Home » Tecnologia » Recent Articles:

La sorveglianza video, un business in crescita nel grande mercato russo

settembre 28, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Monitoring

Il governo russo sembra prestare particolare attenzione alle tecnologie Internet. Infatti, il presidente Medvedev, nei suoi ultimi discorsi, ha fatto più volte riferimento allo sviluppo e alla penetrazione della banda larga anche negli angoli più remoti del Paese, con particolare attenzione alla gestione elettronica dei documenti ufficiali e ai programmi di educazione a distanza.

Questo per quanto riguarda il settore pubblico e i servizi al cittadino. Nel campo privato, lo sviluppo delle tecnologie Internet servirà, tra l’altro, ad aumentare il livello della sicurezza nelle città, abbattendone nel contempo i costi grazie alla video sorveglianza IP.

Allo stato attuale, la percentuale dei sistemi di sorveglianza che usano Internet per trasmettere dati ed immagini viaggia tra il 5 ed il 7 per cento. L’obiettivo è quello di portare questa percentuale al 15% in tempi brevi, facendo affidamento sul fatto che, in tempi di crisi, l’industria della sorveglianza video in Russia sta registrando un’impennata, con una crescita prevista del 20% su base annua a fine 2009.

Ovviamente, lo sviluppo delle soluzioni di sorveglianza via internet deve essere supportato da un adeguato sviluppo delle infrastrutture, specialmente nelle città minori. Se a Mosca la percentuale di accessi tramite fibra ottica è dell’85%, nel resto della Russia questa percentuale oscilla tra il 20% ed il 40%.

La lotta per accaparrarsi fette di mercato è divisa tra i settori della videosorveglianza IP, delle telecomunicazioni aziendali e della telefonia VoIP, con i grandi operatori che introducono sul mercato russo i loro prodotti di alto profilo, come videocamere per sorveglianza ad alta risoluzione; dall’altro lato però, bisogna fare i conti con una rete non sempre in grado di supportare una tecnologia così avanzata.
La battaglia è solo all’inizio, sarà il consumatore a beneficiarne? Chi vivrà vedrà!

Aerei da trasporto senza pilota, made in Russia

settembre 27, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Dozor-3

L’industria russa Kronstadt, un ramo del colosso moscovita Oboronprom operante nel settore aerospaziale e difesa, ha sviluppato un nuovo aereo radiocomandato senza pilota (UAV, Unmanned Aerial Vehicle) per uso militare.

Il Dozor-3, detto anche Dozor-600, è un aereo in miniatura del peso di 600 kg, che può trasportare fino a 100 kg di armi, apparecchiature tecniche per ricognizione o materiale militare in generale.

Il Dozor-3 può anche essere equipaggiato con telecamere (sia normali che a raggi infrarossi per la visione notturna) ed apparecchi fotografici per effettuare operazioni di ricognizione aerea. L’esercito russo ha deciso di dotarsi di aerei senza pilota per effettuare questo tipo di ricognizioni e riprese dall’alto, in seguito al conflitto con la Georgia per il controllo dell’Ossezia del Sud nell’estate 2008, quando l’efficienza delle operazioni militari (comunque vincenti grazie alla schiacciante superiorità numerica) è stata comunque drasticamente rallentata a causa della mancanza di informazioni attendibili a livello di spionaggio.

Pertanto, l’esercito dovrebbe ordinare nel prossimo futuro almeno 100 UAV e 10 sistemi di guida da terra allo scopo di affiancare l’analogo sistema Tipchak, il cui impiego nel teatro di guerra georgiano non ha fornito i risultati sperati.

Mentre il Tipchak viene lanciato tramite una catapulta pneumatica ed ha una autonomia operativa di circa 3 ore, il Dozor-3 può decollare come un normale aereo, usando brevi piste o radure, con una autonomia di circa 6 ore, pertanto ha un raggio d’azione doppio rispetto ai 40 chilometri del Tipchak.

Inoltre, il governo russo ha recentemente acquistato da un’azienda israeliana altri 12 aerei di tipo UAV, con una commessa il cui valore totale supera i 50 milioni di dollari.

Un nuovo micro registratore digitale dalla Olympus

settembre 26, 2009 Tecnologia Nessun Commento

LS-11

Alla fiera IFA di Berlino, la Olympus ha presentato il suo ultimo modello di registratore digitale in miniatura, il modello LS-11, che sarà introdotto sul mercato entro poche settimane, ad un prezzo di circa 400 dollari. Si tratta di un microregistratore che, sia pure in dimensioni ridotte, racchiude una serie di caratteristiche che ne fanno un vero registratore professionale.

