Home » Tecnologia » Recent Articles:

Robot subacquei, ultima novità dalla Corea

aprile 21, 2010 Tecnologia Nessun Commento

WaterRobot

Il Ministero dei Trasporti della Corea del Sud ha stanziato fondi per circa 18 milioni di dollari, da utilizzare per un progetto mirato allo sviluppo di robot subacquei di vario tipo, che si spera possano rendersi utili per ricerche subacquee e anche per eventuali aiuti nella ricerca di superstiti in caso di catastrofi naturali o naufragi.

I robots dovranno essere in grado di camminare sul fondo marino a circa 30 metri al minuto, o di nuotare a 20 metri al minuto, e dotati di telecamere di precisione ed apparecchiature audio per la rilevazione sia visiva che acustica di eventuali oggetti di interesse sul fondo marino, ad esempio per effettuare ricerche scientifiche o per monitorare la salute della fauna acquatica, o per scendere nelle profondità marine per individuare relitti al di sotto della profondità massima raggiungibile dai normali sub.

Questo genere di apparecchiature può rivelarsi utilissimo in caso di tragedie marittime, quando la rapidità nelle ricerche è un fattore essenziale, e l’uso della tecnologia potrebbe salvare molte vite, specialmente se le ricerche avvengono durante le ore notturne o in zone con forti correnti, dove le ricerche di una eventuale nave dispersa e delle relative vittime potrebbe richiedere anche giorni interi.

Lo sviluppo di questi robots dovrebbe avvenire in due fasi: la prima per lo sviluppo di un veicolo automatizzato in grado di scendere fino a 200 metri di profondità, da sviluppare entro il 2012, mentre nella seconda fase, il cui completamento è previsto entro l’anno 2015, si dovrebbe completare la fabbricazione di una versione del robot in grado di scendere fino a 6000 metri sotto il livello del mare.

Software cellulari spia

aprile 21, 2010 Tecnologia Nessun Commento

6290

Come molti di voi sapranno, e non solo dalle pagine di questo blog, ormai praticamente tutti i modelli di cellulare con tutti i sistemi operativi (da Symbian a Windows Mobile, dagli iPhone ai Blackberry) possono essere trasformati in cellulari spia tramite l’installazione, sul telefono stesso, di un piccolo ma potentissimo software invisibile che consente di controllare a distanza l’attività del cellulare su cui è installato, in maniera del tutto invisibile e senza destare sospetti, comandato a distanza tramite dei semplici SMS che attivano o disattivano le varie funzioni.

Da oggi, per coloro che non hanno la possibilità di essere sempre pronti per ascoltare in diretta le telefonate del soggetto sotto controllo, il software spia si arricchisce di una ulteriore funzione, che permette a chi lo usa di ottimizzare le operazioni di sorveglianza.

Infatti, da oggi lo Spy Phone è in grado di registrare le telefonate intercettate, sia in entrata che in uscita, e non solo: una volta terminata la telefonata, il file audio con la registrazione vi verrà immediatamente inviato al vostro indirizzo email, affinché possiate tranquillamente ascoltarlo in un secondo tempo, e raccogliere prove documentali per dimostrare una infedeltà coniugale o un caso di spionaggio industriale.

Il file audio viene temporaneamente salvato sulla memoria del cellulare stesso, in maniera dinamica: infatti, se la scheda di memoria dovesse essere piena, il programma userà la memoria del telefono, e viceversa. Non appena il messaggio vi sarà stato inviato, il file audio verrà rimosso dal cellulare, e non resterà pertanto nessuna traccia del messaggio email inviato.

Anche questa funzione (per ora disponibile soltanto su cellulari Symbian), come le altre, è attivata o disattivata semplicemente tramite l’invio di un SMS codificato, che verrà intercettato dal software spia, e non visualizzato sullo schermo del telefonino, per consentirvi di svolgere la vostra operazione di sorveglianza audio nella massima privacy.

Un motoscafo o un sommergibile? Entrambi!

aprile 20, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Hyper Sub

Per le forze di polizia costiera che vogliono aggiungere un ulteriore strumento nelle loro operazioni di pattugliamento, per intrattenimento ed escursioni turistiche, per la ricerca scientifica sottomarina, o anche per chi non sa decidere se acquistare un motoscafo o un sottomarino, la soluzione è un ibrido tra i due, chiamato Hyper Sub.

