Un nuovo mirino per cecchini sempre più letali

L’industria di armamenti americana Lockheed Martin si è appena aggiudicata un contratto da circa 4 milioni di dollari con il dipartimento DARPA del Ministero della Difesa USA, per sviluppare un mirino ipertecnologico a raggio laser per fucili ad alta precisione.

Il mirino laser, chiamato Dingo (Dynamic Image Gunsight Optic), contiene un piccolo computer balistico, affiancato da un puntatore a raggio laser e da una serie di sensori per misurare l’effetto del vento o di altri fattori ambientali sulla traiettoria.

Dingo calcola la traiettoria basandosi sulle informazioni ricevute dai sensori e dal puntatore laser, fornendo pertanto ai soldati uno strumento per colpire bersagli a lunga distanza, con un ottimo livello di risoluzione e, cosa più importante, senza dover cambiare il visore ogni volta che si deve modificare la distanza di sparo.

Infatti, i sistemi di puntamento attuali sono ottimizzati per una certa fascia di distanze, pertanto quando ci si trova in una missione e si devono colpire bersagli a differenti distanze, bisogna cambiare visore ogni volta, aumentando il rischio. Dingo risolve il problema annullando il rischio, migliorando pertanto anche la velocità e minimizzando il tempo che intercorre tra uno sparo e l’altro, con ovvi vantaggi per le prestazioni e l’efficienza della missione.

Infatti, i primi test svolti nello scorso dicembre hanno dimostrato che i cecchini erano in grado di raddoppiare la loro velocità di sparo, raddoppiando anche la probabilità di colpire bersagli a lunga distanza (oltre 1000 metri) al primo tentativo.
Nella prima fase di applicazione, il sistema Dingo verrà montato su fucili M-4 ed M-16, e una volta passata la fase di test potrebbe essere usato come parametro di riferimento per sistemi di sparo ad alta precisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.