Può registrare in tre diversi formati audio, tramite due microfoni ad alta sensibilità e a riduzione di rumore, salvando le proprie registrazioni su una memoria interna di 8 Gb, che può essere ampliata fino a 40 con l’aggiunta di una scheda di memoria SD fino a 32 Gb. I files registrati possono anche essere modificati direttamente sul registratore, tagliandoli, cancellandoli e spostandoli tra la memoria interna e la scheda SD.

Una novità per questa serie di registratori digitali in miniatura della Olympus è rappresentata dal sensore di attivazione vocale automatica VCVA, che consente l’attivazione automatica della registrazione quando viene rilevato un certo livello di volume.

Con la registrazione attivata manualmente, LS-11 può diventare un perfetto compagno di viaggio e di lavoro per giornalisti e scrittori che possono utilizzarlo per prendere appunti volanti, registrare note audio o effettuare interviste. Impostando il giusto livello di sensibilità dell’avviamento automatico, diventa perfetto per registrazioni ed intercettazioni nascoste di riunioni, conversazioni confidenziali o per la raccolta di prove da parte di investigatori o forze dell’ordine.

Il suo peso è di soli 142 grammi, e funziona con due batterie AA, che garantiscono fino a 23 ore di registrazione. Ha anche due altoparlanti da 16mm per l’ascolto immediato, e comprende anche il software Cubase, molto usato ad esempio dai musicisti, per effettuare operazioni di editing sulle tracce registrate.

Una telecamera da sorveglianza a prova di vandali

settembre 26, 2009 Tecnologia Nessun Commento

VB-C500VD

Come ben sappiamo, la sorveglianza è ormai un aspetto vitale nella nostra società: aziende, istituzioni, banche ed anche privati cittadini si trovano sempre più nella necessità di dover proteggere i propri uffici o la propria abitazione contro gli accessi non autorizzati, e la soluzione più comune è quella di utilizzare telecamere per videosorveglianza.

Spesso però, tali telecamere sono soggette ad attacchi da parte di malintenzionati o semplici vandali, allo scopo di ridurre l’efficienza del vostro sistema di protezione. Per evitare questo tipo di eventi, la Canon ha progettato una mini telecamera a cupola, la VB-C500VD, che può essere utilizzata ad esempio all’interno di una rete di telecamere a circuito chiuso.

Grazie alla sua lente grandangolare offre un campo visivo ampio, anche in condizioni di illuminazione minima per via della sua alta sensibilità, e grazie al suo sensore di attivazione automatica, può entrare in funzione appena rileva un movimento nel suo campo d’azione. Inoltre, il suo processore può inviare email o messaggi SMS per informarvi immediatamente in caso di allarme. Se montata all’interno di un sistema di rete, può essere alimentata con il sistema PoE (Power over Ethernet), ossia utilizza un solo cavo sia per l’alimentazione che per la trasmissione dati.

Quello che la rende perfetta per l’utilizzo in esterni (ad esempio per la sorveglianza di banche o apparecchi bancomat) è il suo involucro in materiali ad alta resistenza quali policarbonato ed alluminio, che la rendono impenetrabile all’urto e al danneggiamento. Inoltre, è montata con viti speciali anti intrusione, che la rendono impossibile da rimuovere per personale non autorizzato.
In breve, VB-C500VD è un accessorio assolutamente necessario per difendere i propri beni e garantire una sorveglianza senza interruzioni.

Batterie al silicio, fino a dieci volte più potenti!

settembre 25, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Silicon Nanotubes

Alcuni giorni fa, abbiamo parlato di una ricerca volta a testare l’utilizzo di elettrodi al grafene per la produzione di batterie Litio-ion che garantiscano una durata fino a 3 volte superiore.

Oggi, siamo qui ad informarvi su un nuovo sviluppo in questa direzione, che potrebbe consentire una durata addirittura fino a 10 volte superiore, grazie ai nanotubi di silicio.

Infatti, dei ricercatori della Stanford University hanno sviluppato degli elettrodi al silicio, che potrebbero permettere, ad esempio, una maggiore durata alle automobili ibride, consentendo loro di viaggiare con alimentazione elettrica fino a 3 o 4 ore, contro I 30 minuti attualmente possibili.