Si tratta di un veicolo che sulla superficie del mare è capace di raggiungere una velocità di 40 nodi con un’autonomia di circa 500 miglia, ed anche di inabissarsi sott’acqua fino a raggiungere la rispettabilissima profondità di 250 metri, trasportando fino a 4 passeggeri oltre al pilota.
Il suo interno può essere configurato per una varietà di possibili usi, che vanno appunto dallo svago per immersioni ed escursioni, all’uso a scopi scientifici ed altro.

A tale scopo Hyper Sub, costruito in Florida da Marion, sarà disponibile in tre modelli diversi, con configurazioni diverse a seconda della destinazione d’uso. L’alimentazione in superficie avviene tramite un doppio motore diesel, mentre in fase d’immersione viene usato un motore elettrico ricaricabile con autonomia fino a 20 ore di immersione a seconda della velocità.

Grazie alla parte superiore del suo abitacolo completamente trasparente, nella configurazione Sport, questo veicolo acquatico ibrido si presta molto all’utilizzo per scopi ricreativi o turistici. Le altre configurazioni invece, senza il cupolino trasparente, lo rendono più adatto a scopi scientifici e di sorveglianza. A marcare tale differenza sono anche i sedili all’interno, più curati ed eleganti nella versione Sport per uso ricreativo.

Chi volesse saperne il prezzo, però, dovrà aspettare, perché attualmente, Marion non ha ancora iniziato la produzione di serie dei suoi diversi modelli di Hyper-Sub.

SIM-Fi, la prima scheda SIM con WiFi incorporato

aprile 20, 2010 Tecnologia Nessun Commento

SimFi

I nostri cellulari sono ormai praticamente dei piccoli computers, e ci offrono la possibilità di essere sempre collegati in rete, per non perdere di vista il nostro lavoro o la nostra email nemmeno per un secondo. Ora, oltre a collegarsi a Internet tramite GPRS o rete wireless, possono diventare loro stessi degli hotspot WiFi, collegandosi ad altri apparecchi WiFi presenti nei dintorni. Come? Grazie alla SIM-Fi, la prima scheda SIM con WiFi incorporato.

Tale scheda, progettata da Sagem-Orga, uno dei leaders mondiali nella produzione di schede SIM, contiene al suo interno, oltre alla canonica tecnologia telefonica, anche un chip WiFi, che consente pertanto di usare il cellulare come se fosse un router, per collegare il vostro computer alla rete anche in assenza di connessione Internet, e soprattutto per condividere tale connessione con i computers dei vostri amici o del vostro ufficio.

Grazie al segnale WiFi emesso dai cellulari che montano questa SIM, non c’è più bisogno di Bluetooth, e se avete un abbonamento con una tariffa dati adatta, le persone presenti in zona che abbiano un cellulare dotato di WLAN potranno usare la vostra rete WiFi, senza l’aggravio di costi di una connessione GPRS. In pratica, il vostro telefono cellulare potrà essere trasformato in un punto di accesso WiFi, a cui altri utenti potranno collegarsi semplicemente autenticandosi con la chiave di accesso, o liberamente se la rete è aperta.

L’unico problema è di ordine pratico, in quanto attualmente, la SimFi non è ancora compatibile con i comuni cellulari in quanto ha delle dimensioni lievemente maggiori rispetto allo standard. Per questo, sarà necessario che i costruttori di cellulari e smartphone rendano possibile l’uso della SIM wireless adottando degli slot più grandi che possano accogliere sia questa scheda che quelle normali.

La ricerca allunga la vita delle batterie al litio

aprile 17, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Anode

Nessuno sembra rendersi conto dello sforzo a cui sono sottoposte le batterie che alimentano i nostri apparecchi elettronici, specialmente mentre i nostri lettori MP3, telefoni cellulari e le ultime novità diventano sempre più potenti, richiedendo sempre maggiore energia per il loro funzionamento.

Pertanto, le normali batterie ricaricabili al litio hanno vita difficile, e proprio per migliorarne le prestazioni in maniera significativa, un team di ricercatori del Georgia Institute of Technology sta lavorando ad un nuovo tipo di elettrodi basati su materiali compositi al silicio.

