
Fortunatamente per la nostra sicurezza, però, questo non è vero, specialmente se la polizia o la Guardia di Finanza sono dotate di adeguate apparecchiature di intercettazione cellulari, quali ad esempio il GSM Interceptor.

Come dice il nome stesso, GSM Interceptor è in grado di captare tutte le comunicazioni cellulari intorno a sè. All’interno di un raggio compreso tra i 350 ed i 500 metri, il GSM Interceptor, contenuto in una valigia e delle dimensioni di un normale computer portatile, può ascoltare fino a 200 telefonate allo stesso tempo.

Questo viene ottenuto perchè, in poche parole, il sistema si autentica presso la cella che gestisce le comunicazioni telefoniche come se fosse un normale cellulare. Una volta entrato nella rete, agisce sulla codifica di criptaggio e si “sostituisce” alla cella stessa, così che gli altri cellulari presenti in zona inviino le proprie comunicazioni prima all’Interceptor e poi alla cella. In questo modo, l’Interceptor ascolta tutte le telefonate nella sua zona di copertura.

Una volta intercettato il telefono della persona cercata, il sistema ne rileva i numeri identificativi (non soltanto il numero telefonico, ma anche i codici IMEI ed IMSI) che vengono memorizzati per meglio localizzarlo in futuro, ed il gioco è fatto.

Ovviamente, data la natura sensibile di un articolo del genere, si tratta di un oggetto di sclusiva competenza delle forze dell’ordine o di agenzie governative.
Per conoscere in maggiore dettaglio il funzionamento di questo avanzatissimo sistema di intercettazione telefonica, vi consigliamo di visitare il sito di Endoacustica, uno dei maggiori esperti nel settore della sorveglianza audio e video.

Dopo gli aerei, arrivano le navi spaziali senza pilota

dicembre 8, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Fino ad ora l’unico veicolo spaziale in grado di tornare sulla Terra, sia pure in maniera controllata, era lo Space Shuttle. In previsione del suo pensionamento il prossimo anno, US Air Force ha sviluppato il programma Boeing X-37, una serie di navette spaziali senza pilota riutilizzabili di nuova generazione. Nello scorso aprile, l’X-37B Orbital Test Vehicle (OTV) è stato lanciato da Cape Canaveral, per rientrare a terra pochi giorni fa, dopo oltre 220 giorni nello spazio, in maniera del tutto autonoma.

Gli obiettivi del progetto X-37B includono l’esplorazione spaziale, la riduzione dei rischi, e lo sviluppo concettuale di tecnologie spaziali riutilizzabili in missioni successive. Il veicolo è progettato per operare in orbita bassa, fino a 800 km di altezza e 28000 chilometri orari di velocità. Nonostante la sua riconoscibile somiglianza con lo Shuttle, l’X-37B è grande solo un quarto rispetto al suo predecessore, econ un peso inferiore grazie all’uso di strutture più leggere e di una nuova generazione di piastrelle molto più resistenti e durevoli rispetto a quelle utilizzate dallo Space Shuttle.

A bordo l’X-37B non ci sono parti idrauliche, con comandi di volo e freni ad azionamento elettromeccanico. Inoltre, tutti i componenti sono stati progettati per automatizzare tutte le funzioni dell’uscita dall’orbita e dell’atterraggio. Il successo della missione inaugurale dimostra che i veicoli spaziali senza equipaggio possono essere inviati in orbita e recuperati in modo sicuro. La lunga durata del volo di prova ha permesso di verificare la resistenza a lunghe operazioni e di comprendere gli effetti a lungo termine su tutti i componenti del sistema, per studiarne meglio la struttura e i possibili carichi futuri.

Questo passo potrebbe segnare l’inizio di una nuova era nell’esplorazione dello spazio, che già con il lancio del secondo veicolo nel 2011 potrebbe ricevere una significativa spinta in avanti.

L’UAV Phantom Ray completa le prove taxi a bassa velocità

dicembre 8, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Boeing ha raggiunto un traguardo importante nello sviluppo del suo veicolo senza pilota (UAV, Unmanned Aerial Vehiele) Phantom Ray nello scorso mese di novembre, quando ha completato con successo i test di taxi a bassa velocità su una pista del Lambert International Airport di St. Louis, Missouri.

Secondo fonti della Boeing, il Phantom Ray ha passato senza problemi i test di comunicazione con la stazione di controllo a terra, ha ricevuto ed elaborato gli ordini operativi ed ha percorso più volte la pista avanti e indietro, consentendo ai ricercatori di valutare i suoi risultati e di monitorare il funzionamento dei suoi avanzati sistemi di bordo.

