Mantenere la propria privacy, arrivano i dispositivi autodistruggenti

Mantenere la propria privacy, arrivano i dispositivi autodistruggenti

Non c’è più limite alla ricerca tecnologica al fine di difendere la privacy degli utenti. Si stanno diffondendo strumenti autodistruggenti. A mali estremi, estremi rimedi. Già da tempo sono in uso dei maggiori esperti delle pen drive autodistruggenti. Si tratta di normali penne usb all’apparenza, che in caso capitino nelle mani sbagliate, ad una minima forzatura della chiavetta il microchip in essa contenuto si autodistruggerebbe grazie a dei micro sensori posizionati al suo interno, facendo perdere irrimediabilmente tutti i dati contenuti. Queste sono utilissime nel caso di imprenditori e uomini di affari che intendono mantenere segreti dati ed informazioni importanti senza correre il rischio che la fuoriuscita degli stessi decreti il fallimento aziendale.

Ed è notizia degli ultimi giorni, la presentazione al Mobile World Congress del nuovo smartphone autodistruggente. Praticamente il telefono si autodistrugge se qualcuno cerca di violare la memoria per recuperare dati senza autorizzazione. L’apparecchio utilizza Android ed appare uno smartphone come gli altri. Ma se qualcuno cerca di leggere i dati, il software attiva l’autodistruzione dello smartphone rendendo inutilizzabili i dati. Questo avviene attraverso un programma che cancella in modo indelebile le informazioni contenute rendendo impossibile recuperare i dati anche ai più esperti in informatica.

Certo è che ai più dispiacerebbe spendere una grossa cifra per un device che potrebbe distruggersi. Gli esperti nel settore utilizzano da anni lo Stealth Phone, un particolare telefono di casa Endoacustica Europe, in grado di rendere impossibile qualsiasi tipo di intercettazione telefonica. A differenza di un cellulare criptato che interviene sui dati voce, codificandoli e rendendoli incomprensibili ad un eventuale ascoltatore esterno, lo Stealth Phone protegge invece la telefonata stessa, rendendo non rintracciabile il telefono. Inoltre questo apparecchio avvisa immediatamente l’utente, mediante un messaggio di allarme o una discreta vibrazione quando qualcuno cerca di entrare in ascolto. A questo punto basterà spegnere e riaccendere il cellulare per essere nuovamente al sicuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.