Attualmente, gli elettrodi delle batterie al litio sono composti di grafite, e generano corrente elettrica trasferendo ioni di litio tra l’anodo ed il catodo. Gli elettrodi al silicio possono effettuare questo trasferimento ad una velocità dieci volte superiore, aumentando di dieci volte anche la capacità della batteria stessa, e ovviamente la sua durata.

Il problema, in questa fase della ricerca, sembra essere la stabilità delle prestazioni di questo nuovo tipo di elettrodi; infatti, ad ogni fase di carica e ricarica il materiale di cui sono composti gli elettrodi si espande e contrae. Se si sostituisse una particella di grafite con una di silicio delle stesse dimensioni, tale espansione e contrazione finirebbe ben presto con lo spaccare l’elettrodo.

I ricercatori stanno comunque lavorando in tale direzione, usando dei nanomateriali che oltre a risolvere questo problema, consentono di immagazzinare una maggior quantità di energia in una batteria più piccola, e quindi di aumentare considerevolmente (appunto, fino a 10 volte) la potenza e capacità di una batteria mantenendone le dimensioni.

In un futuro non troppo distante, le batterie dei nostri cellulari, ad esempio, oltre a diventare sempre più piccole, potrebbero essere ricaricate soltanto una volta ogni mese o due: così potrete tranquillamente dimenticare il vostro caricabatterie a casa quando partite per un viaggio!

Anziani malati di Alzheimer? Controllateli via GPS

aprile 16, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Alzheimer

Chi ha la sfortuna di avere una persona cara colpita dal terribile morbo di Alzheimer sa quanto difficile possa essere convivere con gli effetti della malattia, la perdita di memoria e le azioni inconsulte che essa causa nelle persone che colpisce, che necessitano di continue attenzioni per evitare che, ad esempio, possano allontanarsi senza rendersene conto, ed avere difficoltà per poi ritrovare la strada di casa.

Fortunatamente, la tecnologia ci viene incontro, con un sistema di monitoraggio che, usando la tecnologia GPS, ci permette di rintracciare i nostri cari, in caso di allontanamento, nel giro di pochi minuti, indicandone la posizione grazie ad una sorta di braccialetto elettronico che usa il sistema di localizzazione GPS per tenere sotto controllo la posizione di chi lo indossa.

Il localizzatore GPS è collegato ad una centralina e, non appena il paziente si allontana oltre una distanza prestabilita, la centralina invia un allarme e ne indica la posizione, consentendo a chi di dovere di intervenire per evitare guai peggiori. La distanza può essere impostata a livellil diversi, a seconda delle condizioni del paziente: migliori sono le sue condizioni, maggiore sarà la sua libertà di movimento.

Trusty Bip, questo il nome del sistema, consente di monitorare fino a 40 pazienti, e pertanto può essere utilizzato ad esempio all’interno di una clinica, specialmente se dotata di un parco ove i pazienti, loro malgrado, potrebbero non essere in grado di ritrovare la strada. Un sistema del genere, oltre ad essere utile per le cure, consente di vivere la malattia in maniera più rilassata, rendendo la vita più facile sia per il paziente che per coloro che gli sono intorno e se ne prendono cura, siano essi infermieri, medici o familiari.

Display da polso flessibile ad energia solare

aprile 16, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Display

Gli strumenti tecnologici diventano sempre più leggeri e sottili, e sicuramente tra coloro che sono in grado di apprezzare maggiormente queste caratteristiche ci sono i soldati impegnati in zone di guerra, che certamente si troverebbero in difficiltà a dover trasportare complicati ed ingombranti sistemi elettronici e pesanti batterie.

A questo scopo, la Hewlett-Packard sta lavorando sul prototipo di un display fatto di materiale flessibile e leggerissimo, alimentato ad energia solare, che può essere arrotolato attorno al polso di chi lo usa, o cucito sopra all’uniforme, per visualizzare mappe ed indicazioni operative, rendendo più semplice il compito dei soldati che a volte si trovano a dover trasportare fino a 30 chilogrammi di solo materiale elettronico, per tacere degli armamenti.

I display flessibili, costruiti secondo la tecnologia E-Ink, sono degli schermi per computer fatti quasi interamente di plastica, leggeri e flessibili tanto da poter essere arrotolati e riposti all’interno di uno zaino. Tale tecnologia rappresenta un grosso passo in avanti nel risparmio durante la produzione di tali apparecchiature, in quanto possono essere fabbricati in rotoli, come della normale carta, e poi tagliati a seconda delle dimensioni richieste.