L’elettrodo al silicio può immagazzinare una maggiore quantità di energia rispetto a quelli alla grafite, perché assorbe una maggior quantità di litio nella fase di ricarica. Lo svantaggio sta nel maggior peso e volume che l’elettrodo deve sopportare, che ne limitano la durata. Per risolvere questo problema, i ricercatori hanno utilizzato il silicio nanostrutturato, ossia composto da una miriade di microscopici tubicini.

Questa struttura consente di opporre una maggior superficie di contatto al litio assorbito dall’elettrodo, ed anche di mettere a disposizione maggior spazio per l’espansione e la contrazione del silicio stesso in fase di caricamento e scaricamento della batteria.

Al momento, si sta testando la resistenza di questi elettrodi, allo scopo di renderli resistenti alle continue sollecitazioni causate da ripetute operazioni di ricarica.

Se i test dovessero essere positivi, avremmo a disposizione una ulteriore risorsa per prolungare la vita e l’efficienza delle apparecchiature alimentate con batteria al litio, ad esempio nel campo della sorveglianza audio e video, uno dei campi più sensibili a tali innovazioni tecnologiche, nel quale una maggiore durata della batteria può fare la differenza tra il fallimento ed il successo di un’operazione di sorveglianza.

Un raggio laser anti-paparazzi sul nuovo yacht di Abramovich

settembre 25, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Eclipse

Tranquilli, non stiamo facendo pettegolezzi sulla vita privata del magnate russo, questo è pur sempre un blog in cui si parla di tecnologia!

Coloro tra voi che invece seguono le notizie di gossip, potrebbero essere a conoscenza del fatto che il proprietario del Chelsea di Ancelotti sta facendosi costruire l’Eclipse, ovvero lo yacht privato più grande del mondo, nonché, naturalmente, il più caro (poteva essere altrimenti quando si parla di Abramovich?).

Tra i vari gadget e segni di opulenza a bordo, va annoverata una impressionante serie di dispositivi di sicurezza, che vanno dalla camera da letto blindata ad un sistema anti missile, fino a sofisticatissimi sistemi contro le intercettazioni audio. Per proteggersi invece dalle intrusioni dei paparazzi, l’oligarca ha fatto progettare un sistema rivoluzionario, in grado di rilevare la presenza di fotocamere digitali nel suo raggio d’azione, e di disabilitarle tramite un raggio laser, che le rende momentaneamente inutilizzabili, senza tuttavia distruggerle.

In questo modo, eventuali foto spia verrebbero irrimediabilmente perdute. Il sistema anti-paparazzi non sarebbe attivo in maniera permanente, quindi i suoi fortunati ospiti potrebbero scattare foto a bordo, ma se il personale di sicurezza avvistasse una barca sospetta, lo attiverebbero immediatamente ed esso rileverebbe i sensori CCD delle fotocamere digitali. A questo punto, partirebbe automaticamente un raggio laser verso il sensore stesso, cancellando la memoria della macchina fotografica.

Per i paparazzi che volessero scattare foto rubate di Abramovich in compagnia della sua fidanzata o di amici potenti, si preannunciano tempi duri. A meno che non decidano di tornare alla cara vecchia macchina fotografica reflex con teleobiettivo, che certamente non avrebbe nulla da temere da un raggio laser…

Una colonna di fumo ed un raggio laser fanno un microfono sensibilissimo!

settembre 24, 2009 Tecnologia Nessun Commento

laser mic

La ricerca di sempre maggiore accuratezza nella cattura e riproduzione del suono ha raggiunto un nuovo apice. I microfoni tradizionali contengono al loro interno dei diaframmi, le cui caratteristiche possono influenzare sia la sensibilità del microfono che la resa sonora.

Lo scienziato americano David Schwartz, inventore del formato MP3, ha presentato un nuovo microfono che elimina le interferenze meccaniche delle parti interne del microfono, semplicemente… eliminando le parti meccaniche stesse, e sostituendole con una colonna di fumo ed un raggio laser.

Il raggio laser misura le deviazioni che il suono causa nella colonna di fumo, restituendo pertanto un suono ad altissima fedeltà.

Poiché il fumo è praticamente senza peso, tali deviazioni sono rispondenti in maniera quasi esatta al formato dell’onda sonora catturata dal microfono, che pertanto restituirà un suono praticamente identico a quello emesso dalla fonte sonora.