Il progetto Phantom Ray è basato su conoscenze acquisite nel precedente progetto X-45, accantonato non prima di aver compiuto oltre 60 voli tra il 2002 e il 2005. Tale progetto aveva comunque raggiunto alcuni importanti risultati, ad esempio la prima dimostrazione dell’uso di armi di precisione da parte di un sistema di combattimento senza equipaggio, e il primo volo di più veicoli aerei senza pilota allo stesso tempo, controllati da un solo pilota da terra mediantecontrollo radio. Phantom Ray è derivato dal modello X-45C, delle dimensioni di un aereo da combattimento, che però non ha mai visto la luce.

Il nuovo UAV sarà trasportato alla base di Edwards in California, a bordo di un Boeing 747 Shuttle Carrier. Una volta a Edwards, verrà sottoposto a test di taxi ad alta velocità, prima di prendere finalmente il volo. Le prove in aria dovrebbero durare circa sei mesi.

Phantom Ray è stato progettato per una serie di missioni, quali adesempio la raccolta diinformazioni e dati, sorveglianza e ricognizione, soppressione delle difese aeree nemiche, attacco elettronico, ma anche per missioni armate e per il rifornimento in volo di aerei militari. Le prove di St. Louis sono state le primi ad essere condotte su questo UAV dall’apertura ufficiale del progetto nel maggio scorso.

BEAR, robot da soccorso per soldati feriti e non solo

novembre 25, 2010 Tecnologia Nessun Commento

I ricercatori dell’esercito USA sono al lavoro per testare un nuovo robot, progettato dalla Vecna Robotics, che verrebbe usato per recuperare e mettere in salvo i soldati feriti durante un combattimento. Il robot, chiamato BEAR (Battlefield Extraction Assist Robot), può individuare un soldato in difficoltà grazie ai suoi sensori e alle sue telecamere.

BEAR è comandato a distanza tramite uno speciale guanto che consente di usare dei semplici gesti delle mani per manovrarlo, avvicinarsi al soldato ferito, raccoglierlo da terra e portarlo al più presto verso il più vicino punto di assistenza medica.

Il robot da soccorso può trasportare un carico di circa 230 chilogrammi, sollevandolo delicatamente grazie alle sue “braccia” idrauliche. Con la sua altezza di circa 1.80 m, poi, BEAR può anche ispezionare le zone al di là di un muro, oppure posizionare il suo carico in alto. Le braccia sono dotate di “mani” in grado di svolgere lavori delicati, assicurando pertanto che un soldato ferito non venga mosso in maniera brusca.

Inoltre, grazie a queste caratteristiche, BEAR può essere usato non soltanto per operazioni di soccorso, ma anche per operazioni di sorveglianza e ricognizione, per trasportare esplosivi o materiali pericolosi che devono essere maneggiati con cura, oppure per ispezionare dei pacchi che potrebbero nascondere una bomba, per disinnescare una mina, il tutto senza mettere a rischio vite umane.

I test simulati su BEAR sono in corso da circa un anno, e comprendono anche lo sviluppo di un nuovo iGlove, il guanto usato per controllarlo, che permetterà una maggior precisione nel controllo e la possibilità di inviare istruzioni avanzate, come ad esempio nel caso del disinnesco di una bomba. Inoltre, il BEAR del futuro compirà varie operazioni in maniera autonoma, senza intervento umano.

Per svago, per lavoro e non solo: microregistratori digitali

novembre 24, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Fino a pochi anni fa, gli unici ad usare un registratore audio in miniatura, di quelli con audiocassette micro, erano i giornalisti, e molte volte capitava di vederne uno soltanto in televisione, durante un’intervista al politico o al calciatore di turno.

Al giorno d’oggi, non solo le cassette audio, ma anche il compact disc, sono supporti audio ormai obsoleti, soppiantati dai supporti digitali e da schede di memoria dalla capacità infinitamente superiore e dalle dimensioni ridottissime.
Grazie a questo, il mondo della registrazione audio come lo conosciamo oggi è completamente diverso rispetto a pochi anni fa.

Ora, grazie ad apparecchiature piccolissime ma altamente potenti e al tempo stesso flessibili e molto semplici da usare, a munirsi di un microregistratore digitale non sono più soltanto giornalisti d’assalto, ma molte altre categorie professionali: funzionari che vogliano usarlo per registrare una importante riunione in ufficio; studenti che possono prendere appunti in formato audio o più semplicemente registrare il proprio professore mentre tiene una lezione; investigatori privati o poliziotti, che grazie ad un registratore digitale dalle dimensioni microscopiche, sono in grado di raccogliere prove contro un criminale o un marito infedele, ed usarle come prove inconfutabili di fronte a un tribunale.