Il risparmio in termini di tempo, costo, ingombro e logistica, rispetto alle attuali catene di montaggio per la costruzione dei normali schermi LCD, è facilmente immaginabile, e potrebbe in un futuro non troppo distante diventare lo standard.
Per ora, come in molti altri campi dello sviluppo tecnologico, questi display vengono testati in ambito militare, con piccoli schermi delle dimensioni di un portafoglio. Se dovessero dimostrarsi affidabili, HP inizierebbe a produrne anche in formati più grandi, che potrebbero ben presto invadere le nostre case.

La videocamera GPS registra la vostra posizione

aprile 16, 2010 Tecnologia Nessun Commento

GoBandit

Strano che nessuno ancora ci avesse pensato, ma visto lo sviluppo della tecnologia video, c’era da aspettarselo che, prima o poi, sarebbe sbarcata su questo pianeta anche una videocamera GPS.

Si tratta di una normale telecamera di tipo “actioncam“, per intenderci di quelle che possono essere montate sul casco di un motociclista o di uno sciatore per effettuare riprese di corse o di sport estremi dal punto di vista del partecipante.
Questo tipo di telecamere, oltre all’uso per svago, possono essere utilizzate anche in campo militare o da forze dell’ordine, per efettuare riprese di operazioni anticrimine o di azioni di combattimento.

Ed è proprio da questo tipo di esigenze che nasce la telecamera GPS prodotta da GoBandit, che oltre alle classiche funzioni di registrazione digitale e all’impermeabilità che le permette di scendere sott’acqua fino a un metro di profondità, visualizza sullo schermo anche le coordinate geografiche, nonché l’altitudine ed anche la velocità di movimento, e queste informazioni possono essere aggiunte alla registrazione.

Questa caratteristica si rivela particolarmente utile in campo militare, per poter rintracciare un bersaglio o un luogo d’interesse in un secondo momento, oppure durante la ricerca di sopravvissuti in seguito ad una catastrofe naturale.

La videocamera GoBandit GPSHD è anche dotata di telecomando ad infrarossi, pertanto può anche essere avviata a distanza di alcuni metri, e grazie alla sua scocca rinforzata è particolarmente indicata per situazioni scomode o pericolose, quando si ha bisogno di usare entrambe le mani lasciando che la telecamera montata sul casco faccia tranquillamente il suo lavoro.

GPSHD sarà disponibile negli USA, in Europa ed in Australia dal prossimo mese di giugno, ad un costo previsto inferiore ai 400 dollari.

Controllate la vostra casa grazie alla radiosveglia con telecamera

aprile 15, 2010 Tecnologia Nessun Commento

radiosveglia

Se avete paura che durante la vostra assenza qualcuno possa penetrare all’interno della vostra casa, o se avete dei dubbi sulla fedeltà del vostro coniuge, e volete essere rassicurati mentre siete lontani, magari in vacanza dall’altra parte del mondo, in modo da poter dormire sonni tranquilli e gustarvi il vostro meritato riposo, oggi avete una soluzione a vostra disposizione.

Quella che ad una prima normale occhiata può apparire come la classica sveglia che tutti tengono sul comodino, in realtà al suo interno contiene una microcamera ad alta risoluzione, che la trasforma in una vera e propria radiosveglia spia, in grado di captare immagini e suoni, e non solo.

Infatti, collegandola tramite un router WiFi alla vostra normale rete wireless di casa, la radiosveglia con telecamera incorporata può trasmettervi via Internet il risultato delle sue intercettazioni. Allo stesso modo, sempre via Internet, tramite un semplice pannello di controllo, potete modificarne le impostazioni a vostro piacimento, impostandone i vari livelli di sensibilità e l’attivazione automatica.

Infatti, la radiosveglia con telecamera wireless è in grado di entrare automaticamente in funzione, non appena il suo sensore rileva un movimento o un suono nella stanza, e immediatamente inviare le sue registrazioni online, dove potrete visionarle con comodo più tardi: in alternativa, potete scegliere di ricevere una notifica immediata via email non appena la videocamera rileva un’attività.

In questo modo, in caso di pericolo, potrete intervenire immediatamente, e ad esempio se dei ladri si sono introdotti nella vostra proprietà, avrete modo di dare l’allarme e far intervenire le forze dell’ordine, per poi gustarvi tranquillamente il vostro viaggio di lavoro o di piacere.