Inoltre, l’eliminazione di parti meccaniche aumenta in ugual misura anche la sensibilità del microfono, consentendogli di catturare ogni piccola sfumatura, ed ogni piccolo sussurro. Questo rende il microfono a fumo e laser un accessorio potenzialmente rivoluzionario anche nel campo della sorveglianza audio, ove ogni piccola sfumatura sonora può rivelarsi vitale.

Sempre nel campo della sorveglianza veniva usato il primo microfono a raggi infrarossi, sviluppato nel 1947, che rilevava le vibrazioni del vetro di una finestra causate dalle onde sonore. Tale principio è usato dai moderni microfoni laser, che possono rilevare suoni attraverso una finestra fino ad una distanza di 1500 metri.

Ovviamente, il microfono si trova ancora nella fase di ricerca ed è soltanto un prototipo, ma potete apprezzarne le caratteristiche in una dimostrazione condotta dal suo inventore, nei video qui in basso.

New Mic Proof Of Concept

Smoke Mic Prototype One

Sorveglianza nelle città, in tempo reale, senza fili e a basso costo

settembre 24, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Surveillance Camera

Fino a pochi anni fa, i sistemi di sorveglianza video erano appannaggio pressoché esclusivo di banche, musei, ambasciate ed istituzioni governative in genere. Negli ultimi anni tuttavia, a causa della crescente minaccia terroristica e non solo, le telecamere per la sorveglianza delle strade sono diventate un accessorio di uso comune, indispensabile per la gestione della sicurezza cittadina.

Ovviamente, di pari passo con l’avanzamento tecnologico, ne cambiano le caratteristiche, non soltanto dal punto di vista tecnico, ma anche e soprattutto per quanto concerne il risparmio in termini di costo. Ad esempio, la Korenix, industria con sede a Taiwan, ha recentemente seguito un progetto di installazione di una rete di sorveglianza cittadina, operato tramite il proprio switch JetNet 3705.

Il JetNet 3705 è un router che oltre a trasmettere dati, fornisce anche energia alle telecamere ad esso collegate, consentendo di risparmiare in termini di spazio e di costi, ed anche semplificando la gestione centralizzata di una rete di telecamere.

Ad esempio, in una delle reti installate da Korenix, è stato utilizzato lo switch JetNet 3705 per alimentare una serie di telecamere montate sui pali della luce, e per trasmettere le relative immagini alla centrale operativa tramite una porta di uplink, risparmiando sui costi di installazione e di cablaggio dell’intero sistema.

Grazie al suo involucro rigido a dispersione di calore, è capace di operare in un ampio raggio di temperature (tra i -20 e i +70 gradi), rivelandosi pertanto una soluzione perfetta per la gestione in tempo reale della sicurezza in città, in qualsiasi condizione.

Grafene, il materiale del futuro per batterie a costo ridotto

settembre 23, 2009 Tecnologia Nessun Commento

Battery

Il grafene, molecola bidimensionale composta da atomi di carbonio disposti in maniera esagonale (la disposizione a nido d’ape) ed ottenuta dalla lavorazione in laboratorio della grafite, promette di rivoluzionare i circuiti integrati del futuro, e non solo.

Ad esempio, è stato scoperto che l’aggiunta di grafene al biossido di titanio nella produzione di elettrodi per batterie migliora le prestazioni della batteria stessa, fino a triplicarne la durata e l’efficienza. Questo potrebbe essere un primo passo per ridurre costi ed impatto ambientale delle attuali batterie Li-ion, attualmente prodotte con metalli rari, sulla cui estrazione si avrebbe un considerevole risparmio,  e con materiali a base di carbonio ad alta infiammabilità.

Il biossido di titanio, in sé, non fornisce adeguate prestazioni da poterlo rendere una alternativa possibile ai materiali attualmente in uso; pertanto, i ricercatori del Pacific Northwest National Laboratory, che stanno conducendo la ricerca su questi materiali alternativi da usare nelle batterie, hanno aggiunto il grafene, materiale dalle ottime caratteristiche di conduttività, per vedere se si registrasse un miglioramento nelle prestazioni del biossido di titanio.