Questi ovviamente sono soltanto alcuni esempi, ma il succo della questione è che la tecnologia digitale del ventunesimo secolo è ormai presente in moltissimi campi, e se usata nella maniera giusta, può rivelarsi utilissima sul nostro lavoro, ma anche più semplicemente nelle occasioni di svago.

Per scoprire i vari modelli di microregistratori digitali disponibili sul mercato, e le loro diverse caratteristiche che li rendono adatti ad un uso professionale, di svago o per investigazioni e sorveglianza, vi consigliamo di visitare il sito di Endoacustica per trovare il modello giusto per voi.

Un nuovo elmetto per proteggere i volti dei soldati USA

novembre 24, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Per i soldati americani al fronte in zone di guerra, il pericolo è sempre dietro l’angolo, sotto forma di bombe artigianali, imboscate o cecchini. L’effetto più frequente di tali minacce è rappresentato dalle ferite subite dai soldati, e tra le ferite, le più rischiose sono quelle non visibili, ossia quelle causate da traumi cranici o concussioni.

I moderni elmetti forniscono una adeguata protezione alla scatola cranica, ma per proteggere la testa, spesso si dimentica di proteggere anche il volto. Per ovviare a tale lacuna, dei ricercatori del Massachusetts Institute of Technology sono al lavoro per creare una sorta di visiera da applicare agli elmetti, che aumentando la protezione per il volto di chi la usa possa allo stesso modo ridurre anche il rischio di traumi cranici.

Questa sorta di visiera per elmetto, sviluppata dal dipartimento di Astronautica ed Aeronautica, analizzando mediante simulazioni al computer le differenti conseguenze sulla scatola cranica dei soldati causate dall’esposizione ad esplosioni senza elmetto, con un elmetto di tipo ACH (Advanced Combat Helmet) e con uno dotato di una visiera in policarbonato trasparente. In quest’ultimo caso, lo shock a livello cerebrale era significativamente inferiore.

Finora, il test è stato condotto usando soltanto uno scenario, ovvero quello che prevede un’esplosione frontale. In futuro, verranno compiuti altri esperimenti simulando esplosioni di diversa intensità, distanza e angolazione, in modo da misurare le conseguenze, ad esempio, anche nella zona dorsale, e trovare il modo di offrire una adeguata protezione anche a tale parte del corpo.

Ovviamente, il tutto ancora si trova nella fase di progettazione, e la visiera non è ancora entrata in produzione. I soldati americani al fronte attendono con ansia il giorno in cui potranno usarla per proteggere anche il loro viso da minacce nemiche.

Newsletter

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

CALCOLATRICE SPIA GSM


Calendario

ottobre: 2018
L M M G V S D
« Mag    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Comunicare al cellulare senza essere notati? Con un microauricolare induttivo si può!

2 Mag 2018

kit-micro-auricolari-invisibili

Provate a mettervi nei panni di chi debba per forza di cose ricevere informazioni dall’esterno senza essere notato. Non è affatto semplice, vero? Tuttavia un modo rapido ed efficace per risolvere la questione esiste e si chiama: kit di ascolto invisibile. Parliamo di un sistema di comunicazione full-duplex a due vie dotato di un micro auricolare wireless invisibile, facilmente occultabile nell’orecchio, e di una collana a induzione per la trasmissione dell’audio del …

Come sorvegliare un ambiente con una mini telecamera compatta over IP WiFi

8 Nov 2017

micro-telecamera-ip-web

Le microtelecamere IP vengono largamente impiegate in ambito di sorveglianza audio/video per monitorare ambienti, veicoli, persone ecc. da qualunque distanza. Inoltre offrono notevoli vantaggi sia in termini di praticità d’uso sia di convenienza di prezzo, basti pensare per esempio ai costi proibitivi di alcuni impianti cablati di tipo analogico. La peculiarità principale di una micro telecamera over IP è comunque quella di essere ‘raggiungibile’, a mo’ di periferica di rete (postazione desktop, …

Come registrare conversazioni di nascosto in ufficio, o dove vuoi tu, in tutta sicurezza

10 Lug 2017

rec-card-micro-registratore-carta-credito

Microregistratore vocale a forma di carta di credito REC-CARD. Un campione di discrezione e di efficacia sul campo! Noi lo sappiamo bene: sul mercato esitono diversi micro registratori professionali validi, e soprattutto, “invisibili”. Eppure ogni qualvolta ci troviamo al cospetto di questo sottilissimo micro registratore digitale a forma di carta di credito, ne restiamo puntualmente affascinati, tanto da consigliarlo alle migliori agenzie di sorveglianza e investigazioni italiane ed estere. Perché …

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 Gen 2014

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 Apr 2013

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 Gen 2013

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 Gen 2013

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 Dic 2012

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 Nov 2012

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.