Dopo il razzo, arriva anche un aereo personale

aprile 14, 2010 Tecnologia Nessun Commento

Puffin

Tutti noi abbiamo sognato di volare, non soltanto su un aereo di linea, ma di avere le ali o, quanto meno, un piccolo aereo solo per noi che ci facesse sentire come degli uccelli. E stranamente, la NASA, per progettare il suo aereo monoposto Puffin, si è ispirata si alla forma di un uccello, ma di un uccello famoso non tanto per il suo volo, ma per li suo aspetto goffo, quello che in italiano si chiama pulcinella di mare (in inglese, appunto, Puffin).

Si tratta di un prototipo di aereo a decollo ed atterraggio verticale, con una coda somigliante a quattro zampe che vengono usate per l’atterraggio. Una volta decollato come fosse un elicottero, questo aereo personale assume la posizione orizzontale, con il pilota sdraiato in avanti come in un deltaplano.

Il Puffin ha una lunghezza di circa 3.70 metri, ed un’apertura alare di 4.40 metri, con un peso di soli 140 chilogrammi a vuoto, a cui aggiungere 45 chili di batterie ed il peso del pilota. L’alimentazione avviene grazie ad un motore elettrico, con una potenza massima di 60 cavalli, sufficiente per portarlo ad una velocità massima di circa 240 chilometri orari, con un’autonomia (a velocità di crociera) di circa 80 chilometri.

Il nome Puffin deriva non soltanto dalla sua forma un po’ sgraziata e dalla somiglianza tra il suo cupolino ed il becco dell’uccello in questione, ma anche e soprattutto perché il pulcinella di mare è considerato un uccello “ambientalista” grazie alla sua estrema pulizia, proprio come questo prototipo che, grazie al suo motore elettrico, non inquina l’ambiente circostante e aiuta a realizzare il sogno del volo.

Endoacustica Europe blog

Il blog che ti aggiorna sulle nuove tecnologie applicate alla sorveglianza audio video, difesa personale e controsorveglianza!

CALCOLATRICE SPIA GSM


Calendario

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

CONTATTACI:


Endoacustica Europe srl

Via Umberto Terracini, 47
70029 Santeramo in Colle (BA)
P.IVA IT06836020724
ITALY
tel. 0039 080 30 26 530
tel. 0039 080 43 73 08 93
fax 0039 080 40 73 11 87
e-mail: info@endoacustica.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

ARTICOLI IN RILIEVO

Come registrare conversazioni di nascosto in ufficio, o dove vuoi tu, in tutta sicurezza

10 Lug 2017

rec-card-micro-registratore-carta-credito

Microregistratore vocale a forma di carta di credito REC-CARD. Un campione di discrezione e di efficacia sul campo! Noi lo sappiamo bene: sul mercato esitono diversi micro registratori professionali validi, e soprattutto, “invisibili”. Eppure ogni qualvolta ci troviamo al cospetto di questo sottilissimo micro registratore digitale a forma di carta di credito, ne restiamo puntualmente affascinati, tanto da consigliarlo alle migliori agenzie di sorveglianza e investigazioni italiane ed estere. Perché …

Microfoni, microspie e microregistratori low cost

28 Gen 2014

Microfoni direzionali grandi come uno spillo. Telecamere e microspie nascoste dentro occhiali da vista o da sole, comunissime penne, chiavi e portachiavi, bottoni, camicie, cuscini e peluche. Insomma ovunque. Batterie che durano ore e si attivano a distanza o si spengono e si accendono automaticamente quando avvertono un rumore. Il mercato delle cimici e dei loro derivati è in continua evoluzione e l’offerta è davvero vastissima. Prezzi stracciati e soluzioni …

La risposta alle intercettazioni: lo Stealth Phone

4 Apr 2013

Sempre più spesso sulle prime pagine dei giornali si leggono notizie di intercettazioni telefoniche di conversazioni riguardanti politici, grandi imprenditori, funzionari pubblici e persone “importanti” in generale. In realtà oggi chiunque conosca anche solo di sfuggita una persona che occupa posizioni di rilievo o che abbia avuto dei guai con la legge rischia che le sue conversazioni vengano intercettate. L’unica soluzione è l’utilizzo di un cellulare criptato. Attraverso i diversi …