Al momento di confrontare i risultati del test di conduttività, sia in fase di caricamento che di scaricamento dell’elettricità, si è potuto rilevare che gli elettrodi contenenti grafene fornivano prestazioni fino a tre volte superiori a quelle dei normali elettrodi all’ossido di titanio. Ad esempio, un’operazione di sorveglianza condotta con microspie alimentate a batterie Li-ion poterbbe durare fino a 3 volte tanto, con ovvi benefici dal punto di vista della raccolta di prove.

Per ora questi risultati sono validi solo nell’ambito di un progetto di ricerca, ma le case produttrici di batterie hanno già manifestato interesse per un progetto che promette di abbattere i costi di produzione. Staremo a vedere.

Spiare l’attività’ Internet di un dipendente? Ora è illegale

settembre 23, 2009 Tecnologia Nessun Commento

WebSpy

I giornali italiani di oggi riportano la notizia di un’azienda condannata a pagare un risarcimento danni ad un proprio dipendente, per averne spiato la navigazione Internet svolta in orario lavorativo, raccogliendo informazioni in un dossier utilizzato in seguito come base per una sanzione disciplinare contro il dipendente.

L’autorità’ di garanzia della privacy ha stabilito che le aziende non possono spiare i computers dei propri dipendenti durante l’orario di lavoro. Ovviamente questo non vuol certo dire che da oggi, potrete passare le vostre giornate in ufficio chattando con i vostri amici su Facebook o leggendo le notizie sportive, ma contribuisce a regolare la materia, da tempo oggetto di diatribe di vario genere tra aziende e sindacati.

Nel caso specifico, l’azienda teneva sotto controllo l’attività’ dei propri dipendenti grazie all’installazione di un programma che memorizza tutte le informazioni relative alla navigazione, mentre l’utente non sa di essere sotto controllo. Tale installazione è contraria allo Statuto dei Lavoratori e ai regolamenti attualmente vigenti in Italia in questa materia, pertanto la società e’ stata sottoposta a sanzione amministrativa.

Il problema del monitoraggio dell’accesso Internet durante l’orario di lavoro a scapito della produttività è particolarmente sentito negli USA, dove esistono addirittura dei corsi per insegnare ai responsabili del personale come spiare i propri dipendenti senza oltrepassare il limite consentito dalla legge.

Quindi, la prossima volta che vorrete controllare la vostra posta su Facebook o caricare una foto su Flickr mentre siete in ufficio ed il capo e’ impegnato in una riunione, potete farlo tranquillamente… o forse no?

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

CALCOLATRICE SPIA GSM


Calendario

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Come registrare conversazioni di nascosto in ufficio, o dove vuoi tu, in tutta sicurezza

10 Lug 2017

rec-card-micro-registratore-carta-credito

Microregistratore vocale a forma di carta di credito REC-CARD. Un campione di discrezione e di efficacia sul campo! Noi lo sappiamo bene: sul mercato esitono diversi micro registratori professionali validi, e soprattutto, “invisibili”. Eppure ogni qualvolta ci troviamo al cospetto di questo sottilissimo micro registratore digitale a forma di carta di credito, ne restiamo puntualmente affascinati, tanto da consigliarlo alle migliori agenzie di sorveglianza e investigazioni italiane ed estere. Perché …

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 Gen 2014

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 Apr 2013

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 Gen 2013

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 Gen 2013

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 Dic 2012

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 Nov 2012

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

Febbre da brevetti: ecco i più bizzarri

6 Nov 2012

Impazza la febbre da brevetti che vede protagoniste tutte le maggiori case produttrici di strumenti tecnologici esistenti al mondo. Queste idee sono custodite nella banca dati dell’Autorità americana “Uspto” e probabilmente un giorno troveranno reale applicazione.Vediamo alcuni tra i brevetti più bizzarri. Per evitare la tragica caduta al suolo dello smartphone, Amazon nel 2011 ha registrato un brevetto simpatico che vedrebbe l’apertura di alcuni airbag prima che il cellulare tocchi …

Gli scanner biometrici arrivano a scuola

12 Ott 2012

I sistemi di controllo degli accessi che utilizzano la biometria si stanno facendo sempre più largo nell’ambito di istituzioni ed aziende dato che permettono un elevato grado di sicurezza e lo snellimento delle procedure di controllo fisico. Da qualche giorno niente badge o cartellino anche per i docenti ed il personale Ata del liceo scientifico “Plinio Seniore” di Roma che ha imposto ai dipendenti l’utilizzo di scanner biometrici per segnalare …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.