Grande tecnologia in piccole dimensioni

25 Gen 2013

Un piccolo cubo di 5cm per lato potrà presto rubare la scena ai tablet e agli occhiali smart. CuBox Pro, il nome del cubetto sfornato qualche settimana fa dalla Solid Run in versione aggiornata rispetto al primo modello del 2011. Al suo interno tutte le caratteristiche di un pc di ben altre dimensioni: un chip Arm dual core da 800 Mhz, due giga di Ram e memoria espandibile fino a …

Parola d’ordine: gadget

22 Gen 2013

L’hi-tech ha una nuova parola d’ordine: gadget. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, più o meno utili e sempre più personalizzabili. Alcuni gadget hanno fatto capolino sul mercato nelle ultime settimane. Vediamo i più graditi. Ci aiuterà a non restare più senza batteria, il Nectar Mobile Power System, strumento di alimentazione portatile che assicura energia elettrica extra per oltre due settimane, per singolo dispositivo. …

Internet delle cose stravolgerà il nostro quotidiano

10 Dic 2012

Il Web 3.0 non è ancora molto lontano. Tutti i grandi laboratori stanno lavorando duramente per mettere a punto nuove applicazioni che riguardano l’Internet delle Cose. Con questo neologismo è stata battezzata l’ultima frontiera della tecnologia online. Il punto di forza risiede nella possibilità attribuita agli oggetti di interagire tra di loro acquisendo e scambiandosi informazioni. La sveglia ad esempio potrebbe suonare in anticipo una volta constatato, tramite internet, condizioni …

La tecnologia a servizio della sorveglianza

26 Nov 2012

Mini dirigibili wireless, missili ultraveloci che attraversano il pianeta in pochi minuti, piccoli elicotteri di video sorveglianza aerea, sistemi audio-video supersofisticati. Sono queste le più moderne tecnologie a servizio dei servizi segreti. Per spiare si usano particolari telefoni cellulari, computer sorvegliati a distanza e oggetti di uso quotidiano sapientemente modificati. Fonte senza limiti per i servizi segreti è senza dubbio internet ed in particolare i social network. Una sorta di …

Febbre da brevetti: ecco i più bizzarri

6 Nov 2012

Impazza la febbre da brevetti che vede protagoniste tutte le maggiori case produttrici di strumenti tecnologici esistenti al mondo. Queste idee sono custodite nella banca dati dell’Autorità americana “Uspto” e probabilmente un giorno troveranno reale applicazione.Vediamo alcuni tra i brevetti più bizzarri. Per evitare la tragica caduta al suolo dello smartphone, Amazon nel 2011 ha registrato un brevetto simpatico che vedrebbe l’apertura di alcuni airbag prima che il cellulare tocchi …

Gli scanner biometrici arrivano a scuola

12 Ott 2012

I sistemi di controllo degli accessi che utilizzano la biometria si stanno facendo sempre più largo nell’ambito di istituzioni ed aziende dato che permettono un elevato grado di sicurezza e lo snellimento delle procedure di controllo fisico. Da qualche giorno niente badge o cartellino anche per i docenti ed il personale Ata del liceo scientifico “Plinio Seniore” di Roma che ha imposto ai dipendenti l’utilizzo di scanner biometrici per segnalare …

ADS


 RILEVATORE MICROSPIE
bonifiche ambientali
Rilevatore di giunzioni non lineari capace di scoprire dispositivi elettronici nascosti, anche se il dispositivo emette irradiazioni, abbia fili o sia acceso.
 MICROREGISTRATORI
Nuovissimi microregistratori digitali con durata di registrazione fino a 1200 ore. Utilissimi per raccogliere prove o scoprire tradimenti di ogni tipo. I modelli ad attivazione vocale VAS permettono inoltre una maggiore autonomia di consumi. Affidabilità, efficacia e prezzo conveniente.
 JAMMER
jammerPer proteggere la privacy, il silenzio o la riservatezza delle proprie informazioni, è pertanto consigliabile munirsi di un dispositivo di protezione quale un jammer per cellulari, ossia un dispositivo che, in mancanza della possibilità di intervenire sugli apparecchi stessi per spegnerli, interviene sulle onde radio presenti nella stanza o nella sala da isolare.
 CELLULARI SPIA O SPYPHONE
spyphone Uno spy phone, o cellulare spia, è un normale cellulare su cui viene installato un software spia capace di intercettare qualsiasi azione intrapresa sul cellulare stesso (chiamate, SMS, foto ecc.). Il software spia per spyphone è funzionante sulla maggior parte degli smartphone con sistema operativo Android, iOS e Blackberry.
 MICROAURICOLARI
microauricolareI micro auricolari permettono di comunicare con un telefono GSM discretamente, senza cioè alcun filo esterno. Adattabile a qualsiasi modello di cellulare in commercio. La piastrina induttiva, collegata al cellulare tramite un cavetto, trasmette quanto ricevuto all'auricolare celato nell'orecchio.
 MICROFONI DIREZIONALI
Microfoni direzionali completi di amplificatore, per ascoltare a debita distanza conversazioni in modo assolutamente discreto. Fornito di protezione anti-vento e un dispositivo che minimizza gli effetti negativi dovuti ad eventuali vibrazioni meccaniche.
 MICROFONI DA MURO
Microfoni da muro per ascoltare attraverso pareti fino a 70 cm. Microfono ultrasensibile professionale, ad elevatissima sensibilità, dotato di microfono ceramico ad alta sensibilità, per rivelare anche i più piccoli rumori. Suono limpido e stabile. Prese per registratore, ed auricolare.
 CAMUFFATORI DI VOCE
Cambiavoce telefonico se interposto fra la cornetta ed il telefono, cambierà letteralmente la vostra voce in un’altra. Trasforma qualsiasi voce in maschile o femminile, adulto o bambino. Il camuffatore di voce può essere adattato a telefoni cellulari, cordless, altoparlanti e microfoni, sistemi di registrazione, o collegato a centraline telefoniche. La voce riprodotta non è robotizzata ma umana.
 MICRO TELECAMERE
Le Micro telecamere rappresentano un decisivo passo in avanti nella miniaturizzazione di elementi ottici, premiando un prodotto di rara fattezza e funzionalità. La microtelecamera, infatti, oltre ad avere ridottissime dimensioni (il suo diametro può raggiungere i 3.5mm x 8.6mm), possiede caratteristiche tecnico-funzionali ineguagliabili.
 VIDEOREGISTRATORI MINI
I Videoregistratori mini sono indicati per chi vorrebbe videoregistrare quello che vede, sia per svago che per i più svariati motivi professionali, ma non è in grado di usare una normale videocamera. Le possibilità di utilizzo di un sistema di registrazione così piccolo sono innumerevoli.
 CELLULARI CRIPTATI SAFE&TALK
cellulari criptatiI cellulari criptati Safe&Talk sono la soluzione software per una comunicazione mobile sicura. Se avete timore che qualcuno possa ascoltare le vostre conversazioni o leggere i vostri SMS sul vostro cellulare, Safe & Talk è la soluzione software efficace per effettuare chiamate criptate su rete GSM, con grado di affidabilità estremo offrendo la possibilità di criptare i vostri sms.
 KEYLOGGER
keyloggerKeylogger, è un dispositivo grande quanto il tappo di una penna, capace di registrare ogni carattere digitato sulla tastiera del PC su cui viene installato. Questo dispositivo registra tutto ciò che viene digitato sulla vostra tastiera.
 LOCALIZZATORI GPS
localizzatore satellitareLocalizzatori satellitari, è un sistema di gestione e localizzazione professionale che, grazie alle sue dimensioni ridotte e alle antenne GPS e GSM incorporate, può essere reso operativo in brevissimo tempo e può essere posizionato praticamente ovunque.
 VALIGIE DI SICUREZZA
valigie di sicurezzaLe valigie di sicurezza, sono preferiti dagli ufficiali più anziani e da uomini d'affari per il suo rivestimento in cuoio di alto valore, per lo stile alla moda, per l’ampia gamma di scopi. Ha le funzioni di impulso ad alto voltaggio, di controllo radio remoto, anti-perdita, antifurto ed altro.
 LOCALIZZATORE RF
localizzatore rf

Localizzatore di oggetti, studiato appositamente per coloro che hanno l’esigenza di tenere sotto controllo i loro animali domestici, ad un costo assai limitato, ma non solo puo' anche essere utilizzato per ritrovare oggetti preziosi, localizzare bici da corsa rubate e automobili parcheggiate.